18° Run & Gun

Corse, Pioggia, Divertimento vero!

Vedi tutte le 36 fotoEric GeisertwriterJan 10, 2006

Potreste pensare, dopo aver guidato attraverso St. Louis e aver visto i cartelli che vi indirizzano a Memphis, Chicago e Kansas City, e poi attraversare il possente Mississippi, di essere vicini al crocevia del paese del blues, e avreste ragione.

E se pensate che i prezzi della benzina sull’autostrada si stiano mettendo male, sentire che 100 ottani senza piombo alle pompe della pista costavano 6,00 dollari al gallone ha fatto quasi piangere. E anche se quest’anno sono stati aggiunti dei muri “morbidi” a porzioni del tracciato del percorso stradale, probabilmente sarà l’anno prossimo prima di vedere una nuova disposizione del tracciato stradale, facendo scorrere il percorso all’indietro. (L’organizzatore dell’evento Rich Pickels ha dichiarato: “C’è già chi gestisce il percorso all’indietro!)

Dopo l’incontro, tutti si sono diretti al corso di Autocross, istituito da un capitolo locale della SCCA. Il tracciato è diverso ogni anno, ma ha comunque incorporato tutte le misure di sicurezza (ad esempio, tanti metri tra il percorso e le barricate).

Proprio quando è iniziata la prima parte di allenamento, verso le 9 del mattino, ha cominciato a cadere il primo accenno di pioggia. Solo 25 minuti dopo, il sole è spuntato fuori, la corsa è ripresa, e solo alle 10:15 la pioggia è caduta per circa mezz’ora. Ma con l’aiuto di alcuni corridori locali che quel giorno usavano anche loro l’impianto, hanno corso il percorso e hanno fatto uscire l’acqua dalle pozzanghere colpendole ad alta velocità.

Divertente da guardare oltre che produttivo, i corridori hanno presto capito come le loro auto si sarebbero comportate su superfici scivolose. Anche se le auto con pneumatici da strada se la cavano meglio di quelle con pneumatici sgonfi, i proprietari di auto con pneumatici sgonfi erano fiduciosi che le cose sarebbero cambiate quando sarebbe arrivato il momento di trascinare la gara più tardi in settimana. Quasi tutti hanno fatto le loro corse cronometrate sul percorso di autocross prima che arrivassero le forti piogge. E così vicino all’ora di pranzo, si è deciso di dare da mangiare ai corridori in anticipo, in attesa che le nuvole si diradassero nel corso della giornata.

Articolo molto interessante
Il pick-up Ford Roadster di Gary Meitner del 1932 - Turtle Wax Kansas City Top 100

Terminato l’autocross, i corridori sono tornati sulla pista del percorso per fare più pratica prima delle corse cronometrate. Le corse sono iniziate alle 2:00, ma nel giro di 15 minuti le piogge sono tornate, e alle 3:30 i commissari di pista hanno deciso di chiudere la giornata e di mandare a casa gli addetti alle curve e l’ambulanza di sicurezza. Presto, la pioggia scendeva così forte sul tetto d’acciaio sopra i box che non si sentiva quasi più parlare quando qualcuno era in piedi accanto a te! Nel Midwest, se si aspetta abbastanza a lungo, il tempo passa… e così è stato anche in questo giorno.

Vedi tutte le 36 foto

2° giorno, Corso su strada Dopo le piogge del giorno precedente, i corridori si sono svegliati venerdì mattina con uno spesso strato di nebbia che ricopriva l’impianto, spingendo gli ufficiali di pista a rimandare le prove su strada e le prove a tempo fino a quando non si fosse alzato. A causa della nebbia, il primo turno di prove cronometrate è partito in ritardo, ma entrambe le classi sono state in grado di correre (tranne un pilota professionista) prima che un diluvio di cinque minuti chiudesse la pista per un’ora. Verso le 11:00, i piloti hanno deciso di fare una pausa per il pranzo, prendere qualcosa da mangiare e aspettare ancora una volta che il tempo cambiasse.

A mezzogiorno la pista si era asciugata a sufficienza, ma un altro fronte di pioggia si stava avvicinando. Quando i corridori sono riusciti a montare e riscaldare i motori, il fronte in rapido movimento è sceso e i cieli si sono riaperti. Gli ufficiali di gara hanno convocato un’altra riunione dei piloti per discutere su cosa fare dopo. Un occhio vigile è stato tenuto d’occhio sul radar locale / stazione meteo, mentre i corridori hanno parlato di come migliorare l’evento dell’anno prossimo. Alcune delle idee erano due diversi tipi di crociere per i non corridori che volevano portare la propria auto all’evento – uno attraverso il centro di St. Louis, e l’altro consentendo alcuni giri a bassa velocità attraverso il percorso stradale o intorno all’enorme pista ovale di Gateway.

Articolo molto interessante
Hot Rod Power Tour - Colombo a Pontiac

La riunione dei piloti è stata poi interrotta da un intenso temporale. La pioggia è stata talmente violenta, aggravata dalle pessime notizie meteorologiche, che i funzionari di Gateway l’hanno nuovamente definita una giornata di gara anticipata (anche se due ore dopo il sole è tornato a splendere e ha asciugato la pista). Alla fine della riunione si è votato per spostare la cena della serata di qualche ora, e tutti si aspettavano un tempo migliore (come promesso dal meteorologo locale, che il giorno prima aveva riferito che St. Louis stava vivendo la peggiore siccità degli ultimi 17 anni) e la gara di accelerazione del sabato.

Vedi tutte le 36 foto

Con il tempo sereno e soleggiato previsto per tutto il giorno, i corridori hanno avuto un’ora di pratica (un signore ha fatto 11 passaggi completi con la sua auto) prima di rabboccare i serbatoi, controllare la pressione delle gomme e entrare nella mentalità del corridore. L’azione di gara è stata calda e pesante, con il King of the Hill bracket racing contest che è sceso a un’auto da 12 secondi e mezzo guidata da Steve Pass, e il kit di Cliff Speck basato sulla Fiero, che l’avrebbe coperto in 16 secondi! Dopo la gara, Pass ha commentato per scherzo: “C’è qualcosa di sbagliato nell’avere un King of the Hill vincitore di 16 secondi, non potevo permettere che accadesse”. E non l’ha fatto. Tagliando una grande luce contro un Cliff apparentemente invincibile (che ha girato in una corsa di 16,45 secondi su un quadrante di 16,45 secondi prima!), Pass ce l’ha fatta ed è stato nominato vincitore del King of the Hill di quest’anno.

Keith Craft, che molti proprietari di kit e repliche conoscono grazie alla sua società di costruzione di motori con sede in Texas, ovviamente sa come costruirli nel modo giusto, dato che si è allontanato sia con il Low ET (10,528 secondi) che con la Top Speed (138,07 mph) dell’evento con il suo ingresso a corpo di Kirkham. Ma il fatto è che molti corridori si sono mossi lungo il quarto di miglio ad un ritmo sostenuto. Tre concorrenti erano negli anni ’10, tre negli anni ’11, sette nei ’12, tre nei ’13, tre nei ’13 bassi’, con l’equilibrio dei corridori a costituire il resto del campo. Alla fine di una breve giornata di gara, i concorrenti erano pronti a ritirare i loro trofei e a dirigersi verso casa, ma non senza darsi un bel daffare alla presentazione dei trofei. (Sembra che tutti qui siano amici.)

Articolo molto interessante
1969 Plymouth Road Runner - La famiglia Hemi

A volte si trova gente che si lamenta del tempo (se non è quello, di solito è qualcos’altro), ma la maggior parte degli appassionati di auto non se ne preoccupa troppo. Sanno che ci saranno altri giorni, altre occasioni per battere i tempi dei loro amici e andarsene con una certa quantità di diritti di vantarsi – tutto questo fino al Run and Gun del prossimo anno!

Una delle cose positive che sono venute fuori dagli incontri dei piloti dell’evento di quest’anno è che un sito web/Yahoo Group (autos .groups.yahoo.com/group/Run_N_Gun) sarà creato da alcuni dei piloti in modo che i futuri partecipanti, così come coloro che vogliono saperne di più sull’evento (tutto dai risultati ai moduli di iscrizione del prossimo anno), abbiano un posto dove parlare tra di loro. Qualunque sia la decisione su come l’evento prenderà forma in futuro, KIT CAR si impegnerà a coprire l’evento unico nel suo genere, quindi ci vediamo anche l’anno prossimo!

Vedi tutte le 36 foto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:\www.hotrod.com\uploads\sites\2006\01\0601kc-rgun-p.jpg

Lascia un commento