1937 Peugeot 402 Limousine

Image Gallery: Classic Cars The 1937 Peugeot 402 Limousine had a classic streamlined shape. See more pictures of classic cars. Galleria immagini: Auto d’epoca La Peugeot 402 Limousine del 1937 aveva la classica forma aerodinamica. Vedi altre immagini di auto d’epoca.

La Peugeot 402 Limousine del 1937 apparve due anni dopo la “prima automobile moderna” e non meno di 47 anni dopo la prima vettura della Peugeot.

Fu costruita nel 1889 da Armand Peugeot, parte della famiglia francese che aveva fatto fortuna sviluppando il processo di laminazione a freddo dell’acciaio (nel 1810), per poi passare alla produzione di articoli in metallo che comprendevano molle per orologi e mulini per il caffè, utensili a mano e stralli per corsetti. Armand era una specie di “eccentrico”, ma aveva studiato ingegneria, e nel 1885 prese il nome di famiglia per la produzione di biciclette, che continua ancora oggi come un’attività separata e fiorente.

All’inizio, avido “automobilista”, Armand era ansioso di costruire automobili. Ma anche se la sua prima, un piroscafo a tre ruote, si dimostrò affidabile in una corsa da Parigi a Lione, si rivolse rapidamente alle auto a benzina, costruite con l’aiuto dell’amico Emile Levassor. La scelta si rivelò corretta, e l’azienda di Armand crebbe rapidamente, vendendo solo cinque automobili nel 1891, ma circa 300 all’inizio del secolo.

Il nome Peugeot si è presto imposto su una grande varietà di vetture, dai runabout “a un polmone” agli imponenti tourer a quattro cilindri da 7,0 litri e persino su un mostro a sei cilindri con oltre 600 centimetri cubi di cilindrata. Ma non tutte queste cose furono opera di Armand, perché il ramo delle biciclette della famiglia era entrato nel settore delle auto per bambini con il nome di Lion-Peugeot.

Articolo molto interessante
1958 Edsel Bermuda

Nel 1910, i due rivali di un tempo si unirono come Societe Anonyme des Automobiles et Cycles Peugeot , che presto passò sotto il controllo del cugino di Armand, Robert.

Le corse sono state una passione della Peugeot fin dalla prima edizione, e l’azienda ha continuato la tradizione accumulando molti successi notevoli: vittorie ai Gran Premi di Francia del 1912 e del 1913, secondi posti a Indianapolis nel 1914 e nel 1915, vittorie a Indy nel 1916 e nel 1919.

Ma queste sono arrivate con macchine grandi e potenti anche se le vendite della Peugeot si sono sempre più affidate a piccole “ciclomotrici” a quattro cilindri, a cominciare dalla popolare Bebe del 1911 e dal suo successore del dopoguerra, la Quadrilette.

La Peugeot costruì più di 163.000 auto dal 1919 al 1929, poi quasi triplicò il suo volume nei 10 anni successivi nonostante la Depressione.

I modelli degli anni Trenta del secolo scorso comprendevano il quattro cilindri 201, che sostituì il Quadrilatero nel 1929; i più grandi e potenti 301 e 401 del 1932; e il sei cilindri 601, annunciato nel 1935. A metà decennio, la Peugeot aveva adottato le sospensioni anteriori indipendenti e aveva persino offerto una nuova cabriolet con tetto rigido in metallo a scomparsa elettrica, un precursore della Skyliner della Ford della metà degli anni Cinquanta.

La 402, che ha sostituito la 401 alla fine del 1935, ha segnato la prima scappatella della Peugeot con uno stile “aerodinamico”, che ha poi spazzato l’industria automobilistica in tutto il mondo. Sebbene la sua forma generale sembri palesemente ispirata all’Airflow, la razionalizzazione stessa era probabilmente più una risposta all’altrettanto morbida trazione anteriore della Citroen Traction Avant, un’altra nuova arrivata del 1934.

Articolo molto interessante
Come funziona la DeLorean

La 402 a trazione posteriore utilizzava una valvola in linea a quattro valvole in testa, tipica delle auto francesi d’epoca. Con 65 cavalli di potenza e un cambio manuale Cotal a tre velocità (come Citroen, un cambio automatico era previsto ma mai offerto), il 402 poteva raggiungere i 75 mph, aiutato da un coefficiente di resistenza aerodinamica di quasi 0,35 — eccellente anche oggi.

La nostra 402, una Limousine del 1937 (in francese come berlina), si trova nel museo di Peugeot, accanto alla fabbrica principale dell’azienda a Sochaux, vicino al confine tra Svizzera e Germania. Nonostante l’aspetto Airflow, è una Peugeot robusta e affidabile, un’automobile Art Déco con il cuore di un leone.

Per ulteriori informazioni sulle auto, vedere:

  • Auto d’epoca
  • Muscle Cars
  • Auto sportive
  • Guida per il consumatore Ricerca auto nuove
  • Guida del consumatore Ricerca auto usate

Lascia un commento