1960-1961 Desoto

Il 18 novembre 1960, i commercianti DeSoto della nazione ricevettero un telegramma in crostata di 81 parole. “La Chrysler Corporation sta interrompendo la produzione della DeSoto del 1961”, iniziò. “Il consiglio dei concessionari della vostra fabbrica è stato informato della decisione”. Questo fu l’inizio alla fine; dodici giorni dopo, l’ultima DeSoto, un hardtop a due porte turchese e bianco a due porte, fu cacciata dalla catena di montaggio.
Galleria di immagini Desoto

1960 DeSoto

Al momento della costruzione della DeSoto del 1960, una decisione

a interrompere il marchio è stato virtualmente fatto
.
Già. Vedi altre foto di Desotos.

Trentadue anni prima sembrava così promettente. La nuova marca di Walter Chrysler aveva stabilito un record di vendite: 81.065 vetture nei primi 12 mesi, superando una serie di record del primo anno stabiliti negli inebrianti anni Venti da Graham-Paige (1928), Pontiac (1926) e la stessa Chrysler (1924).

Chiamato nel suo annuncio introduttivo sul The Saturday Evening Post del 4 agosto 1928, “il tipo di auto che tutto il mondo si aspetta che Walter P. Chrysler produca”, DeSoto fece il suo debutto formale il 26 agosto. La statura di Walter Chrysler come mover e shaker nell’industria automobilistica è cresciuta in modo drammatico quando l’auto che portava il suo nome ha preso d’assalto l’America. I solidi progressi dell’ingegneria, come l’alta compressione, i freni a quattro ruote e la lubrificazione a pressione completa, il tutto in un’auto dal prezzo modesto, avevano fatto della Chrysler B-70 del 1924 il beniamino dell’industria.

Articolo molto interessante
1963 Pontiac Super Duty 421

Sì.
Meno ricordato delle vendite del primo anno di DeSoto è stato il motto introduttivo Multum pro Parvo, latino per “molto per poco”, scomparso dopo il primo annuncio. La prima letteratura DeSoto spiega che lo stemma sul radiatore era quello “del ramo andaluso della famiglia DeSoto”, usato dall’esploratore Hernando DeSoto, e che simboleggiava “forza, purezza, fedeltà e sicurezza”.

Sì.
Questo successo, tuttavia, ha posto la nuova DeSoto al centro di una certa rivalità interna.

Sì.
Walter Chrysler – le cui anticipazioni alla società fondatrice dei Dodge Brothers, allora di proprietà dei banchieri commerciali Dillon, Read & Company, erano state respinte – si impegnò a sviluppare una propria auto di medio prezzo per completare la nuova Plymouth entry-level.

Difficilmente le ruote si sono messe in moto quando si è sparsa la voce che la Dodge era finalmente in vendita. Anche se questo complicava i suoi piani, Chrysler saltò per l’affare, in quanto gli diede gli stabilimenti Dodge e la rete di concessionari, e gli permise di gestire la sua strada attraverso le linee di prodotti che si sovrappongono piuttosto che competere testa a testa con loro. Infatti, è stato detto che Chrysler ha creato DeSoto non tanto per combattere Dodge, quanto per indurre Dillon, Read a vendere.

>.

Sì.
L’affare Dodge è stato concluso pochi giorni prima dell’introduzione della DeSoto. Ci vollero però altri cinque anni per razionalizzare le linee di prodotto, con DeSoto appena riposizionata sopra Dodge sulla gerarchia dei prezzi, in modo che i due fratelli non fossero più in lotta per lo stesso mercato. Da questo momento in poi, DeSoto è diventata la “macchina delle idee” della Chrysler, una nicchia di mercato simile alla Oldsmobile in cui sono stati testati nuovi concetti. La calandra “a botte” ispirata alla Miller del 1932-33 era una di queste, così come i fari nascosti “Airfoil” del 1942 (“Fuori dalla vista, tranne che di notte”). Quasi dimenticato è l’aria condizionata offerta (o destinata ad esserlo) sulle auto di quell’anno.

Articolo molto interessante
2005, 2006, 2007 Specifiche Ford Mustang

Anche DeSoto era al corrente di alcuni modelli unici, tra cui la Suburban 1946-52 Suburban, una versione boutique della berlina a passo lungo adornata da un caratteristico vano di carico con pavimento in legno e portapacchi cromato, e una linea di taxi costruiti appositamente. Meno riuscito è stato il confinamento della DeSoto del 1934 alla All-Airflow, per tutto il tempo, mentre il genitore Chrysler ha coperto le sue scommesse con una linea convenzionale che ha superato di gran lunga le impopolari auto aerodinamiche.

Per altri articoli ricchi di immagini sulle grandi auto, vedi:

  • Auto d’epoca
  • Muscle Cars
  • Auto sportive
  • Guida per il consumatore Automotive
  • Guida del consumatore Ricerca auto usate

Lascia un commento