1962-1964 Studebaker Gran Turismo® Hawk

Brooks Stevens and his design crew in Milwaukee tried many different approaches in restyling the Studebaker Hawk. See more classic car pictures. Brooks Stevens e la sua squadra di progettisti di Milwaukee hanno provato molti approcci diversi nel restyling della Studebaker Hawk. Vedi altro immagini di auto d’epoca . ©2007 Publications International, Ltd.

Come parte del piano per mantenere Studebaker nel settore automobilistico, Sherwood Egbert ha invitato Brooks Stevens ad aggiornare il Falco. Con poco tempo e meno soldi, Stevens ha creato la Studebaker Gran Turismo Hawk.

Galleria di immagini di auto d’epoca

Un furioso Raymond Loewy si precipitò al telefono quando vide per la prima volta la nuova Studebaker Gran Turismo Hawk al Salone dell’auto di Parigi del 1961. Non riusciva a capire come la Studebaker avesse permesso a Brooks Stevens di modificare il design della Studebaker Starliner del 1953 della sua azienda in modo così esteso. La rivista Fortune l’aveva definita “uno dei cento migliori design dei tempi moderni”. Nella sua chiamata transatlantica a South Bend, chiese di sapere cosa era successo e come.

I dirigenti della Studebaker, tuttavia, si sono resi conto della saggezza della loro decisione e hanno appoggiato il nuovo design di Brooks Stevens. Loewy, impegnato nel progetto Avanti per Studebaker, ha lasciato cadere la questione.

A number of possible taillight variations were tried with the 1962 Studebaker Gran Turismo Hawk, all with the requirement that they bolt on to the existing bodywork.” ” Con la Studebaker Gran Turismo® Hawk del 1962 sono state provate diverse possibili varianti dei fanali posteriori, tutte con l’obbligo di bullonare la carrozzeria esistente. ©2007 Publications International, Ltd.

Articolo molto interessante
1953 Chrysler New Yorker Cabrio

Solo raramente il lifting non distrugge la purezza di un concetto originale. L’eroico restyling dello Starliner di Stevens è un esempio della rara eccezione (“eroico” perché Stevens ha portato a termine il compito con un budget limitato e in un tempo molto limitato). Il suo Gran Turismo® Hawk del 1962-1964 è emerso come un design rinfrescante e senza tempo, che sembra buono oggi come quando ha debuttato per la prima volta quasi 50 anni fa. E il design di Stevens non ha portato via nulla allo Starliner, perché quando è parcheggiato fianco a fianco entrambe le auto sembrano ancora “giuste”.

Quando Stevens è stato chiamato a South Bend, Studebaker – il più vecchio produttore di veicoli negli Stati Uniti – era alle corde. Aveva prodotto carri fin da prima della Guerra Civile, ma ora si stavano accumulando pressioni, dall’interno e dall’esterno, per abbandonare la produzione di automobili. Alcuni dicono che la Studebaker stava lentamente morendo sin dal suo fallimento negli anni Trenta. Ma la produzione materiale aveva portato molti capitali durante la seconda guerra mondiale, e il futuro sembrava promettente nel 1946.

Le sfide e le opportunità erano lì. Il problema era che il management prendeva sempre la strada sbagliata ad ogni incrocio. Per certi versi, l’azienda era in anticipo sui tempi, come nel caso della sua associazione alla fine degli anni Quaranta e all’inizio degli anni Cinquanta con Loewy. Per altri aspetti, sembrava tristemente obsoleto, soprattutto in alcuni settori dell’ingegneria.

Articolo molto interessante
Concetto Suzuki SXForce

Alla Ford viene generalmente attribuito il merito di aver creato il mercato sportivo “personale-lusso” con la Thunderbird del 1958, o “Squarebird”. Le sue dimensioni di base sembrano essere state prese in prestito dalle auto da sogno Autorama della General Motors della metà degli anni Cinquanta, ma GM non entrò in questo segmento fino a quando la Pontiac non mise in campo il Grand Prix del 1962 — o a metà del 1961, quando Olds debuttò con lo Starfire.

Infatti, Studebaker ha battuto sia Ford che GM sul mercato nel 1956 con lo sportivo e ben rifinito Hawk. Sebbene si trattasse di un vero e proprio rifacimento dello Starliner del 1953, l’Hawk era sia un buon performer che un buon looker, in particolare il top di gamma Golden Hawk.

Studebaker l’ha definita “un’auto sportiva… che restituisce il divertimento e l’emozione all’automobilismo di lusso”. Solo più tardi altri invasero quella nicchia di mercato – 1958 T-Bird, 1963 Riviera, 1966 Olds Toronado, 1967 Cadillac Eldorado, e altri – ma Studebaker poteva rivendicare di essere la prima di questo lignaggio.

Studebaker era in difficoltà finanziarie mentre il Falco veniva sviluppato. Scopri come Egbert ha mantenuto la palla durante i momenti difficili nella pagina successiva.

Per ulteriori informazioni sulle auto, vedere:

  • Auto d’epoca
  • Muscle Cars
  • Auto sportive
  • Guida per il consumatore Ricerca auto nuove
  • Guida del consumatore Ricerca auto usate

Lascia un commento