1938 Oldsmobile L-38

I sedili a rotelle e i pezzi di ricambio del sidemout erano una vecchia notizia del 1938, ma la Oldsmobile L-38 del 1938 offriva ancora entrambe le cose – oltre a una trasmissione lungimirante senza pedale della frizione.

1938 Oldsmobile L-38

La griglia ridisegnata e il ricambio montato in fabbrica
.
pneumatico ha completato il look elegante della Oldsmobile L-38.

La Depressione sembrava essersi risollevata nel 1938, quando il mercato azionario scoppiò, creando quella che i repubblicani chiamavano gioiosamente la “Recessione di Roosevelt”. Le vendite sono crollate in tutta l’industria automobilistica americana – specialmente alla Oldsmobile, che ha prodotto la metà delle auto dell’anno precedente.

Le Oldsmobili del ’37 erano state pesantemente ridisegnate, quindi le Oldsmobili del ’38 erano poco cambiate. Tuttavia, tutti i modelli sfoggiavano griglie più sporgenti affiancate da nuove finiture “a passerella” nei grembiuli interni del parafango anteriore. Tornò per un secondo anno il “Cambio automatico di sicurezza”, un cambio manuale senza frizione che preselezionava il cambio manuale Hydra-Matic completamente autocentrante nel 1940. Per il ’38, l’AST era di nuovo opzionale per le Oldsmobili a sei cilindri così come per le Otto. Immutati erano i due motori in linea della testa a Lansing: Sei cilindri cubici da 95 cavalli da 230 pollici per i modelli F-38 e otto da 110 cavalli e 257 cavalli da 257 per gli L-38.

1938 Oldsmobile L-38, Interior

Il cruscotto della L-38 era un accozzaglia quasi-futuristica di pannelli direttamente
.
nel tratto visivo del guidatore, uno stile che era in voga all’epoca.

Articolo molto interessante
Ferrari Enzo FXX

Ogni linea offriva ancora una volta una coupé convertibile, ma questo è stato l’ultimo anno per i droptop Olds con sedili rumble e gomme di ricambio sidemount opzionali. Entrambe le caratteristiche erano ormai fuori moda per i compratori – e fuori produzione nella maggior parte delle altre case automobilistiche. È strano che la Olds sia stata così lenta a farle cadere, considerando la sua crescente fama come divisione “innovatrice” della General Motors.

La L-38 coupé cabriolet qui raffigurata è una delle sole 68 con il sidemount di fabbrica, questa su 475 auto in totale. La versione a sei cilindri ha gestito in tutto 1184 copie. A differenza degli anni successivi, però, le Oldsmobili del ’38 non sono le più rare. Anche se i bauli integrali erano diventati popolari per gli stili a carrozzeria chiusa, la Olds persisteva anche con le berline passé “senza baule”. Anche queste scompariranno dopo il 1938 e la produzione di otto cilindri sarà molto bassa: solo 200 del modello a quattro porte e 137 delle due porte.

1938 Oldsmobile L-38, Rear

La parte posteriore della L-38 mostra la persistenza di Oldsmobile in
.
costruendo un coupé “senza bagagliaio”.

Tipico delle auto GM della tarda guerra, il cruscotto della Olds del ’38 era piuttosto “Buck Rogers”, ma metteva la maggior parte degli strumenti e dei comandi direttamente davanti al volante. Queste cose possono sembrare bizzarre agli occhi dei moderni, ma all’epoca erano dei veri e propri “hep”.

Articolo molto interessante
Ferrari 512 BB LM

Per altri classici convertibili degli anni ’30 e ’40, vedi:

1930 Oldsmobile F-30

1933 Ford Cabriolet

1934 Salone di Pierce-Arrow Dodici

1939 Cadillac Serie 90

1941 Lincoln Continental

1941 Packard One Twenty

1942 Dodge Custom

1946 Hudson Super Six Brougham

1946 Mercury Sportsman

1947 Cadillac Serie 62

1947 Chrysler Town & Paese

1948 Buick Roadmaster

1949 Cadillac Serie 62

1949 Frazer Manhattan

Per maggiori informazioni su tutti i tipi di auto, provate queste:

  • Auto Convertibili d’epoca: Vedi i profili su più di 70 cabriolet classiche.
  • Muscle Cars: Ottenere informazioni su più di 100 giostre per ragazzi difficili.
  • Guida per il consumatore Nuove recensioni di auto: Cerchi un’auto nuova? Ottieni la valutazione della Guida del consumatore.
  • Guida del consumatore Recensioni auto usate: Stai considerando l’acquisto di un’auto usata? Dovrai controllare la valutazione delle auto usate nella Guida per il consumatore.

Lascia un commento