1954 Ford F-100 – L’Effie delle colline

Cosa non sa la mamma

Vedi tutte le 12 fotoD.Brian SmithphotographerKen RosswriterFeb 28, 2007

Quando Wake Forest, North Carolina, il nativo Steve Hill si imbattè in questa Ford F-100 del ’54 circa una dozzina di anni fa, la sua prima impressione fu: “Come diavolo ha fatto qualcuno a mettere in disordine questo povero camion? Come il detto sui troppi cuochi che rovinano lo stufato, il ’54 aveva chiaramente bisogno di un nuovo chef.

Con alcune consuetudini già all’attivo, Steve ha avuto una nuova ispirazione per questa costruzione. Vedete, il figlio di Steve, Tyler, seguiva sempre suo padre in garage. Come risultato di questo precoce legame con il ’54, Steve pensò che il camion potesse servire come una sorta di apprendistato, un modo per trasmettere valori e conoscenze al figlio. Questo andava bene per la moglie di Steve, Kim, purché non comportasse soldi per la spesa, così Steve e il suo giovane figlio aprirono un conto MDK per i fondi. Questo è “mamma non lo sa”, per i non iniziati.

Partendo da un telaio inscatolato nella parte anteriore per la robustezza da Allan Bonner Custom Frames a Raleigh, North Carolina, e dotato di una traversa personalizzata, Steve ha utilizzato la scatola del servosterzo anteriore e le sospensioni di una Nova del ’72 e ha attaccato una coppia di rotori anteriori e pinze GM da 11 pollici per una maggiore potenza di arresto. Il retrotreno era una Ford 9 pollici con ingranaggi 3:73 che è stata ritenuta utilizzabile dopo un’attenta ispezione. La parte posteriore è ora sospesa da un sistema a quattro maglie di origine sconosciuta che viaggia su un paio di ammortizzatori Carrera coilover. La frenata posteriore è stata ottenuta grazie a un nuovo set di tamburi di serie, con il camion che rotola su pneumatici Goodyear Eagle montati su ruote American Racing Torq-Thrust II a cinque razze senza tempo.

Articolo molto interessante
1970 Ford Mustang Sportsroof - The Dragon

Dopo un paio d’anni di lavoro di preparazione, Steve è stato impegnato a mantenere la sua attività in attivo, e il camion ha preso un posto in secondo piano rispetto a questioni più urgenti. Ma durante quel periodo, Steve lasciò che Tyler si allontanasse un po’ dalla scuola per poter frequentare i Super Nationals della F-100 per quattro anni di fila, raccogliendo idee e, nel frattempo, aggiungendo al loro conto MDK e all’interesse di Tyler.

Quando la coppia è tornata al lavoro dopo quattro anni di pausa, un motore Mustang H.O. Mustang da cinque litri del ’93 ha trovato la sua strada sul telaio. Il propulsore era dotato di un compressore Vortech e di EFI. I gas esausti escono attraverso una serie di Hedman Hedman Hedders e sono tenuti in silenzio abbastanza da far contento Johnny Law grazie a un paio di marmitte Borla Turbo. Il collegamento del motore al differenziale da 9 pollici è un Ford AOD Tranny del ’93 con un cambio Gennie e un refrigeratore montato sul telaio.

Vedi tutte le 12 foto

La carrozzeria è stata consegnata agli amici di Steve al Local Hot Rod Shop di Roanoke Rapids, North Carolina. Johnny e Billy di The Shop hanno riempito le cuciture, installato un firewall liscio, tagliato i ritagli di scarico laterali e liberato il supporto dell’antenna, una delle idee che Steve e Tyler hanno ammirato dai loro viaggi ai Super Nats. Hanno trovato l’illuminazione posteriore a occhio di gatto in uno spettacolo locale e l’hanno considerata abbastanza unica da essere adatta al progetto, e un paio di lampeggiatori di scorta strappati da una Harley-Davidson trasformata su misura hanno trovato la loro strada sul camion come segnali di svolta. Da allora, sembra che Tyler abbia catturato anche il bug delle due ruote personalizzate. A coprire il fresco motore da cinque litri c’è un cofano di serie che ha ricevuto una sottile inclinazione in avanti per un look più aggressivo.

Articolo molto interessante
1951 Ford F1 - Tanoshi

Per il pavimento del letto, Steve e Tyler hanno optato per un kit di legno di Dan Carpenter, che è stato poi abbinato al corpo in base al colore. La parte posteriore del letto a gradino presenta un portellone posteriore liscio con chiusure nascoste, più un roll pan personalizzato sotto. All’interno della cabina, il cruscotto di serie è stato levigato, e un gruppo cruscotto ricavato dal pieno è stato confezionato con i classici indicatori VDO analogici combinati con gli indicatori Dakota Digital, più un’unità A/C Rainbow Products per il comfort della creatura. Una volta completata la carrozzeria, il ’54 è stato consegnato all’amico di Steve, Bill McDonald a Wilson, North Carolina, dove Bill ha girato il pickup con vernice Estate Green Dupont.

Mentre la vernice veniva colorata, gli ultimi dettagli come i tubi dei freni e il cablaggio di Ron Francis sono stati installati da Steve e Tyler. L’interno è la miscela di vecchio e nuovo di Tyler. Ha strappato le fodere di un paio di sedili Mercury Sable rivestiti di mogano e pelle marrone invecchiata di Todd McCloud. Lo stereo del 54 è composto da un sintonizzatore Alpine con un amplificatore Rockford Fosgate e altoparlanti.

Come racconta la mamma di Tyler: “Il giovane costruttore ha imparato molte lezioni. Valori come la definizione di obiettivi, la perseveranza, la pazienza e l’autodisciplina sono valsi le ore e i dollari che la coppia ha dedicato. Negli anni del ’54 e in altri progetti, Steve ha avuto la possibilità di insegnare a Tyler cose che una persona non può imparare a scuola”, compresa la gestione di quell’importantissimo fondo MDK.

Articolo molto interessante
1933 Ford Roadster - Vincitore per un naso!

Vedi tutte le 12 foto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP

Lascia un commento