1949 Ford F-1 – Six Pack To Go

Ford F-1 del Conte Cornelius

Vedi tutte e 4 le fotoRon CrablewriterFeb 5, 2013

Non è insolito che un uomo solo accumuli una collezione di auto nella sua vita. Non è neppure insolito che una moglie, dopo la morte di quell’uomo, venda la sua collezione. Ciò che è insolito è quando la famiglia desidera vendere la collezione a un vecchio amico di famiglia solo per quello che il proprietario originale vi aveva investito, senza alcuna intenzione di ricavarne un facile profitto.

Questo è esattamente quello che è successo al conte Cornelius di Winston-Salem, North Carolina, quando è morto il padre del suo buon amico. Earl è stato avvicinato dal suo amico, che gli ha chiesto se era interessato ai vecchi camion di suo padre. Ma c’era una fregatura: sua madre disse che doveva prenderli tutti e sei. Earl si trovò presto proprietario di un pacco da sei di Ford Trucks – tutti e sei per 1.600 dollari.

Questo F-1 del ’49 è stato il pezzo forte della folla; era in condizioni abbastanza decenti ed è stato originariamente acquistato dall’amico di Earl nel 1955. Alla Louisville Street Rod Nationals, Darlene, la moglie di Earl, chiese a Earl un “bastone per topi”. Quel piano cambiò presto, e come il camion nel suo stato attuale lo dimostrerà, fu un buon cambiamento di piani.

Sapeva che per rendere il camion un buon guidatore era necessario un lavoro di sospensione, così una Chevy Nova ha donato una sezione del telaio anteriore per sostituire il primitivo frontend originale della Ford. Earl ammise che l’innesto del sottotelaio della Nova era la parte più difficile della costruzione.

Articolo molto interessante
Mecum 25° Asta Classica di Primavera in Indy

Completano il frontend una coppia di molle elicoidali Eaton sostenute da ammortizzatori Monroe. Un servosterzo GM 800 aiuta a puntare il camion pesante nella giusta direzione, mentre una pompa GTO Pontiac GTO del 2006 fornisce il succo ai freni a disco delle quattro ruote Wilwood per portare l’F-1 ad un rapido arresto.

A fornire la motivazione è una Cadillac 5.7 del 1996 affidabile, con una trasmissione GM 4L65 dell’annata 2005. La potenza viene trasmessa attraverso un albero motore Toyota Tacoma ad una Ford 9 pollici posteriore monoblocco da 9 pollici con 3,25 marce sportive.

Sotto la pelle, l’Earl’s F-1 è il miglior biglietto da visita contemporaneo per le aste da strada. All’esterno, i sottili dettagli della carrozzeria di Earl e del buon amico Dusty Wile hanno messo il camion tutto d’acciaio al di sopra di tutto il resto. Il rosso e il nero bicolore sono comuni, ma la maggior parte dei camion hanno i parafanghi di un colore e la carrozzeria di un altro. Earl ha deciso di essere diverso e di usare l’insenatura del cofano come guida per la linea di verniciatura. L’insenatura è divisa in rosso e nero esattamente al centro, e quella linea è stata meticolosamente misurata per il resto della carrozzeria. La linea di vernice si estende anche lungo il centro esatto del bordo arrotolato del letto del pickup. Un sottile gessato d’argento serve inoltre ad accentuare la divisione tra la vernice bicolore BASF Brilliant Red e Black applicata sapientemente da Troy Shelton.

Il corpo ospita anche una serie di altri sottili tocchi personalizzati. I paraurti posteriori sono stati estesi e trasformati in uno stile avvolgente personalizzato. Sono stati ulteriormente accentuati da un pannello di riempimento del paraurti posteriore personalizzato, fatto a mano. Anche il pannello di riempimento del paraurti anteriore è fatto a mano. Earl voleva bracci dello specchio più lunghi di quelli disponibili sul bancone, così ha lavorato il suo da un pezzo di alluminio di 1×2 pollici. Dopo un lento riscaldamento per piegare correttamente, la lucidatura e la cromatura finale aggiungono un grande tocco finale insieme alla nuova griglia in acciaio inossidabile Midwest Early Ford Store.

Articolo molto interessante
1979 Pontiac W72 Formula Firebird - Foto non viste - Web Exclusive

La posizione perfettamente rastrellata dell’F-1 è il risultato delle modifiche alle sospensioni e al materiale rotabile. Earl ha deciso di andare con cerchi in acciaio tradizionali 15×7 e 15×8, tappi cromati e anelli di rifinitura. Ma ancora una volta, i dettagli si presentano sotto forma di gessati verniciati sulle ruote, un dettaglio che si nota facilmente, anche a colpo d’occhio. I pneumatici Michelin forniscono l’aderenza.

L’inserto per il letto pickup è un altro tocco interessante. Il letto ospita un inserto impermeabile completamente personalizzato con un coperchio sollevabile a cerniera che dà accesso a tutte le necessità di Earl per andare in crociera ai saloni dell’auto vicino e lontano da casa. Il portellone posteriore è dotato di scivoli e chiusure su misura per sostituire le catene originali che possono essere il peggior nemico di un lavoro di verniciatura su misura.

L’interno è un esercizio di comfort di guida. Il North Carolina è caldo d’estate, quindi installare un’unità Vintage Air non è mai stato un problema. I comodi sedili elettrici a sei posti a sedere sono per gentile concessione di una Jeep del 2006, mentre tutta la tappezzeria degli interni, compresi i pannelli di rivestimento del tetto rivestiti in plastica ABS, è stata opera di talento di Ray Hester, di Lexington, North Carolina. Altri dettagli sono gli indicatori della Ford Motorsport, un volante Ford Lecarra ’40 montato su una colonna inclinabile GM e un impianto stereo Pioneer.

Articolo molto interessante
18° edizione del Chili Bowl annuale al Tulsa Expo Raceway - Giornata delle gare

Earl è il proprietario degli alzacristalli elettrici Nu-Relics, quindi non c’era dubbio che il suo veicolo sarebbe stato equipaggiato con un sistema di alzacristalli elettrici all’avanguardia. Earl ha utilizzato uno dei suoi sistemi di alzacristalli elettrici con interruttori Nu-Crank che utilizzano le maniglie originali per rendere il sollevamento e l’abbassamento dei finestrini un gioco da ragazzi.

E infine, dato che si tratta di un camion da negozio in un certo senso, Earl ha fatto dipingere a mano a JoAnn Bortles di Crazy Horse Painting il logo della sua azienda sulle porte. Anche sotto un attento esame è difficile credere che il logo non sia un segno adesivo generato dal computer. JoAnn è la prova che questo tipo di pittura non è ancora un’arte perduta.

In chiusura, il camion completato di Earl è ben lontano dalla sua visione originale del camion del negozio di topo. Ha detto che non c’è nulla che cambierebbe sul camion. È un super camion che guida e guida e sono sicuro che la famiglia del suo amico d’infanzia è contenta di rivedere il vecchio F-1 sulla strada. CCT

Vedi tutte e 4 le foto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites201321301cct-02-o-1949-ford-f1-stock-frontend.jpg

Lascia un commento