1955-1957 Pontiac Star Chief Safari

The 1956 Pontiac Safari was longer, more lavishly trimmed, and more expensive than the Chevrolet Nomad. See more classic car pictures. Il Pontiac Safari del 1956 era più lungo, più ricco e più costoso della Chevrolet Nomad. Vedi più immagini di auto d’epoca . PIL

Nel 1955, Pontiac cercava di ridefinire la sua immagine noiosa ma dipendente con il Pontiac Star Chief Safari del 1955-1957. Quale modo migliore per farlo se non con una “macchina da sogno”?

Galleria di immagini di auto d’epoca

Safari — la parola ha un bel suono. La mente evoca una spedizione con il gruppo di cacciatori vestiti con abiti color cachi con indosso caschi di midollino. Un’ambientazione africana: grandi animali, grandi pistole, belle macchine fotografiche. Un paio di Land Rover, caldo torrido, una traccia di accento inglese.

Sbagliato! Per la Divisione Pontiac della General Motors nel 1955 il “Safari” ha rappresentato per la General Motors’ Pontiac Division il più fantasioso e sportivo di tutti i carri della stazione mai prodotti, lo Star Chief Custom Safari – una spedizione verso l’ignoto, a livello di mercato. La vettura doveva essere di bassa produzione, di alto costo, con un costo elevato, che colpisse dentro e fuori, e avrebbe goduto di una vita di soli tre anni (anche se il nome Safari sarebbe proseguito alla Pontiac e/o alla GMC).

Paul W. Gillian, Pontiac Chief Designer from 1951-1958, preferred the 1955 Safari over the 1956-1957 designs.” ” Paul W. Gillian, capo progettista di Pontiac dal 1951 al 1958, ha preferito il Safari del 1955 ai disegni del 1956-1957. PIL

Articolo molto interessante
1962-1963 Ford Thunderbird Sports Roadster

Paul Gillan, che dirigeva il Pontiac Styling Studio negli anni Cinquanta, se n’è uscito con quel nome meraviglioso. Il parente più stretto del Pontiac Star Chief Safari alla General Motors era il suo gemello, il Bel Air Nomad, presso la Chevrolet Division – da cui è partita l’idea. Moltissime persone sentivano allora, e lo sentono tuttora, che si trattava di due delle più belle station wagon progettate nell’era del secondo dopoguerra.

Station wagon. Il loro patrimonio è stato interessante, risalente ai primi “depositi a manganello” di Cantrell e ai vagoni Star del 1923. In origine, questi erano destinati ad essere autotrasportatori di grandi volumi che realmente trasportavano le persone ai depositi e alle stazioni per incontrare i treni.

Interior body dimensions of the Nomad and Pontiac Star Chief SafariDimensioni interne del corpo del Nomade e del Pontiac Star Chief Safari PIL

Non è stato un caso che il carro Safari di Pontiac fosse un progetto così sorprendente. Considerate il lignaggio di Safari come un’auto da esposizione della General Motors Motorama. Ricordate di aver visto o sentito parlare di quelle stravaganze stilistiche prodotte negli anni Cinquanta, che viaggiavano nelle principali città degli Stati Uniti mostrando i disegni automobilistici appariscenti ed elaborati di domani? Auto da sogno! Ebbene, questo sogno di stile si è avverato sotto forma di 9.094 Pontiac Star Chief Safaris e 22.375 Chevrolet Nomads.

Diverse migliaia di persone sono scese nelle concessionarie locali di Pontiac e Chevrolet dal 1955 al 1957 e hanno acquistato quelle belle station wagon. Non sapevano che in seguito entrambe le vetture sarebbero state premiate con lo status di auto “Milestone” dalla Milestone Car Society.

Articolo molto interessante
1968 Plymouth GTX

Per ulteriori informazioni su General Motors Motorama show cars, vedere la pagina successiva.

Per ulteriori informazioni sulle auto, vedere:

  • Auto d’epoca
  • Muscle Cars
  • Auto sportive
  • Ricerca auto nuove
  • Ricerca auto usate

Lascia un commento