1964-1965 Pontiac GTO

Considered one of the most influential cars of the '60s, the 1964 Pontiac GTO actually was an option package for the Tempest LeMans. Considerata una delle auto più influenti degli anni ’60, la Pontiac GTO del 1964 era in realtà un pacchetto di opzioni per la Tempest LeMans. ©2007 Publications International, Ltd.

La Pontiac GTO del 1964-1965 era una di quelle grandi idee che erano destinate a realizzarsi. Il fatto che sia successo in Pontiac la dice lunga sulla capacità di marketing della divisione negli anni ’60 e sulla sua capacità di soddisfare il pubblico.

La nuova compact di Pontiac per il ’61 Tempest aveva soddisfatto gli appassionati in cerca di raffinatezza tecnica, ma non la stragrande maggioranza degli acquirenti che apprezzavano le prestazioni fluide e senza sforzo e l’affidabile semplicità. La situazione iniziò a cambiare nel 1963, quando Tempest offrì un nuovo optional da 260 cavalli 326 V-8, una versione alesata dell’allora leggendaria Pontiac 389. Ma l’ammiraglio Jim Wangers voleva ancora di più, e il destino fece il suo gioco con una Tempest di dimensioni medie per il 1964.

È apparso con linee tese e geometriche su una nuova piattaforma A-body aziendale condivisa con la nuova Chevrolet, la nuova Chevelle di Chevrolet, la F-85/Cutlass di Oldsmobile e la Buick Special/Skylark. La costruzione dell’unità è stata abbandonata per il body-on-frame, una trasmissione convenzionale ha eliminato la radicale “trasmissione a fune” e il transaxle posteriore, l’interasse è stato allungato di tre pollici a 115, gli assi posteriori oscillanti hanno lasciato il posto a un assale solido con sospensioni a bobina piena, e c’erano nuove carrozzerie più grandi con spazio sotto cofano extra per motori più grandi.

Articolo molto interessante
1965-1968 Plymouth Fury

Con l’aiuto dell’ingegnere capo divisione John DeLorean e del direttore generale della Pontiac “Pete” Estes, Wangers ha ottenuto la sua “muscle car”. Ma una politica della General Motors proibiva tali buffonate, così hanno dovuto confezionarla come opzione (a poco meno di 300 dollari) per la coupé Tempest LeMans del ’64, cabriolet e hardtop a due porte.

A Wangers piacevano le auto da corsa, quindi sapeva che la sua hot rod doveva avere qualcosa di più di un grande motore. Ha quindi specificato il cambio manuale a tre velocità con cambio al suolo, sterzo rapido, sospensioni pesanti, pneumatici migliorati, doppi scarichi e tocchi audaci come un’applicazione simulata del cruscotto in metallo con motore ribaltato. Per finire, Wangers ha preso sfacciatamente in prestito “GTO” da una Ferrari recente. La sigla indicava Gran Turismo Omologato, italiano per un’auto da gran turismo di serie omologata per le corse.

La Pontiac GTO del 1964-1965 aveva il cuore di un hot rod. Per saperne di più sulle potenti caratteristiche prestazionali di questa vettura, vedere la pagina successiva.

Per ulteriori informazioni sulle auto, vedere:

  • Auto d’epoca
  • Muscle Cars
  • Auto sportive
  • Guida per il consumatore Ricerca auto nuove
  • Guida del consumatore Ricerca auto usate

Lascia un commento