1959 Charles Townabout Concept Car

Image Gallery: Concept Cars The 1959 Charles Townabout concept car put its electric powertrain in a fiberglass body based on the Volkswagen Karmann-Ghia. It was dubbed the Galleria immagini: Concept Cars La concept car Charles Townabout del 1959 ha inserito il suo propulsore elettrico in una carrozzeria in fibra di vetro basata sulla Volkswagen Karmann-Ghia. Fu soprannominata “Volts wagon”. Vedi altre immagini di concept car . ©2007 Publications International, Ltd.

La concept car Charles Townabout del 1959 era un’automobile elettrica che si è rivelata migliore nella concezione – non è un gioco di parole – che nella realtà. Gli acquirenti di auto non erano pronti a sborsare il prezzo richiesto dal costruttore per una piccola auto, e la tecnologia non era abbastanza avanzata per risolvere le stranezze di Townabout.

Le auto elettriche sono state a lungo una grande novità in California, dove i legislatori hanno detto alle case automobilistiche di vendere 40.000 veicoli ad “emissioni zero” a partire dal 1998 e circa 200.000 entro il 2003. Si trattava di un editto piuttosto draconiano, evidentemente ispirato al film Field of Dreams : se si dice loro di costruire auto elettriche, non importa il costo, i problemi tecnici e altre questioni irrisolte.

Naturalmente, oltre ad essere la capitale mondiale dello smog, la California del Sud non è mai stata un focolaio di invenzioni automobilistiche, quindi non è una vera sorpresa che vari abitanti del luogo abbiano provato a suscitare l’interesse del pubblico per i “volts wagon” molto prima dei legislatori.

Articolo molto interessante
1971-1981 Mercedes-Benz SLC

San Diego, ad esempio, nel 1959 ospitava un’auto elettrica molto pratica, la concept car Charles Townabout. Altrettanto interessante è il fatto che Townabout ha avuto origine nella seconda industria più conosciuta della regione dopo quella cinematografica, l’allora fiorente settore aeronautico.

Anche il suo nome aveva la qualità pittoresca e memorabile di un personaggio del cinema: Charles Townabout. Townabout suggeriva anche il ruolo di guida dell’auto.

La prima parte di questo nome rende omaggio al Dr. Charles Graves, vice-presidente esecutivo della Stinson Aircraft Tool & Engineering Corporation, discendente nel dopoguerra della famosa Stinson Aircraft Company. Ha assistito Dean Van Noy nelle faccende di ingegneria, ma non era il tipico pezzo grosso aziendale.

Oltre ad essere un dentista, Graves aveva credenziali sia come fisico che come ingegnere elettronico. Come tale, ha preso nota delle recenti previsioni secondo cui le “super” batterie ad accumulo erano proprio dietro l’angolo, seguite presto forse da celle a combustibile che potevano produrre elettricità con mezzi diversi dalla combustione.

Graves era anche a conoscenza degli esperimenti di auto elettriche in corso in luoghi come la Cleveland Vehicle Company in Ohio e, più vicino a casa, la concept car Pioneer presso la Nic-L-Silver Battery Company a Santa Ana, California.

Con la giusta tecnologia e un po’ di fortuna, ha ragionato, Stinson potrebbe battere tutti gli altri in quello che si profilava come un nuovo grande e redditizio mercato per le auto elettriche che potrebbe portare l’azienda attraverso gli alti e bassi della sua attività aeronautica. Di conseguenza, Graves ha affidato a Dean Van Noy l’incarico di progettare un’auto alimentata da amplificatori, assistito da Dick Bardsley e dallo stesso Graves.

Articolo molto interessante
Aston Martin

Vai alla pagina successiva per scoprire cosa ha escogitato questa squadra.

Per saperne di più sulle concept car e sui modelli di produzione previsti, date un’occhiata:

  • Concept Cars
  • Auto del futuro
  • Report di autoshow della Guida per i consumatori
  • Auto d’epoca

Lascia un commento