1930-1939 Cadillac

Cadillac introduced its ultra-luxury V-16 model, the Sixteen, in 1930. The 1930 Cadillac Sixteen convertible is pictured here. See more pictures of the 1930-1939 Cadillac. Cadillac ha introdotto il suo modello ultra-lusso V-16, il Sixteen, nel 1930. La Cadillac Sixteen convertibile del 1930 è qui raffigurata. Vedi altre immagini della Cadillac del 1930-1939 .

Se non fosse stata parte della General Motors, la Cadillac sarebbe potuta morire nella Depressione, un periodo in cui pochi potevano permettersi – o volevano essere visti – automobili grandi e costose, per quanto superbe.

A differenza della Packard indipendente, che è stata costretta a sopravvivere con prodotti di prezzo medio, la Cadillac è stata protetta dalle grandi dimensioni e dall’enorme forza finanziaria di GM. Anche allora la divisione aveva già un’auto di medio prezzo, la LaSalle, introdotta nel 1927. Tutto ciò ha aiutato Cadillac a superare i “tempi duri” senza sperperare la sua immagine di “blue-chip”, anche se costruiva auto ultra-lusso che vendevano solo in piccole quantità.

La prima di esse fu quella magnifica sorpresa del 1930, la Sixteen, che trasportava un motore V-16 da 452 pollici cubici con una valvola in testa che produceva 165 cavalli di potenza e 320 piedi di coppia. La potenza fu aumentata a 185 cavalli nel 1934.

Indubbiamente un grande in un’epoca di grandi, il Sixteen era apparentemente disponibile in 33 diversi modelli, sottomodelli o varianti di assetto che andavano da una roadster a due posti da 5.350 dollari a un brougham da 9.700 dollari. Tenete a mente questi prezzi hanno comprato una casa molto bella negli anni della Depressione.

Articolo molto interessante
1990 Buick Reatta

La tipica Cadillac Sixteen potrebbe tornare a circa otto miglia con un gallone di benzina da 15 centesimi e 150 miglia con un quarto di petrolio. Potrebbe anche navigare a 70 e superare i 90 miglia all’ora. Ma le prestazioni brute non erano il suo forte. Piuttosto, la Sixteen era destinata a elevare la Cadillac nel regno rarefatto di Packard, Peerless e Pierce-Arrow, ancora i tre giganti dell’automobilismo americano. E così è stato, offrendo un lusso superbo e una potenza fluida e senza sforzo, con cambi di marcia minimi. La Cadillac pubblicizzava le prestazioni della Sixteen come “un flusso continuo… costantemente a pieno regime… flessibile… e immediatamente reattivo”.

La Sixteen aveva solo nove mesi quando la Cadillac introdusse un altro motore multicilindrico, un V-12 da 368 pollici cubici. Essenzialmente un V-16 con quattro cilindri in meno, erogava 135 cavalli di potenza e 285 libbre-piedi di coppia. Anche le auto che alimentava non erano così grandi come le Sixteens, in sella alla Cadillac Eight con un passo di 140 pollici invece di un’enorme campata di 148 pollici.

Prevedibilmente, anche il Twelve non era così veloce, ma il suo motore a regime libero era rinomato per la sua potenza regolare e uniforme. E quella potenza era abbastanza ampia. Un roadster poteva fare circa 85 miglia orarie con il rapporto standard dell’asse posteriore, e la maggior parte dei Twelves poteva navigare tutto il giorno a 70. Naturalmente, la Twelve era di gran lunga più economica della Sixteen, con 11 scelte di carrozzeria nella gamma da 3.795 a 4.985 dollari.

Articolo molto interessante
1961, 1962, 1963 Ford Falcon Futura

Ma nonostante le loro prestazioni raffinate e le proporzioni maestose, le Cadillac multicilindriche erano anacronismi nel devastato mercato della Depressione, e nessuna venduta in numero significativo. Il picco fu del 1930-31 con esattamente 3.250 Sixteen e 5.725 Twelves.

This striking 1933 Cadillac Sixteen convertible was one of just 125 Sixteens Cadillac was able to sell in that Depression year. The typical Cadillac Sixteen cost about ,000 in 1933.” ” Questa sorprendente Cadillac Sixteen convertibile del 1933 era una delle appena 125 Sixteens Cadillac fu in grado di vendere in quell’anno della Depressione. La tipica Cadillac Sixteen costava circa 7.000 dollari nel 1933.

La produzione è stata equa solo per il ’32, poi è scesa rispettivamente a circa 700 e 400 unità all’anno. Entrambi i modelli furono abbandonati dopo il 1937, ma la Cadillac fece un altro tentativo a partire dall’anno successivo con una testa a L V-16. Con 431 cid e 185 cavalli, questo motore era più piccolo e più leggero eppure più potente del precedente modello a valvole in testa, ma solo 508 vetture furono così equipaggiate fino al 1940, il suo ultimo anno.

C’erano due ragioni per cui queste grandiose Cadillac se la passavano così male. Come si è notato, le auto super costose con più di otto cilindri sembravano socialmente inadeguate a molte persone nei primi anni ’30. Dopo le vendite iniziali, questi modelli sono stati rifiutati dalla maggior parte dei clienti per le Cadillac Otto meno costose e meno appariscenti, ma non per questo inferiori.

In the mid-1930s, even well-heeled buyers tended to chose V-8 Cadillacs over costlier V-12 models like this 1935 Cadillac Twelve town car.A metà degli anni ’30, anche gli acquirenti benestanti tendevano a scegliere la Cadillac V-8 rispetto ai modelli V-12 più costosi come questa Cadillac Twelve del 1935.

Articolo molto interessante
2000 Panoz Esperante

In seguito, i grandi motori sono stati semplicemente superati dall’avanzamento della tecnologia. L’introduzione dei cuscinetti a biella ad inserimento di precisione ha contribuito ad eliminare l’urto e l’usura ad alta velocità nei motori con meno di 12 cilindri, quindi non c’era motivo per gli acquirenti di Cadillac di scegliere un Dodici o un Sedici su un Otto.

Nella prossima pagina parleremo più dettagliatamente dell’offerta di Cadillac V-8.

Per ulteriori informazioni sulla Cadillac, vedi:

  • Cadillac: Imparate la storia della più importante auto di lusso d’America, dai classici degli anni ’30 ai più recenti modelli Cadillac di oggi.
  • Guida per il consumatore Recensioni e prezzi delle nuove auto: Risultati dei test su strada, foto, specifiche e prezzi per le Cadillac 2007 e centinaia di altre auto nuove, camion, minivan e SUV.
  • 1940-1949 Cadillac: La Cadillac produce alcune delle sue più belle auto e alcuni dei suoi più importanti sviluppi ingegneristici, per non parlare della tailfin.

Lascia un commento