1960 Chevrolet Biscayne – Road-Ready

Parte 1: Comfort della cabina

Vedi tutte le 12 fotoRobert GenatwriterMay 13, 2013

Cresciuto a Detroit e avendo scritto un libro su Woodward, mi rendo pienamente conto dell’attrazione magnetica della città e degli eventi che circondano l’annuale Woodward Dream Cruise. Per quanto io dica alle persone che non ci sono mai state che grande evento è, non sembrano capirlo. Ma io continuo a provare.

Vedi tutte le 12 foto

Mentre ero seduto con il mio amico Ralph Straeeser nel suo garage, ho accennato a quanto sarebbe stata accolta bene la sua Biscayne del ’60 a Detroit e che sarebbe stata l’auto perfetta da guidare. Straeeser ha abboccato all’amo. Nel giro di pochi minuti ci siamo dati il cinque, ma quando le risate si sono spente abbiamo avuto una conversazione seria su cosa ci sarebbe voluto per guidare la sua auto da San Diego a Detroit e ritorno. La sua Biscayne è un restauro di 10 anni fa, con una Tri-power 348 e una quattro marce. La macchina corre e guida eccezionalmente bene, ma è un orso da girare per la mancanza del servosterzo. I suoi freni a tamburo sono messi a punto e sono tra i migliori che abbia mai provato, ma come reggerebbero sui passi di montagna sarebbe un problema. Anche la guida di fondo nel caldo di agosto sarebbe estenuante per due barbe grigie.

Mentre parlavamo abbiamo tracciato una lista di miglioramenti per l’auto che avrebbero reso più piacevole il viaggio e la settimana a Detroit. Abbiamo anche fatto in modo che ciò che abbiamo aggiunto non cambiasse il classico look da droghiera della vettura.

Abbiamo dato il via alle modifiche della vettura con quelle che abbiamo chiamato comodità dell’abitacolo.

Aria condizionata

Questa Biscayne, essendo un’auto semplice, richiede una semplice unità di climatizzazione, che sembri installata quando l’auto è nuova. Abbiamo trovato esattamente quello che volevamo con l’unità Mark IV Styleline di Vintage Air, la Mark IV Styleline cool-only. È dotata di una cassa interamente in acciaio realizzata con gli strumenti originali, che le conferisce un aspetto retrò con prestazioni moderne.

Vedi tutte le 12 foto

I sistemi di climatizzazione sono costituiti da tre unità di base: condensatore, compressore ed evaporatore. Un altro piccolo ma importante componente è il ricevitore/essiccatore, che rimuove l’umidità dal refrigerante e si monta sul lato destro del telaio del condensatore. Abbiamo usato una sega a tazza per praticare dei fori nel supporto del radiatore per far passare le linee del refrigerante nel vano motore. Entrambi sono stati dotati di gommini in gomma per ridurre la possibilità di sfregare le linee.

Articolo molto interessante
Racing West con la Pacific Street Car Association

Per montare il compressore, Vintage Air fornisce una serie di staffe che utilizzano i fori filettati esistenti nella parte anteriore delle teste del 348. Quando questa Biscayne è stata restaurata, sono state aggiunte al motore delle pulegge a doppia scanalatura nel caso in cui un accessorio a cinghia sia stato aggiunto in un secondo momento. Per determinare la lunghezza corretta della cinghia di trasmissione, un pezzo di corda è stato infilato intorno alle pulegge e al compressore e poi misurato. Un viaggio al negozio di ricambi locale con la larghezza e la lunghezza ha tolto tutte le congetture sull’acquisto di una cinghia.

Vedi tutte le 12 foto

L’ultimo dei grandi componenti è l’evaporatore Styleline. Si monta sul bordo inferiore del cruscotto mediante due staffe a 90 gradi. I dadi nella parte laterale dell’unità permettono la regolazione di prua e di poppa e una certa quantità di su e giù. Una volta che è nella posizione corretta, un’altra staffa si monta sul retro dell’unità per garantire la stabilità a tre punti. Abbiamo anche aggiunto una sottile striscia di isolamento in gomma tra l’unità e la parte inferiore del cruscotto per ridurre la possibilità di rumore.

Questa unità di raffreddamento autonoma offre all’installatore una certa flessibilità nella posa dei tubi flessibili. Abbiamo scelto di preservare il più possibile il paesaggio originale del vano motore, instradando i tubi nel modo più pulito e ordinato possibile. Questo ha richiesto un po’ più di tempo e di pianificazione, ma il risultato finale ne vale la pena. Le linee dal compressore all’evaporatore sono state instradate lungo la framerail, sotto la scatola del riscaldatore, e fuori, nella parte superiore del puntale lato passeggero, dove abbiamo aggiunto i raccordi delle paratie. All’interno, abbiamo fatto passare il tubo ad alta pressione sopra la scatola del riscaldatore e nel retro dell’unità. Il tubo flessibile a bassa pressione di diametro maggiore e di bassa pressione ha seguito la cucitura del puntale e del firewall direttamente verso l’unità. Questo instradamento offriva il minimo stress per il raccordo, ma esponeva leggermente il tubo. Per coprire e proteggere il tubo flessibile, abbiamo costruito un pannello di modestia in lamiera liscia che non interferisce con lo spazio per le gambe dei passeggeri.

Articolo molto interessante
1960 Chevrolet Corvette - Il vincitore - Rod e Custom

Vedi tutte le 12 foto

Vintage Air fornisce tre diverse dimensioni di tubo flessibile, ciascuna per uno scopo specifico, e i raccordi necessari per il collegamento. Quando si instradano i tubi flessibili, è meglio utilizzare la curvatura naturale del tubo il più possibile per alleviare ogni ulteriore stress sui raccordi. Inoltre, è molto importante mantenere i componenti e i tubi flessibili sigillati il più possibile durante l’installazione. Sporcizia e umidità sono i due maggiori nemici di qualsiasi sistema di condizionamento dell’aria.

Vedi tutte le 12 foto

Una volta che il sistema è stato completamente installato, abbiamo portato il Biscayne in un negozio di aria condizionata per far caricare l’impianto. Tutti gli attacchi sono stati controllati per verificarne la corretta tenuta. È molto importante non stringere troppo gli attacchi dell’aria condizionata. Se gli O-ring sono danneggiati, il sistema perde.

Vedi tutte le 12 foto

La carica del sistema consiste nell’evacuare il sistema per 45 minuti e poi lasciarlo a riposo con il vacuometro attaccato per 15 minuti. Una perdita di vuoto indica una perdita nel sistema, ed è il momento di iniziare a controllare i collegamenti. Abbiamo aggiunto un paio di once di liquido verde fluorescente per il controllo delle perdite prima della carica, rendendo una perdita facile da individuare.

Vedi tutte le 12 foto

Il foglio di istruzioni di Vintage Air richiede 1,8 libbre di 134a di refrigerante per caricare completamente questo sistema. La stazione di ricarica è dotata di tubi flessibili con manometri per i raccordi ad alta e bassa pressione e anche di una bilancia utilizzata per misurare la quantità di refrigerante aggiunto. Con 134a, il numero di libbre aggiunte è più importante delle letture dei manometri. Pertanto, i manometri sono usati per monitorare l’installazione e rilevare potenziali problemi, non lo stato della carica del sistema. Una volta completato, il nostro sistema ha sfornato una temperatura costante di 37 gradi – molto fresco per il nostro viaggio in campagna e per una settimana di crociera a Motor City.

Articolo molto interessante
Orari 2006

Cruise Control

Sì, siamo viziati. Non volevamo percorrere più di 2.000 miglia senza cruise control, soprattutto quando Dakota Digital realizza un’unità che si adatta così bene alla nostra (e a qualsiasi altra) auto d’epoca.

Vedi tutte le 12 foto

Il modulo di controllo di crociera di Dakota Digital è confezionato in un’unica unità compatta che consente all’installatore un’ampia latitudine di posizioni di montaggio. Abbiamo selezionato uno spazio sul firewall sopra la scatola del riscaldatore. Questo ha reso facile l’instradamento del cavo dell’acceleratore e del cablaggio. Il passo più importante dell’installazione è la misurazione della corsa del cavo dell’acceleratore. Se non si seguono le linee guida per l’installazione, l’acceleratore potrebbe rimanere appeso in posizione aperta. Il kit viene fornito con una grande varietà di hardware di fissaggio per qualsiasi tipo di carburatore o collegamento.

Vedi tutte le 12 foto

Il cruise control del Dakota Digital può ospitare tachimetri elettronici o tachimetri a cavo come quello della nostra Chevy degli anni ’60. Nel kit è incluso un sensore di velocità che si inserisce tra il cavo del tachimetro e la trasmissione. Questa unità rileva la velocità dell’auto e la trasmette al modulo che controlla l’acceleratore.

Vedi tutte le 12 foto

Abbiamo optato per i controlli montati sul gambo, immaginando che la maggior parte delle persone non avrebbe notato il gambo modificato. Dakota Digital realizza anche un piccolo pannello interruttori che può essere montato sul cruscotto, o anche nascosto.

La compatta centralina elettronica di controllo di crociera installata in poche ore, e la sua funzionalità è la stessa di quelle installate nelle moderne autovetture.

Vedi tutte le 12 foto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites201351960-chevrolet-biscayne-side.jpg

Lascia un commento