1950 Chevy Pickup ICON Thriftmaster – Quando i mondi si scontrano

L’ICON Thriftmaster è l’epitome dello stile classico combinato con la tecnologia moderna

Vedi tutte le 10 fotoPhil SchwartzewriterTim SuttonphotographerMar 31, 2014

Gli stili gestiscono la gamma nel mondo della personalizzazione. Vediamo spesso hot rod come la Chezoom di Boyd Coddington o la Plymouth Sniper del ’54 progettata da Chip Foose e costruita da Troy Trepanier, che assomigliano poco alle versioni di fabbrica delle auto da cui sono state create. Alla CCT siamo tutti in procinto di progettare aggiornamenti contemporanei per migliorarne la funzionalità, ma nel caso delle suddette usanze, qualcuno potrebbe chiedersi perché qualcuno vorrebbe far sembrare moderna una vecchia auto o un camion. Molti sembravano perfetti ai loro tempi. A ciascuno il suo, ma parte del fascino insito in un classico è nell’estetica vintage. Come diceva Coco Chanel: “La moda cambia, ma lo stile resiste”.

Quando si tratta di pickup Chevy Thriftmasters e Advance Design, molti direbbero che sono già icone di stile nel mondo dei camion classici. Nel caso dell’interpretazione del proprietario della ICON Jonathan Ward di un moderno pickup Chevy del 1950 da parte del proprietario della ICON, anche solo guardando le foto, probabilmente si pensa che possa essere sottile, forse troppo sottile. A dire il vero, la vernice smorzata non rende giustizia a questa usanza non convenzionale. Non abbiamo lo spazio per coprire tutti i dettagli che sono entrati in questo furgone, ma faremo del nostro meglio per ottenerne il più possibile.

Jonathan Ward conosce bene i camion. La ICON (precedentemente chiamata TLC) ha iniziato con le prime Toyota Land Cruiser restaurate e personalizzate, e più tardi con le jeep della serie Willys CJ e le prime Ford Broncos. Avendo posseduto e restaurato un certo numero di Thriftmasters nel corso degli anni, Jonathan ha sempre amato l’aspetto generale di questi camion, ma non ha mai amato le loro prestazioni antiquate. È stato allora che ha preso la decisione di fare una versione modernizzata di questa serie di pickup con tutti gli orpelli di un camioncino contemporaneo.

Articolo molto interessante
21 Tendenze dal SEMA 2015 Mostra ¿ Che si ¿ Che si ¿ Copierete nel 2016

Dopo aver trovato un pickup Chevy del ’50 in disperato bisogno di restauro, ha iniziato la lista della lavanderia delle cose che vorrebbe vedere inculcate nella riprogettazione. Avendo lavorato a stretto contatto con la Art Morrison Enterprises, è stata una scelta naturale per lui usare uno dei loro telai come base del camion. I modelli includono freni a disco Wilwood a quattro ruote Wilwood con un cilindro maestro ABS servoassistito, un Currie da 9 pollici con ingranaggio 3,89:1 posteriore da 9 pollici con assali Strange a 31 scanalature e bobine JRI. Il tutto su ruote Circle Racing da 18 pollici ricavate dal pieno e gomma Nitto.

Per la potenza Jonathan ha scelto di andare con una Chevrolet Performance E-Rod da 315 CV 5.3L. Si potrebbe pensare, dato che si tratta di un motore a basse emissioni, che non si alza e non va, ma il compressore Magnuson assicura che non ci sia alcuna perdita di potenza quando ci si mette al volante. È tutto smog-legale, a cui si può chiedere: “Perché preoccuparsi? E’ un camion esente”. La risposta di Jonathan: “Perché è la cosa giusta da fare.” È tutto montato fino a un trans 4L65E, raffreddato da un radiatore Griffin personalizzato, e che scorre fuori dalle testate Art Morrison in marmitte da 3 pollici piegate a mandrino e silenziatori MagnaFlow.

Si può notare che l’ICON Thriftmaster è notoriamente assente dalle tipiche modulazioni esterne che si vedono sui camion personalizzati, ma questa è stata l’idea che ha mantenuto il suo aspetto autentico. Un portellone Mar-K sfoggia il soprannome dell’azienda con lettere incise ad acido e presenta cerniere a gomito e chiusure a scatto all’interno del portellone. Quando la carrozzeria originale è stata fatta a pezzi per la ricostruzione, ha dato al team della ICON la possibilità di scansionare tutti i pannelli della carrozzeria in un software CAD e di far produrre a Premier Street Rods riproduzioni con licenza GM per questo camion e il modello di produzione, ma torneremo tra un po’ a quell’ultima parte.

Articolo molto interessante
1969 Dodge Daytona - Meraviglia alata

La vernice opaca Glasurit può sembrare contenuta per un camion di questo calibro, ma l’ICON è tutta una questione di prestazioni, non di gioielli. La parte inferiore della carrozzeria e le superfici interne del pavimento sono rivestite in poliurea per ridurre il rumore/vibrazioni e durare nel tempo. L’illuminazione a LED in tutto il camion si trova nelle luci di retromarcia nascoste nei corrimano, negli indicatori di direzione nascosti negli specchietti retrovisori e nelle luci della targa nascoste nelle impiallacciature posteriori. Il tappo del gas della reflex incassato nel legno del letto di frassino con strisce di acciaio inossidabile nichelato conduce a un serbatoio di acciaio inossidabile da 25,6 galloni.

Un ampio lavoro di billette personalizzate può essere visto nel badge, manopole, maniglie, pedali e vari altri pezzi in tutto il camion. Il cruscotto personalizzato in stile deco-esque può apparire vistosamente insipido, ma nel tentativo di evitare un mucchio di interruttori e manopole invadenti, ICON ha nascosto le prese d’aria HVAC e l’unità principale Kenwood touchscreen che controlla il sistema di climatizzazione, le funzioni stereo, la navigazione in Internet, la navigazione, il Bluetooth, il controllo dell’illuminazione e quasi tutte le altre funzioni che vi vengono in mente. Un sistema elettrico ISIS alimenta il tutto e funge persino da hot spot Wi-Fi mobile.

Gli indicatori sono unità del Dakota modificate con un tocco di vecchia scuola. Il telaio della seduta Glide è stato rielaborato con materiale per materassi Tempur-Pedic e rifinito in bisonte americano. Anche i pannelli delle portiere, il rivestimento del denso tappeto berbero ad anello e il volante da 16 pollici progettato su misura che si appoggia su una colonna pieghevole ididit sono rivestiti in bisonte. Le superfici rivestite in Dynamat vi garantiranno di ottenere un buon suono dall’intero sistema audio Audison.

Articolo molto interessante
1967 Chevrolet C10 - 88 Daze

Ora torniamo a quella parte sui modelli di produzione. Ne vedrete prodotti solo cinque nel 2014, con un prezzo che va da 235.000 a 260.000 dollari. Le opzioni includono scelte di colore nelle finiture opache o lucide, altezza di marcia, legno del letto, un trans opzionale T-56 Tremec a sei velocità, e un motore normalmente aspirato o sovralimentato. Ci si aspetta che la domanda sia alta, quindi è meglio agire rapidamente se ne volete uno. Come per la rivisitazione di Inception per comprendere appieno la trama del film, potrebbe essere necessario rileggere questo articolo per assorbire tutto ciò che è andato in questo camion. Può essere difficile migliorare un classico senza perdere di vista il suo fascino d’altri tempi, ma pensiamo che ICON abbia fatto proprio questo senza trascurare un solo dettaglio. Sia che sia parcheggiato ad uno spettacolo o che stia schivando coni sull’autocross, questo non è una costruzione da catalogo, e se adattato ai gusti di ogni cliente, siamo sicuri che non ce ne saranno due uguali.

Vedi tutte le 10 foto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites201431950-chevy-pickup.jpg

Lascia un commento