1962-1964 Dodge Polara 500

The Dodge Polara 500 made its debut for 1962 as Dodge's entry in the new personal-luxury class. See more classic car pictures. La Dodge Polara 500 ha fatto il suo debutto per il 1962 come entrata di Dodge nella nuova classe di lusso personale. Vedi altro immagini di auto d’epoca .

L’inizio degli anni Sessanta vide la nascita di diversi nuovi tipi di auto in America, quando Detroit iniziò a mettere a punto la sua commercializzazione. La Dodge Polara 500 del 1962-1964 ne è un esempio. Oltre alle compatte, c’erano anche auto “personal-luxury” e speciali ad alte prestazioni costruite secondo una formula che comprendeva motori V-8, finiture uniche e sedili a secchiello. Quando Dodge mischiò questi ingredienti, cucinò la Dodge Polara 500 del 1962-1964.

Galleria di immagini di auto d’epoca

Immaginate di essere in un programma televisivo di tipo Survivor, da soli nelle vaste saline dello Utah. È buio, desolato, e c’è un brivido nell’aria. In lontananza, tre auto si muovono rapidamente verso di te, tutte con le loro luci abbaglianti e abbaglianti. Tra questi 12 cerchi di luce, la vostra prova è quella di distinguere la Dodge Polara 500 del 1962 dalla 1963 e 1964. Come si fa?

Se conosci le tue Polara 500, è facile. L’auto con i fari interni più alti dei fuoribordo è il 1962; l’auto con i fari interni più bassi dei fuoribordo è il 1963; e l’auto con tutti i fari alla stessa altezza è il 1964. (Ehi, non si sa mai quando queste informazioni saranno utili!)

Articolo molto interessante
1961-1967 Lincoln Continental di Lehmann-Peterson

La Polara 500 del 1962 fu il primo tentativo di Dodge di realizzare un’auto di lusso personale con un tocco di performance. Come tale, era il prodotto di molte potenti forze all’opera alla fine degli anni Cinquanta e all’inizio degli anni Sessanta. Alcune – l’introduzione di auto più piccole e l’improvvisa richiesta di posti a sedere a secchiello – coinvolsero l’intera industria automobilistica americana. Altre erano peculiari della Chrysler Corporation. Un rapido sguardo è d’obbligo.

Nonostante tutta la passione per i dadi fusi del decennio, gli ultimi anni Cinquanta sono stati turbolenti per le case automobilistiche americane. Dopo un anno record di 8 milioni di automobili nel 1955 e un secondo miglior anno di 6 milioni di automobili nel 1957, l’industria ha sofferto con il resto dell’economia americana in una breve, ma profonda recessione nel 1958. Contemporaneamente, un inaspettato crollo del mercato delle auto di medio prezzo ha eliminato Nash, Hudson, Packard e DeSoto e ha sventrato Mercury. La Edsel, il nuovo ingresso della Ford nel mercato delle auto di fascia media, previsto per i giorni di Halcyon del 1955, si trasformò in un fiasco finanziario e di marketing.

Inoltre, poiché le vendite di queste auto ad alto profitto stavano diminuendo, la crescente popolarità del Maggiolino Volkswagen e del Rambler di George Romney spinse le Big Three a introdurre nuove auto “compatte” più piccole nell’autunno del 1959, auto che producevano margini di profitto ridotti. Il mercato dell’auto stava subendo quello che oggi chiameremmo un “cambiamento del mare”. In tutta Detroit, i progettisti di prodotto si chiedevano: “Che tipo di auto dovremmo costruire? Grande o piccola? V8 o sei cilindri? Motore anteriore o posteriore? Più cromata o meno? Era un periodo di grande incertezza e, quindi, di grande rischio.

Articolo molto interessante
Nissan 350Z Concept Cars

Per ulteriori informazioni sulle auto, vedere:

  • Auto d’epoca
  • Muscle Cars
  • Auto sportive
  • Ricerca auto nuove
  • Ricerca auto usate

Lascia un commento