1953 Buick Super

The 1953 Buick Super had revised styling that included a new grille and squared-up rear fenders. See more classic car pictures. La Buick Super del 1953 aveva uno stile rivisto che includeva una nuova griglia e parafanghi posteriori squadrati. Vedere di più immagini di auto d’epoca . ©2007 Publications International, Ltd.

La Buick Super del 1953 faceva parte di una celebrazione di un anno importante a Detroit – guardando al passato come al futuro. La Buick era una delle due grandi case automobilistiche americane che quell’anno festeggiavano il loro cinquantesimo compleanno. La Ford si lasciò andare a una festa spumeggiante che durò un anno; la Buick pubblicò semplicemente un gruppo di auto più cambiato, con la Buick Super del 1953 come un membro importante della formazione.

Galleria di immagini di auto d’epoca

A lungo simbolo del benessere dell’alta borghesia prebellica, la Buick ha gestito il suo tradizionale quarto posto nella produzione industriale del dopoguerra, continuando a offrire uno stile attraente, prestazioni fluide e lusso vicino a Cadillac a prezzi competitivi. I modelli 1946-1948, continuazione dell’elegante design del 1942, sono stati seguiti dai nuovi modelli del dopoguerra 1949.

Appena un anno dopo, il top di gamma Roadmaster e la media Super ha acquistato un corpo C della General Motors più ingombrante e scuoiato, condiviso con la Cadillac e le Oldsmobiles senior. La Special a basso prezzo ha ottenuto una nuova carrozzeria B per il 1950 – e ha rapidamente spostato la Super dal suo status di best-seller della fine degli anni ’40 come Buick.

Articolo molto interessante
1962-1965 Plymouth 413/426 Cuneo

Come sempre, le Buick del primo dopoguerra erano grandi, solide e confortevoli, alimentate dall’affidabile “valvola in testa” della divisione otto cilindri rettilinei che nel 1952 raggiunsero 320,2 pollici cubi/170 cavalli per Roadmaster e 263,3 cid/124-128 cv per Super. Il capo progettista della divisione, Ned Nickles, aveva migliorato il tradizionale look Buick dando alla carrozzeria del 1949 “Ventiports” e alle modanature “sweepspear” del parafango anteriore del 1949. Entrambi erano perfetti complementi alla consueta griglia dentellata della marca, e sarebbero stati molto in evidenza fino al 1958.

Due popolari innovazioni del dopoguerra hanno contribuito al successo di Buick in questo periodo. Una è stata la “cabriolet hardtop convertibile senza colonne”, che la Buick è stata pioniera nella produzione di massa (insieme a Oldsmobile e Cadillac) con la sua Roadmaster Riviera del 1949. Una versione Super arrivò per il 1950 e vendette meglio di 56.000 copie. Aggredita dai modelli Special del 1951, la Buick avrebbe venduto un gran numero di hardtop fino alla fine del decennio.

The Super was Buick's mid-range series, but the interior of the Super convertible was inviting enough.” ” La Super era la serie intermedia della Buick, ma gli interni della Super convertibile erano abbastanza invitanti. ©2007 Publications International, Ltd.

Altrettanto popolare fu il Dynaflow automatico, introdotto come standard per il Roadmaster del 1948 e reso opzionale per altri modelli l’anno successivo per circa 200 dollari. Il Dynaflow moltiplicava la coppia tramite una turbina di azionamento che veniva fatta ruotare a bagno d’olio da una turbina di potenza azionata da un albero a gomito. Sebbene fosse un operatore senza problemi, la Dynaflow non fece nulla per le prestazioni (portando alcuni a chiamarla “Dynaslush”) ma fu immensamente popolare. Nel 1950, era stata installata su circa l’85% della produzione totale della Buick.

Articolo molto interessante
1962-1996 Buick V-6

Vai alla pagina successiva per leggere lo stile e le prestazioni della Buick Super del 1953.

Per ulteriori informazioni sulle auto, vedere:

  • Auto d’epoca
  • Muscle Cars
  • Auto sportive
  • Guida per il consumatore Ricerca auto nuove
  • Guida del consumatore Ricerca auto usate

Lascia un commento