1945-1952 Jeep: Jeep Willys del dopoguerra

By 1948 the Jeep Willys' stable had grown to include the first all-steel wagon, a pickup truck, a sedan, and the playful Jeepster. See more Jeep pictures. Nel 1948 la scuderia di Jeep Willys era cresciuta fino a comprendere il primo carro tutto d’acciaio, un pick-up, una berlina e la giocosa Jeepster. Vedi altre immagini di Jeep. ©Chrysler LLC

Anche prima che l’attacco giapponese a Pearl Harbor facesse precipitare gli Stati Uniti nel fitto della Seconda Guerra Mondiale, il servizio della jeep con le forze alleate lo rendeva quasi leggendario. Questo fatto non è andato perduto per l’astuto Ward Canaday, presidente di Willys-Overland e principale azionista. La nuova immagine fresca che Willys aveva invano cercato con l’Americar veniva consegnata all’azienda sul proverbiale piatto d’argento.

Guardando avanti, Canaday ha iniziato a visualizzare la jeep nel mondo del dopoguerra e a condividere questa visione con il pubblico. Per far girare la palla, ha assunto un noto artista, I.B. Hazelton, per realizzare una serie di 24 dipinti che ritraggono la jeep in una varietà di ambientazioni.

Galleria immagini jeep

In molte delle immagini, la jeep è stata mostrata nel bel mezzo della battaglia. In altri casi, l’artista ha mostrato la jeep in una serie di ruoli non combattenti che vanno dallo spazzaneve, al pompiere, al contadino. Le pubblicità basate su questi dipinti sono state così efficaci che la rivista Life ne ha esposto alcuni in un articolo.

Un’altra famosa pubblicità dell’epoca presentava l’Americar come “la jeep in abiti civili”. Willys si trovò nei guai per questo, perché in realtà l’unica cosa che l’Americar aveva in comune con la jeep era il suo motore. Ma nessuno poteva mettere in dubbio l’efficacia dell’annuncio.

Articolo molto interessante
Concetto di Saturno Flextreme

Anche se alla fine Willys è stato costretto a ritirare gli annunci, il danno è stato fatto: Anche se Willys non era l’unico produttore di jeep, l’America cominciò a pensare a loro come “la compagnia di jeep”.

Tuttavia, la pubblicità più efficace che la jeep ha ricevuto durante gli anni di guerra è arrivata senza alcun costo per il suo costruttore, sotto forma di comunicati stampa. Una storia di interesse umano proveniente da oltreoceano, per esempio, era accompagnata da fotografie che mostravano alcuni GI con la loro jeep, che aiutavano un contadino inglese tirando la sua falciatrice, il rastrello e il caricatore.

Dall’altra parte del mondo, è stata data ampia copertura al ruolo della jeep nella posa di cavi sotterranei che collegano campi d’aviazione ampiamente separati in Australia. Le implicazioni per i possibili usi civili della jeep nel dopoguerra erano troppo evidenti per richiedere un commento editoriale.

Nel dicembre 1943, George W. Ritter, vice presidente e consigliere generale del Willys-Overland, fu chiesto dal deputato dell’Alabama Carter Manasco di fornire informazioni anticipate sulla possibile conversione del piccolo quarto di dollaro alla vita civile. Ritter fu fin troppo felice di accontentarsi.

Ci si sarebbe logicamente aspettato che una tale richiesta provenisse da un rappresentante dello stato natale di Willys in Ohio, piuttosto che da qualcuno del profondo sud. Tuttavia, il deputato Manasco ha presieduto per caso la commissione che si occupava della pianificazione prebellica del dopoguerra.

Articolo molto interessante
1936-1948 Lincoln Zephyr

In una risposta lunga e dettagliata, Ritter ha dichiarato che, sebbene la sua azienda fosse molto entusiasta del potenziale del dopoguerra della jeep, per essere pienamente adatta all’uso civile il modello militare avrebbe richiesto notevoli modifiche. Tra le raccomandazioni da lui delineate per il Comitato di Manasco c’erano le seguenti:

  • Inclusione di una presa di forza, al fine di fornire l’alimentazione per l’attacco di una puleggia a nastro. In questo modo la jeep può essere utilizzata in modo efficiente come unità di potenza fissa.
  • Rapporti di trasmissione più adatti sia per la trasmissione che per la cassa di trasferimento, in modo da consentire sia il traino a bassa velocità di carichi pesanti che velocità autostradali fino a 60 miglia all’ora.
  • Raffreddamento più efficace, per un funzionamento continuo a bassa velocità.
  • Una frizione di diametro maggiore, per far fronte all’aumento dei carichi di partenza e ad altre circostanze che creano uno sforzo eccessivo.

Ritter ha poi sottolineato che sarebbe stata necessaria una rete adeguata di strutture di servizio se la jeep fosse stata pienamente praticabile per l’uso civile. Implicita qui era l’ammissione che l’organizzazione dei concessionari di Willys-Overland prima della guerra era scarsa, mal equipaggiata e certamente non addestrata in questioni relative alla jeep. Ciò di cui c’era bisogno era una rete di concessionari nuova di zecca, con personale ben addestrato e un adeguato stock di ricambi.

Articolo molto interessante
1950 Dodge Coronet Wagon Woody Wagon

Continua alla pagina successiva per saperne di più sui ruoli del dopoguerra che le jeep del dopoguerra hanno riempito.

Per ulteriori informazioni sulle Jeep, vedere:

  • Storia della Jeep
  • Guida per il consumatore Nuovi prezzi e recensioni Jeep
  • Guida del consumatore Prezzi e recensioni di Jeep usate

Lascia un commento