1952 Siata 208S Spyder

The 1952 Siata 208S Spyder could reach 110 mph. See more classic car pictures. Il Siata 208S Spyder del 1952 poteva raggiungere i 110 mph. Vedi altro immagini di auto d’epoca . ©2007 Publications International, Ltd.

Nel 1952, la Fiat uscì dal suo abituale circuito di massa per offrire la 8V, una coupé sportiva a due ruote con un motore V-8 da 2,0 litri. Molto presto, il motore iniziò ad apparire nelle auto di una casa automobilistica italiana molto più piccola, la Siata, compresa la Siata 208S Spyder del 1952.

Galleria di immagini di auto d’epoca

Questa condivisione non è stata un atto casuale; ha avuto una lunga storia. Siata – l’acronimo di una società nata per la vendita di parti di ricambio e per la messa a punto di automobili – fu fondata nel 1926 da un pilota dilettante di nome Giorgio Ambrosini. Forse perché entrambi chiamavano Torino casa, la Fiats ha attirato l’attenzione di Siata, il che ha favorito i legami reciproci.

The Fiat 2.0-liter V-8 engine gives the 1952 Siata 208S Spyder zip.” ” Il motore Fiat 2.0 litri V-8 dà la cerniera della Siata 208S Spyder del 1952. ©2007 Publications International, Ltd.

Siata ha iniziato a produrre automobili con il proprio nome alla fine degli anni ’40, molte delle quali equipaggiate con motori Fiat modificati per prestazioni aggiuntive. Da questo processo è nata la 208S, alimentata dall’ohv V-8 della 8V, che, secondo alcuni, Siata ha contribuito a progettare.

Articolo molto interessante
1934-1937 Chrysler/DeSoto Airflow

Il motore 8V oversquare era dotato di un blocco di alluminio e di testate con camere di combustione cuneiformi e camicie dei cilindri inserite. L’induzione avveniva attraverso una coppia di carburatori Weber a due barilotti. Con il suo design ad alto numero di giri a corsa breve e il rapporto di compressione 7,5:1, il motore erogava 110 cavalli in forma di base e 30-50 cavalli in più con alberi a camme progettati da Siata e teste con una migliore respirazione. Questa potenza è stata incanalata attraverso un cambio manuale a cinque marce.

The sleek shape of the 1952 Siata 208S Spyder reveals its racing heritage.La forma slanciata della Siata 208S Spyder del 1952 rivela il suo patrimonio agonistico. ©2007 Publications International, Ltd.

La 208S, con base da 106 pollici, era dotata di un telaio a sezione scatolata e di sospensioni indipendenti a quattro ruote composte da componenti di derivazione Fiat. I freni idraulici a tamburo sono stati utilizzati in tutti e quattro gli angoli, e le gomme 6,50×15 erano di serie. La Spyder roadster con carrozzeria in alluminio aveva una velocità massima di circa 110 mph. (Una Vignale-bodied 208S America fastback coupé con fari nascosti e un telaio tubolare era ancora più veloce con una velocità massima dichiarata di circa 120 mph.) Le Spyder erano dotate di un tetto e di tende laterali per la protezione contro le intemperie.

The cockpit of the 1952 Siata 208S Spyder was designed with sporting performance in mind.La cabina di pilotaggio della Siata 208S Spyder del 1952 è stata progettata pensando alle prestazioni sportive. ©2007 Publications International, Ltd.

Articolo molto interessante
Le auto elettriche richiederanno più manutenzione?

Con circa 2.500 sterline e 5.500 dollari negli Stati Uniti, il V-8 Siata era più leggero e meno costoso delle auto sportive contemporanee da 2,0 litri di Ferrari e Maserati. Forse prevedibilmente, la 208S ha attirato l’attenzione di un certo numero di piloti di auto sportive. Jack McAfee, l’importatore della West Coast di Siata, ne preparò addirittura una per la Carrera Panamericana del 1953, alleggerendo i cilindri per ridurre la cilindrata a 1,6 litri, in modo da entrare in una classe diversa. Purtroppo, si schiantò con la macchina durante la famosa corsa su strada attraverso il Messico.

The sporty 1952 Siata 208S Spyder was a popular choice among race car drivers.La sportiva Siata 208S Spyder del 1952 fu una scelta popolare tra i piloti di auto da corsa. ©2007 Publications International, Ltd.

Il 208S è stato disponibile fino al 1955. Siata passò ad altri progetti – tra cui una minicar a due cilindri chiamata Mitzi and the Spring, una sportiva a motore posteriore che assomigliava un po’ a una vecchia MG TD – prima di chiudere i battenti nel 1970.

Per ulteriori informazioni sulle auto, vedere:

  • Auto d’epoca
  • Muscle Cars
  • Auto sportive
  • Guida per il consumatore Ricerca auto nuove
  • Guida del consumatore Ricerca auto usate

Lascia un commento