1956 Ford F-100 – Costruito Ford Tough

Con Chevy Stuff

Vedi tutte le 9 fotoJoe GreevesphotographerDakota WentzwriterMar 28, 2007

Che vi piaccia o no, dovete ammettere che lo slogan di Doug Klapstein per la sua Ford F-100 del ’56 sarebbe un’ottima pubblicità per la campagna pubblicitaria: Costruita Ford Tough With Chevy Stuff. Se non sembra una cosa che svenderà gli scaffali, allora non sappiamo cosa lo farà! Potrebbe far arrabbiare qualche appassionato di Ford, ma ehi, al giorno d’oggi si tratta solo di pubblicità controversa, non è vero?

Doug e sua moglie, Julie, hanno preso questo ’56 nel ’87 per essere il loro cavallo da tiro nel loro ranch di cavalli. Il furgone era tutto originale e comprendeva un qualche tipo di ammodernamento della fabbrica, come la grande finestra sul retro, un 272 V-8, e altro ancora. Era perfetto per quello di cui avevano bisogno, e sembrava anche bello. I Klapstein avevano originariamente intenzione di usare il camion per fare commissioni di doppio turno e trasportare balle di fieno, ma proprio come ha detto Elvis, solo gli sciocchi si affrettano ad entrare, e prima o poi Doug ha avuto un debole per il camion e ha dovuto renderlo parte della famiglia. E come ogni membro della famiglia, ricevette il trattamento regale.

Una delle poche modifiche che il precedente proprietario aveva fatto è stata l’installazione di un asse a caduta da 3 pollici, che a Doug non piaceva molto. Così il suo primo ordine di lavoro fu quello di estrarre l’assale e sostituire la sospensione anteriore con una seconda generazione di Camaro a clip che includeva anche un motore Chevy 350 small-block. Con l’anteriore sistemato, Doug voleva equipaggiare il posteriore con freni a disco, così ha piratato una Lincoln Versaille 9 pollici (che è arrivata in fabbrica, equipaggiata con freni a disco posteriori) e l’ha installata sul retro. Per gli anni successivi, Doug fece continui aggiornamenti della Ford, ma fu solo dopo una discussione con l’amico di lunga data John Dudder che capì cosa doveva essere fatto: una revisione completa.

Articolo molto interessante
1952 Mercurio / Ford F1 - Haulin' Ice

Doug voleva che il camion fosse perfetto, così ha mandato il ’56 a nord, alla Hot Rod Fabrication di Auburn, Washington. La Hot Rod Fabrication ha smontato completamente il ’56 a pezzi. Da lì, ogni pezzo è stato intinto, fatto saltare in aria o pulito a vapore. Poi il telaio è stato lanciato su una maschera, dove è stato sottoposto a una serie di modifiche. Prima di tutto, il telaio è stato completamente inscatolato, tutti i rivetti non necessari sono stati macinati e gli eventuali fori non più necessari sono stati riempiti. Da lì, tutte le traverse di fabbrica sono state sostituite con traverse tubolari, e anche le corna del telaio sono state modificate. Infine, la clip Camaro ha ricevuto un lavoro superficiale, che ha incluso lo scambio dei bracci Camaro di serie con un nuovo set di bracci di controllo Camaro tubolari Fatman Fabrications con molle di abbassamento Eibach. Successivamente, il telaio è stato verniciato a polvere e la parte posteriore è stata reinstallata con l’utilizzo di molle posteriori, grilli e molle a balestra personalizzate da Southwest Spring a Tucson, Arizona.

Vedi tutte le 9 foto

Era tempo di finire l’interno, così Doug ha arruolato lo straordinario architetto d’interni Jon Lind a Eugene, Oregon, per completare il progetto. La seduta originale è stata utilizzata, ma è stata ricoperta da un rivestimento in pelle bianca con un motivo roll-and-pleat. Jon ha anche montato alcuni pannelli porta personalizzati rivestiti in pelle bianca. Ha installato un piantone dello sterzo ididit, ha aggiornato il tachimetro originale da 90 miglia orarie a 120 miglia orarie con un tachimetro United e ha cambiato le luci idiote con diversi piccoli indicatori. Questa Ford è davvero “Built Ford Tough With Chevy Stuff”.

Articolo molto interessante
Charger Daytona del '77 - La balena blu

Vedi tutte le 9 foto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP

Lascia un commento