1929 Pick-up Ford Roadster – Ala Kart

Quando l’Ala Kart ha iniziato, in origine, doveva essere un pilota molto pulito, ma man mano che le cose progredivano la direzione verso un’auto da esposizione è diventata chiara. Il progetto è stato costruito da due campi con…

Vedi tutte 1 fotojim austwriterSep 19, 2008

Specifiche John MumfordPortola Valley, CA1929 Ford Roadster Pickup

Telaio Quando l’Ala Kart ha iniziato, all’inizio doveva essere un pilota molto pulito, ma man mano che le cose progredivano la direzione verso un’auto da esposizione è diventata chiara. Il progetto è stato costruito da due campi con Richard Peters e Blackie Gejeian che si sono occupati del telaio e Barris che ha lavorato sulla carrozzeria. Il team di Fresno ha messo insieme una bella piattaforma a partire da un telaio originale Modello A del ’29 e ha aggiunto una traversa centrale personalizzata e una traversa posteriore cromata Modello A. Nella parte anteriore ogni componente bullonato è stato cromato, compreso un assale anteriore da 4 pollici a caduta, fusi, forcelle divise, molle elicoidali in coppe personalizzate, ammortizzatori a tubo, barra Panhard e piastre di supporto Ford ’40 e tamburi. Nella parte posteriore i componenti più cromati comprendevano un rearend Ford del ’32, molle elicoidali e coppe personalizzate, barra Panhard e freni idraulici Ford. Tutte e quattro le curve viaggiano su airbag all’interno delle molle elicoidali – una nuova innovazione dell’epoca che George Barris ha preso in prestito dalla nuova Cadillac. Il telaio, sia in origine che per il restauro, è stato dipinto di perla bianca con capesante viola e oro.

Drivetrain Quando la futura moglie di Richard ha praticamente detto: “O la tua barca veloce o me”, si è liberato delle barche e ha tenuto solo la Hemi iniettata costruita. Il mulino Dodge Red Ram del ’54 266ci Dodge Red Ram sarebbe stato uno dei componenti principali per farlo partire sull’Ala Kart, e collegato ad esso tramite un adattatore Cragar lucidato è una trasmissione Ford del ’39 riempita di ingranaggi Zephyr. Tra le chicche della “baby Hemi” ci sono l’iniezione Hilborn, un magnete Scintilla Vertex e testate personalizzate ricreate da Sanderson Headers.

Le ruote dell’Ala Kart sono “cromate al contrario”, come sarebbe diventato l’assetto “must have” alla fine degli anni Cinquanta e all’inizio degli anni Sessanta. Questo particolare set è iniziato con una serie di centri Ford da 15 pollici che sono stati tagliati per adattarsi a un set di cerchioni esterni rovesciati da 14 pollici. Come era stato fatto nei primi giorni, tutti i pezzi sono stati cromati e poi saldati insieme dopo il processo di cromatura. I proiettili d’oro caramellati sono montati al centro con i muri bianchi BF Goodrich montati su tutti e quattro gli angoli. La gomma 5.60-14 è montata nella parte anteriore con 8.00-14 pelli montate nella parte posteriore.

La carrozzeria e la vernice sull’Ala Kart potrebbero riempire dei volumi, ma qui cercheremo di limitarci ai fatti. Il lavoro di carrozzeria originariamente gestito da Barris Kustom è iniziato con un pickup Ford Roadster del ’29 che è stato pesantemente modificato con l’aggiunta di una sezione posteriore Ford Roadster del ’27 con parafanghi Ford del ’29 che sono stati spuntati e spinati con un’asta rotonda da 1/2 pollice per formare i nuovi bordi del parafango. Il muso personalizzato è stato formato in acciaio e dotato di un inserto in acciaio espanso cromato e tubi in plastica trasparente. Il cofano personalizzato in tre pezzi è stato realizzato in alluminio e i grembiuli in acciaio sono stati punzonati con feritoie multiple. Il letto in acciaio personalizzato è stato creato da zero e dotato di inserti verniciati Candy Gold e finiture cromate. I fari Chrysler del ’57 sono modellati sul guscio della griglia personalizzata con le lenti dei fanali posteriori DeSoto del ’56 abbinate alle lunette Impala del ’58 montate nella parte posteriore. Dopo essere rimasto seduto per molti anni, il restauro è stato iniziato dal pittore originale Junior Conway alla Junior’s House of Color e poi terminato da Bill Ganahl a Brizio Street Rods. Junior Conway è stato fondamentale per la ricreazione del lavoro di verniciatura svedese White Pearl e delle capesante caramelle Purple e Gold che ha descritto i colori esatti dell’originale al pittore Darryl Hollenbeck di Vintage Speed and Color. Pinstriper Rory ha ricreato la linea di lavoro originale di Dean Jeffries fino alla firma del marchio Jeffries.

Interni L’intricata tappezzeria originale dell’Ala Kart di Roy Gilbert è sempre stata una delle sue caratteristiche distintive e la ricreazione di quel lavoro di cucitura è stata curata da Howdy Ledbetter, un fan di Ala Kart di lunga data che ha costruito il suo personale tributo alla pietra miliare dell’auto alcuni anni fa. La tappezzeria interna utilizza una combinazione di vinile bianco e velluto nero, mentre il tonneau e il sottocarro superiore utilizzano vinile bianco e nero con tubazioni dorate per farla risaltare. La ricreazione del cruscotto originale utilizza un alluminio decorato a stucco con spessori Corvette del ’57 (il cruscotto era una delle uniche cose successivamente modificate con altri spessori Stewart Warner, che si credeva fossero stati montati mentre l’auto era di proprietà della AMT). Un volante di una Lincoln del ’57 con l’accento di un proiettile dorato al centro completa l’abitacolo.

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites20089809rc-01-pl-1929-ford-roadster-pickup-ala-kart.jpg

Lascia un commento