1958 Chevrolet One-Fifty

Chevrolet's 1958 line, including this Biscayne model, recaptured the sales race from Ford. See more pictures of Chevrolet cars. La linea della Chevrolet del 1958, compreso questo modello di Biscayne, ha ripreso la gara di vendite della Ford. Vedi altre immagini di auto Chevrolet .

Il Direttore Generale della Chevrolet Edward Cole vendeva ottimismo il giorno in cui rivelò alla stampa la linea di auto Chevrolet del 1958 all’inizio di ottobre 1957. “Non c’è ragione di credere che un’economia con la forza e la vitalità della nostra non sosterrà un mercato dell’automobile superiore a 6 milioni di auto l’anno prossimo”, ha detto.

La sua valutazione del mercato nel suo complesso è fuori strada, Cole ha poi affinato la parte di mercato che era nelle sue mani. “Sono fiducioso che l’accettazione da parte del pubblico della nostra nuova straordinaria linea del 1958 ci permetterà di ampliare sensibilmente la nostra quota di mercato automobilistico nel corso del prossimo anno”, ha dichiarato il capo divisione.

Le previsioni di Cole, come riportato nel giornale di settore Automotive News si sono dimostrate per metà corrette. Si è scoperto che il direttore generale 48enne, che aveva preso le redini della Chevrolet nel 1956 dopo quattro anni come ingegnere capo, non riusciva a vedere dietro gli angoli dell’economia statunitense. Le condizioni per una recessione che durò fino al 1958 si stavano già creando mentre parlava, e l’attenuazione della spesa dei consumatori avrebbe avuto un grosso impatto sulle vendite di auto.

Articolo molto interessante
1948-1949 Oldsmobile Futuramic 98

Ma era in target per quanto riguardava i suoi prodotti. In un anno modello in cui ogni marca, ma con un occhio di riguardo all’economia, ha perso terreno, la Chevy è scivolata di meno rispetto alla sua performance di vendita del ’57. Di conseguenza, ha aggiunto più di 4,5 punti percentuali alla sua quota di mercato ed è tornata al primo posto nel settore l’anno dopo un rarissimo secondo posto alla Ford.

Naturalmente, nel campo dei volumi elevati e dei prezzi bassi contava molto il fatto che la Chevy del ’58 fosse una novità assoluta, mentre le rivali Ford e Plymouth erano gli aggiornamenti dei loro modelli del ’57. ( Motor Trend ha riferito che la General Motors ha dedicato quasi un quarto di milione di dollari allo sviluppo dell’auto). Le 1,2 milioni di nuove Chevrolet in circolazione quell’anno sono state drasticamente cambiate rispetto ai loro celebri predecessori, auto più grandi e pesanti con una nuova ingegneria e anche nuovi nomi.

Stilisticamente, erano meraviglie di un anno, il loro sguardo travolto dalla frenesia per le pinne di GM nel 1959. Ma, guidati dall’Impala, un tipo di Chevy totalmente nuovo, gli anni ’58 hanno avviato la divisione sulla strada verso il successo di vendita negli anni Sessanta.

Nel tipico stile degli anni Cinquanta, questa nuova Chevrolet era più lunga, più bassa e più larga di quella che ha sostituito. Questo aveva a che fare tanto con il regolo calcolatore dell’ingegnere quanto con la matita dello stilista.

Articolo molto interessante
2000-2008 Cadillac

Alla base di tutto ciò che era diverso nella Chevrolet del 1958 c’era un nuovo telaio cruciforme “Safety-Girder”. Simile nel layout al telaio adottato per la Cadillac del 1957, presentava sponde laterali a sezione scatolata e una traversa anteriore scatolata che si inchinava sotto il motore. Il posteriore era legato insieme da una traversa a sezione quadrata.

Tutti i componenti del telaio sono stati saldati, ad eccezione di un supporto a sezione di canale che correva sotto la trasmissione; esso è stato imbullonato in posizione per consentire la rimozione in caso di necessità di manutenzione dell’impianto. Ai convertibili è stata data un po’ più di “spina dorsale” tramite piastre d’acciaio saldate strategicamente lungo gran parte della lunghezza del telaio.

Per altri articoli ricchi di immagini sulle grandi auto, vedi:

  • Auto d’epoca
  • Muscle Cars
  • Auto sportive
  • Guida per il consumatore Automotive
  • Guida del consumatore Ricerca auto usate

Lascia un commento