1951 Henry J – Street Shaker

Il ’51 di Tom Sullivan, Henry J. Shakes It With Nostalgic Edge

Vedi tutte e 4 le fotoChuck VranaswriterSep 18, 2013

Per Tom Sullivan di Allendale, New Jersey, cresciuto a Hagerstown, Pennsylvania, ha avuto sicuramente i suoi vantaggi quando è arrivato il momento di andare alle corse. Assistendo alle sue prime gare all’età di 13 anni ad Allentown, è stato immediatamente consumato dal pesante odore di carburante da corsa mentre le auto lanciate dai fari bruciacchiavano il quarto di miglio. Sullivan ha un bel ricordo dell’Henry J del ’51 di suo padre, che ha passato molto tempo a sognare ad occhi aperti quando era un adolescente su come poteva trasformarlo in un concorrente in pista. Ha avuto anche la fortuna di ottenere la patente di guida con l’Henry J all’esame su strada, il che gli ha fatto imprimere per sempre nella mente un profondo affetto per il modello.

Un flash forward attraverso i decenni con il tempo trascorso a lavorare come supervisore di produzione presso lo stabilimento Ford a Mahwah, New Jersey, correndo con una Falcon del ’63 e una Roadrunner del ’68 al Drags, e crescendo una famiglia, con la quale ha sempre trascorso i sabati sera alla pista di stock car locale. In tutti questi anni Tom ha continuato a dedicarsi a questo hobby, senza mai perdere il contatto con le sue auto da corsa o avventurarsi sulle piste con la famiglia.

L’Henry J ha un atteggiamento aggressivo grazie al telaio e alle ruote di Rocky’s Rod Shop di Rocket e ET; la carrozzeria affilata come un rasoio è opera di Six Deuces Speed Shop.

Articolo molto interessante
1963 Ford Unibody - Crossing Over

C’era, tuttavia, l’unico desiderio di resuscitare un giorno i suoi sogni di ragazzo, costruendo finalmente l’Henry J di cui non ha mai dimenticato l’esistenza. Iniziare la ricerca di un’auto funzionante più di dieci anni fa era come cercare un diamante in un mucchio di sabbia, visto che ce n’erano così pochi disponibili. Un incontro fortuito in un salone dell’auto locale lo ha portato a un proprietario che aveva un progetto in cantiere da vendere a causa di un problema di deposito dell’auto. Tom non ha perso tempo a controllare l’Henry J del ’51 e l’ha trovata in qualche modo completa e nelle prime fasi della sua costruzione, ed è stato fatto un accordo.

Dopo aver fatto le sue ricerche per un costruttore di telai, tutti i percorsi lo hanno portato al Rocky’s Rod Shop di High Bridge, New Jersey, per far partire il progetto. Volendo una base robusta per ancorare l’auto, Tom ha fatto partire da zero il team di Rocky, progettando un telaio costruito con tubi d’acciaio scatolato da 2×4 pollici, accentuato da traverse sia tubolari che scatolate. Anche la lunghezza del passo è stata aumentata da 100 a 103 pollici. Per piantare l’energia alla pavimentazione, una Ford posteriore da 9 pollici riempita con assali Strange a 35 linee che girano attraverso 3,89 ingranaggi è ancorata in posizione da barre di scala fabbricate su misura e ammortizzatori coilover QA1. Volendo una posizione bassa e una solida maneggevolezza, una Mustang II IFS in stile IFS con bracci di controllo superiori e inferiori lavorati su misura, confezionati con ammortizzatori coilover QA1 e mandrini Mustang II da 2 pollici che girano attraverso un’unità manuale a pignone e cremagliera.

Articolo molto interessante
L'Imperatrice d'Oro 1949 Caddy Vert riporta i giorni di gloria di Kustoms con un ¿ K¿ K¿

Vedi tutte e 4 le foto Vedi tutte e 4 le foto

Tom voleva andare veloce e mantenersi fresco, così si è lavorato su un sistema Vintage Air, mentre una colonna Mullins sormontata da un volante in stile Bell-st aiuta a navigare la rotta e un cambio Hurst tira le marce. Per comodità, un paio di sedili a secchiello Toyota sono stati recuperati in vinile nero con pieghe a diamante con pannelli porta abbinati da Kevin Stayton di Milford, Delaware. Per ancorare numerosi comandi, una console Six Deucesdesigned fa il resto, mentre i pavimenti sono stati trattati con Dynamat Dynaliner per un maggiore isolamento e una maggiore durata. Per quanto riguarda la sicurezza, un rollcage completo combinato con le imbracature a cinque punti Simpson completa l’interno in perfetto stile. Questo è un Henry J che non raccoglierà mai polvere!

Vedi tutte e 4 le foto

COMP Performance Group

Consigli tecnici

COMP Camme

Pulire correttamente i sollevatori

Pulire correttamente i sollevatori immergendoli in un detergente per parti o liquore minerale, quindi soffiare aria sia nel foro della sede dell’asta di spinta che nel foro di alimentazione dell’olio sul lato del sollevatore per pulire completamente qualsiasi residuo di liquido di controllo. Non pre-immergere la punteria a tazza idraulica piatta o i sollevatori idraulici a rulli, questo causerà il loro pompaggio e non sarete in grado di precaricare correttamente.

Veloce

Ostacolare le interferenze

Un sistema EFI è molto sensibile al rumore elettrico. Questa è una delle principali cause dei problemi di EFI aftermarket. Ecco alcuni consigli di base per ridurre l’interferenza.

Articolo molto interessante
Mopar's Cool Cars dal SEMA Show 2010

1. 2. Far passare i cavi di alimentazione e di messa a terra EFI direttamente alla batteria.

2. 2. Non montare l’ECU EFI vicino a nessuna delle parti di accensione ad alta tensione. Questo include scatole di accensione, bobine, cablaggio della bobina e fili della spina.

3. 3. Non posare i fili del sensore EFI vicino alle parti di accensione ad alta tensione.

4. 4. Utilizzare fili per candele di accensione di alta qualità, di tipo a soppressione di rumore e candele di tipo a resistenza.

5. 5. Se del caso, verificare la corretta indicizzazione del distributore.

Inglese

Perché ai sistemi a carburatore piacciono le pile più lunghe?

I sistemi a carburatore in genere non producono una coppia e una risposta dell’acceleratore così elevate rispetto ai loro omologhi EFI, a causa delle differenze di atomizzazione, del flusso di carburante, del pudding e così via. Per questo motivo, stack più lunghi tendono a produrre una coppia più bassa e media. Inoltre, la velocità dell’aria tende a salire e quindi fornisce una migliore atomizzazione del carburante disponibile quando entra nella camera di combustione attraverso la valvola di aspirazione.

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites201391951-henry-j-front-right-view.jpg

Lascia un commento