1959 Corona Imperiale

The 1959 Crown Imperial was marketed as "The World's Most Magnificent Limousine." See more pictures of classic cars. La Crown Imperial del 1959 fu commercializzata come “La limousine più magnifica del mondo”. Vedi altre immagini di auto d’epoca . .

Con solo sette vetture costruite, la Crown Imperial del 1959 era davvero rara. Sebbene la Chrysler avesse usato il nome “Crown Imperial” fin dalla sua nascita nel 1924, e la Crown su alcuni modelli sparsi fino al 1930, fu solo nel 1940 che la targhetta Crown Imperial divenne standardizzata per le berline e le limousine a passo lungo e di alta gamma del marchio.

Galleria di immagini di auto d’epoca

Poi, nel 1955, l’Imperial divenne una marca a sé stante, con il nome di Crown Imperial che continuava ad essere usato esclusivamente per i modelli stirati. A questo punto, il loro prezzo si aggirava intorno ai 7.000 dollari — quando un Imperial standard iniziava a meno di 4.500 dollari.

Solo 172 furono costruiti nel 1955, 226 l’anno successivo. Poiché la domanda era così bassa e l'”esercizio di allungamento” così dispendioso in termini di tempo, la Chrysler commissionò alla Ghia di Torino la costruzione dei modelli del 1957, sulla base degli Imperiali “Forward Look” completamente ridisegnati di quell’anno (che ora includevano anche quattro modelli di Corona Imperiale a base regolare, con la Corona dopo l’Imperiale, non prima).

Con il passaggio alla carrozzeria italiana, il prezzo è salito – di molto – a 15.075 dollari. Ogni auto, un hardtop a due porte su un telaio convertibile più rigido, ha richiesto un mese per essere costruita. La Ghia ha poi tagliato l’auto a metà, ha aggiunto 20,5 pollici e mezzo tra le ruote, ha rifinito l’interno con arredi opulenti e l’ha abbottonato insieme a una sovrastruttura rielaborata – e 150 libbre di riempimento in piombo.

Articolo molto interessante
1969 Ford Mustang Mach 1 428 Cobra Jet

Sebbene i primi Imperiali fossero alimentati dalla venerabile Hemi V-8 della Chrysler, i modelli del 1959 passarono a un 413 Wedge, meno costoso da costruire e da mantenere. La Crown Imperials in genere seguì il loro esempio, anche se i modelli del 1959, come l’auto mostrata, continuarono ad affidarsi alla Hemi – in questo caso, una 392 con 325 cavalli di potenza e una martellante coppia di 430 Ibs/ft. Accoppiato all’eccellente automatico TorqueFlite TorqueFlite a tre velocità della Chrysler, il propulsore si prestava bene ad affrontare il peso del cordolo della limousine di 5.960 libbre.

La Crown Imperials fu costruita da Ghia dal 1957 al 1965 (con una pausa di un anno nel 1962), e mentre la produzione non superò mai i 36 costruiti nel 1957, la Crown Imperial del 1959 fu la più rara di tutte, poiché ne furono costruite solo sette. Il totale di tutti i modelli costruiti da Ghia era di sole 132 unità.

Nonostante le ampie modifiche alla carrozzeria, lo stile esterno di solito imitava quello dell’Imperiale standard. All’interno, invece, era una storia diversa. Il passo di 149,5 pollici (e la lunghezza complessiva di 242,5 pollici) rendeva possibile un interno spazioso, l’invidia di molti salotti. Sul retro, una tela larga di prima qualità in beige o grigio ricopriva praticamente tutte le superfici, comprese le porte, il sedile e l’headliner. La morbida pelle, i ricchi pannelli in legno e le rifiniture cromate realizzate a mano hanno fornito gli accenti interni. Il pavimento è stato rivestito con moquette a moquette abbinata. I sedili per saltare, rivestiti in tela larga, si aprivano dal divisorio anteriore, che comprendeva anche un finestrino di divisione a comando elettrico.

Articolo molto interessante
1950 DeSoto Custom Sportsman

Gli alloggi dell’autista erano meno sontuosi, ma difficilmente spartani. Tutti indossavano sedili in pelle nera, finiture del cruscotto e pannelli delle portiere, insieme a moquette di nylon nero (anche nel bagagliaio). I cruscotti sono stati riportati dal 1958, con grandi baccelli di calibro rotondo, anelli di rifinitura cromati e rivestimenti in alluminio anodizzato. L’equipaggiamento standard comprendeva l’aria condizionata anteriore e posteriore, alzacristalli elettrici e luci di lettura anteriori e posteriori.

Il nostro veicolo in vetrina è di proprietà di Bill Lauer, di Durango, Colorado, ed è esposto nel suo museo, la Grand Motor Car Collection. Bill ha acquistato la limousine nel 1992 dalla Joe Bortz Dream Car Collection di Chicago. La vernice e le cromature sono state restaurate, ma gli interni e la meccanica sono in condizioni sorprendentemente originali dopo 35 anni e 43.000 miglia. La bellissima Crown Imperial è apparsa a diversi eventi – sempre guidata, mai trainata – e ha vinto diversi trofei per il primo posto e per il miglior spettacolo.

La Chrysler ha originariamente promosso la Crown Imperial Mentre alcuni potrebbero non essere d’accordo, sarebbe difficile immaginare un’auto in grado di trasportare meglio i suoi proprietari ultra-esclusivi con più stile e grazia, mentre si rilassano nel giro del lusso.

Per ulteriori informazioni sulle auto, vedere:

  • Auto d’epoca
  • Muscle Cars
  • Auto sportive
  • Guida per il consumatore Ricerca auto nuove
  • Guida del consumatore Ricerca auto usate

Lascia un commento