1949 Plymouth Business Coupe – Il ritorno delle strane aste

Due disadattati trovano il loro posto nel mondo dell’Hot Rodding

Vedi tutte e 4 le fotoEric GeisertwriterJosh MishlerphotographerApr 1, 2011

Anche se alcuni possono rientrare nella categoria “sono così brutti, solo la loro madre potrebbe amarli”, altri sono solo veicoli che non molti pensano di trasformare in un hot rod. Stiamo parlando degli Odd Rods, i disadattati dell’automobilismo.

Il roding con la Ford è certamente la norma in Occidente e sembra che più a est si viaggia, più si vede una variazione di marche e marche. Forse le aste non standard sono più facili da trovare, e sono quasi sempre più economiche di ciò che è popolare al momento, ma qualunque sia la ragione della loro esistenza, ci vuole sicuramente una buona immaginazione per andare dove pochissimi sono andati prima.

Cavalcare a caldo una vecchia Plymouth non è una novità (molte sono state convertite in auto da traino), né costruire un vagone Rambler (ce ne sono state alcune, tra cui una che ha vinto il Don Ridler Memorial Award all’Autorama di Detroit un paio di anni fa).

Ma l’unico modo per giudicare se qualcuno ha centrato o meno il concetto è il prodotto finito, e noi offriamo due esempi della formula corretta: Il coupé Plymouth coupé ’49 di Bob Rosencrants e il vagone Rambler ’60 di LuAnn Lesher. Una buona parte del lavoro deve essere fatto in modo corretto e, anche se si ottiene con vari mezzi, il risultato è sempre lo stesso: si vorrebbe averlo costruito da soli.

Articolo molto interessante
All'aperto al Fairplex della contea di Los Angeles - Grand National Roadster Show 2011

Metallo riciclato

Bob Rosencrants’
Bob Rosencrants
1949 Plymouth Business Coupe

Vedi tutte e 4 le foto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites201141104sr-02-o-1949-plymouth-business-coupe-left-side.jpg

Lascia un commento