1949-1961 Jaguar XK Sports Cars

A lush wooded setting is perfect for this XK-140 roadster, though this is an American model and scene. See more classic car pictures. Un ambiente boschivo lussureggiante è perfetto per questa roadster XK-140 , anche se questo è un modello americano e scena. Vedere più immagini di auto d’epoca . .

Pietre miliari di quasi tutti gli standard, le eleganti e veloci auto sportive Jaguar XK, la XK-120 e le sue discendenti XK-140 e XK-150, sono state a lungo riconosciute come tra le auto sportive più romantiche mai costruite.

Galleria di immagini di auto d’epoca

Quando le porte di Earls Court si aprirono per l’annuale Salone dell’automobile di Londra nell’ottobre 1948, i britannici affamati di automobili assediarono virtualmente lo stand Jaguar. Il motivo: la nuovissima XK-120. Facilmente protagonista dello show, era l’auto sportiva più sexy, sexy e moderna mai vista sull’Isola dello Scettro.

Con la sua sinuosa carrozzeria a filo pavimento e la nuova e potente Twincam six, ha segnato un completo allontanamento dalla pratica britannica prebellica, eppure molti appassionati l’hanno vista come il diretto successore dell’agile e graziosa SS100 del 1937-1940. Era anche un simbolo audace della ripresa industriale britannica del dopoguerra, e si sarebbe rivelata molto attraente su entrambe le sponde dell’Atlantico. In questo Paese, sarebbe stata importante quanto la MG TC per alimentare la febbre delle auto sportive che alla fine portò a una zattera di biposto nazionali, la Chevrolet Corvette e la Ford Thunderbird in particolare.

Per questi e altri motivi, la XK-120 e i suoi discendenti XK-140 e XK-150 sono stati a lungo riconosciuti come tra le auto sportive più romantiche e influenti mai costruite. Inutile dire che sono state molto ricercate come automobili da collezione quasi dal giorno in cui l’ultima della razza ha lasciato il posto a un’altra Jaguar di tendenza, la sensuale E-type.

Articolo molto interessante
1964 Shelby Cobra 289

Come marca, Jaguar non era che un gattino nel 1948, anche se già allora non era esattamente una nuova arrivata. Le sue origini risalgono al 1921, quando William Lyons e William Walmsley fondarono la Swallow Coachbuilding Company, Ltd. a Blackpool per produrre sidecar per motociclette. L’azienda entrò nell’arena automobilistica nel 1927 con una linea di carrozzerie sportive aperte e chiuse progettate per i popolari telai ad alto volume di produttori come Austin, Morris e Standard. Dopo essersi trasferita a Coventry l’anno successivo, l’azienda iniziò a costruire automobili complete nel 1932. La prima fu designata SS I (per “Swallow Sidecars”), un coupé a cofano lungo ad accoppiamento ravvicinato alimentato da una valvola laterale Standard sei da 2,1 litri e costruito su un telaio sotto plancia appositamente fabbricato che gli dava una particolare posizione di appoggio a terra.

Quest’auto e una compagna di piccola cilindrata soprannominata SS II vendevano sorprendentemente bene per una nuova marca britannica nella Depressione, e nel 1934 l’azienda si sentì giustificata nel cambiare il suo nome in SS Cars, Ltd. Seguirono in rapida successione modelli più grandi e potenti. Inclusa fu la prima auto a portare il nome Jaguar, una bella berlina sportiva che apparve nel 1936 con un 2,7 litri a valvole in testa Standard-costruita da Harry Weslake e W. M. M. Heynes per erogare 104 cavalli.

Ma l’apice fu senza dubbio la SS 100, una roadster magra e lassosa introdotta nel 1937. Originariamente offerta con un sei cilindri da 2,5 litri ohv, l’anno successivo fu affiancata da un modello da 3,5 litri con lo stesso stile classico, più 125 cavalli e prestazioni autentiche da 100 miglia orarie. Anche se noto per la sua maneggevolezza, il 100 si è rivelato quasi imbattibile nei rally locali e nelle scalate, un tributo alla sua robusta costruzione.

Articolo molto interessante
Carroll Shelby: Mustang Magic

Le SS Cars continuarono a costruire sidecar durante la Seconda Guerra Mondiale e servirono anche come deposito di riparazione e fabbricatore di pezzi di ricambio sotto contratto con l’aeronautica militare britannica. Mentre i ripetuti bombardamenti tedeschi durante il Blitz ridussero gran parte di Coventry in macerie, le SS Cars furono relativamente fortunate: le loro strutture subirono un solo colpo diretto del nemico per tutta la durata del bombardamento, anche se causarono danni considerevoli. Così, l’azienda fu in grado di riprendere la produzione civile dopo il V-E Day senza indebiti ritardi, anche se solo su scala limitata.

Naturalmente, nessuna azienda poteva sperare di fare affari nell’Europa del dopoguerra con un nome come “SS”, così Lione decise di liberare la sua azienda da ogni associazione con le disprezzate truppe d’assalto di Hitler adottando un nuovo titolo, Jaguar Cars, Ltd., nel febbraio 1945. La produzione di automobili fino alla metà del 1948 si limitò alle versioni leggermente aggiornate delle grandi berline da 2,5 e 3,5 litri del tardo anteguerra, anche se la SS 100 era teoricamente disponibile come “Jaguar 100”, secondo il catalogo. Che un’auto così incredibilmente diversa come la XK-120 possa essere apparsa così presto dopo la guerra – e da una piccola azienda che era giù se non fuori – è a dir poco stupefacente.

Vai alla pagina successiva per saperne di più sulla Jaguar XK-120.

Articolo molto interessante
1933 Willys Model 77 Coupe

Per ulteriori informazioni sulle auto, vedere:

  • Auto d’epoca
  • Muscle Cars
  • Auto sportive
  • Ricerca auto nuove
  • Ricerca auto usate

Lascia un commento