1950s Willys Concept Cars

Image Gallery: Concept Cars Pictured in 1953 is the Grisinger-Miller design team and its effective facelift on the then-new Aero-Willys. The team hoped for a 1955 or 1956 introduction. See more concept car pictures. Galleria immagini: Concept Cars Nella foto del 1953 il team di progettazione di Grisinger-Miller e il suo efficace lifting sull’allora nuovo Aero-Willys. Il team sperava in un’introduzione del 1955 o del 1956. Vedi più immagini di concept car . ©2007 Publications International, Ltd.

Le concept car Willys degli anni ’50 avevano lo scopo di creare entusiasmo per la Willys Corporation in declino. Non sono riusciti a impedire la scomparsa della società negli Stati Uniti, ma hanno portato a un successo inaspettato in Sud America.

L’Aero-Willys non è stata la prima compatta americana del dopoguerra, ma è stata probabilmente la migliore. Oltre a un pedigree impeccabile, progettato dall’illustre Clyde Paton, ex Packard; progettato dall’inventivo Phil Wright, creatore della bellissima Pierce Silver Arrow del 1933 – l’Aero era più spazioso del pionieristico Rambler di Nash, più veloce dell’Henry J, solido come il Jet di Hudson, e più bello di tutti gli altri.

Con tutto questo, il debutto 1952 Aeros ha venduto abbastanza bene. Poi la Kaiser Motors Corporation acquistò la Willys-Overland, e l’Aero andò allo stesso muro della Kaiser. La scritta su quel muro era chiara: un corpo di concessionari in declino e demoralizzato; un pubblico dubbioso che temeva di rimanere bloccato con gli orfani; una reputazione immeritata di scarsa affidabilità. Così Willys costruì le sue ultime auto americane per il 1955 (come il Kaiser).

Articolo molto interessante
Come funziona il Generale Lee

A closeup of the shapely new front end of the Aero-Willys concept car.” ” Un primo piano del nuovo frontale della concept car Aero-Willys. ©2007 Publications International, Ltd.

Come altre case automobilistiche fallite, Willys ha lasciato molti progetti per i modelli futuri. Fortunatamente, questi sono sopravvissuti in fotografie e documenti scritti. Hanno suggerito che i compratori americani si sono lasciati sfuggire alcune delle migliori idee di Willys.

La prima era una station wagon Aero che si sarebbe inchinata per il 1955 se Willys fosse rimasta indipendente per il 1956, come previsto per la prima volta da Kaiser. E sarebbe stata una station wagon hardtop senza B-post, non una pseudo-hardtop saccheggiata come la nuova Chevy Nomad for-1955.

I montanti a C erano graziosamente curvati, mentre il tetto si estendeva leggermente oltre un finestrino del portellone scorrevole incorniciato da sottili montanti a D. Lo stile sotto la linea di cintura era puro stock Aero. Se si fosse staccato, Willys avrebbe battuto la General Motors – anche se forse non la American Motors – sui carri con tetto rigido, ma l’idea evidentemente non andava oltre un singolo modello in argilla in scala 3/8.

A factory photo shows how nicely the concept car's front end melded with the the production Aero-Willys body design.Una foto di fabbrica mostra come il frontale della concept car si sia ben fuso con la carrozzeria Aero-Willys di produzione. ©2007 Publications International, Ltd.

Al suo debutto, un po’ più tardi, è stato presentato un hardtop ultra-sleek a base di Aero, un probabile sostituto dell’originale Eagle/Bermuda. Di questo disegno è stata trovata solo un’illustrazione. Mostra parafanghi anteriori a proiettile con fari profondamente “frenched”, più un cofano basso, molto vetro e una forma generale ben formata. Quest’auto sarebbe stata favolosa ai suoi tempi come le “Loewy coupé Loewy” della Studebaker del 1953, ma è stato un colpo lungo senza alcuna reale speranza.

Articolo molto interessante
1964 Pontiac Tempest GTO

I Willys sono stati riprogettati per creare entusiasmo e incrementare le vendite. Continua alla pagina successiva per saperne di più sui nuovi design.

Per saperne di più sulle concept car e sui modelli di produzione previsti, date un’occhiata:

  • Concept Cars
  • Auto del futuro
  • Report di autoshow della Guida per i consumatori
  • Auto d’epoca

Lascia un commento