1965 Chrysler 300L – Stile sulla sostanza

La Chrysler 300-L di Don Rook del ’65 di Don Rook chiude il dibattito

Vedi tutte le 1 fotoDavid W. TemplewriterOct 1, 2001

La Chrysler 300-L del ’65 è accettata da alcuni appassionati della Lettera, ma rifiutata da altri. Alcuni dicono che la 300-L non è una “vera” Letter car perché la Chrysler si è allontanata dal concetto originale della 300, mentre altri sostengono che ha mantenuto l’immagine. Entrambe le parti sostengono con forza le loro rispettive argomentazioni.

Il 300, così come concepito in origine, era una specie di hot rod per gentiluomini. Era veloce, maneggiata bene, ed era arredata in modo lussuoso. Il prezzo elevato della 300 occupava una nicchia di mercato molto ristretta, ma ha contribuito a costruire un’immagine per l’azienda che l’ha prodotta. La prima versione dell’auto, la 300 del ’55 (o C-300), ha fornito rapidamente una buona pubblicità all’azienda che ha vinto la NASCAR. Il trend seguì l’anno successivo con la 300-B. All’inizio la 300 fu offerta solo come hardtop a due porte, ma nel ’57 fu aggiunta alla linea una cabriolet. Le prestazioni continuarono ad essere migliorate negli anni successivi e raggiunsero un nuovo livello con la variante “F” nel 1960. La doppia 413 a quattro barilotti standard acquisì a questo punto la Ram Induction, che era composta da una serie di tubi che portavano ai carboidrati montati su ogni lato del grande V8 (questi tubi fornivano un effetto di sovralimentazione, che serviva ad aumentare le prestazioni). I modelli più performanti degli anni ’60 erano le auto equipaggiate a quattro velocità a produzione limitata – la maggior parte delle quali gareggiava alle Daytona Speedweeks. L’allestimento a slittone rimase di serie fino al 1961, anche se l’opzione a quattro velocità fu abbandonata; tuttavia, un manuale a tre velocità era opzionale.

L’anno di modello 1962 ha portato cambiamenti significativi al 300. A questo punto si era sviluppato nella 300-H e in un’altra cosa chiamata Sport 300. Qui sta la fonte della disputa riguardante la 300-L. Lo Sport 300 ha sostituito la serie Windsor nella linea Chrysler. Come per la Windsor, anche nella serie Sport erano disponibili versioni a quattro porte. Il marketing voleva capitalizzare l’immagine che la serie 300 aveva creato per l’azienda applicando il nome a quello che in sostanza era ancora un Windsor. Le vendite del Windsor erano in declino da un po’ di tempo; rubare l’immagine e il nome della 300 per aumentare le vendite sembrava una buona idea per cambiare questa situazione. Dal punto di vista della produzione, la decisione si è rivelata giustificata; le vendite della Sport 300 sono state superiori a quelle della linea Windsor dell’anno precedente. Per alcuni fan della Letter Series, l’introduzione della 300 “cheapened” ha diffamato il carattere della vettura. Aggiungendo l’insulto al danno, secondo loro, è stato il fatto che la Sport 300 poteva essere ordinata con quasi tutta l’attrezzatura della Letter Series. Per i puristi della 300, era inconcepibile che una Sport 300 a quattro porte hardtop potesse essere ordinata con un motore performante che era sempre stato di esclusiva proprietà delle vetture della Letter Series. Quasi tutta la dotazione di serie “H” era elencata come optional per la versione Sport. Un’altra ragione del clamore doveva essere che, esteriormente, la 300-H e la Sport 300 avevano un aspetto quasi identico; solo sottili dettagli differenziavano le due vetture all’esterno. Come risultato dell’esistenza del modello Sport, l’auto Lettera declinò in popolarità. Nel 1962, le vendite furono i due terzi della produzione del ’61, e l’anno di costruzione del ’63 fu ancora più severo.

Articolo molto interessante
2010 SEMA Show in Hot Rod Alley

Anche se la produzione del ’64 è aumentata di nove volte, la cifra più grande viene spesso male interpretata. Alcuni direbbero che i puristi stavano tornando alla 300, ma ciò che ha davvero spinto le vendite più alte è stato il fatto che molte delle caratteristiche precedentemente esclusive della Letter car degli anni passati sono diventate opzionali. Come risultato di questa azione, il prezzo base della 300-K era di circa 1.100 dollari inferiore a quello della 300-J. Il prezzo più basso ha portato vendite da parte di persone che non avrebbero mai preso in considerazione l’acquisto dell’auto in passato.

La nuova formula per i 300 continuò nel 1965. Ormai, chi aveva apprezzato le “vere” auto Lettera aveva rinunciato al modello. Non tutti però erano d’accordo sul fatto che la 300-L fosse una “smidollata”. In un articolo di Motor Trend Road-Test si affermava che “sebbene le 300-L abbiano subito alcune modifiche, le auto stesse hanno mantenuto il tema originale”: Un’auto di lusso personale con prestazioni più che adeguate, una migliore maneggevolezza senza sacrifici nella guida e nessun tentativo di ridurre le dimensioni o il peso”. Per un’autovettura più grande della media, si avvicina notevolmente ad eguagliare alcune delle auto sportive europee nel campo della maneggevolezza e batte la maggior parte in velocità”.

L’equipaggiamento di serie della 300-L comprendeva il filtro dell’aria a 360 CV, 413 quattro barili con filtro dell’aria non silenziato, distributore a doppio punto, 727 TorqueFlite automatico (quattro velocità come opzione a costo zero), un manometro a vuoto montato su console (contagiri su auto a quattro velocità), servofreno, servosterzo, orologio, tappezzeria in vinile, sedili a secchiello, console, volante deluxe, differenziale 3,23:1, radio AM e riscaldatore.

Articolo molto interessante
ChampTruck World Series

Tra gli articoli opzionali vi sono una sospensione più rigida, il tetto rivestito in vinile (bianco o nero), gli alzacristalli elettrici, la radio AM/FM, l’apertura del baule elettrico e l’aria condizionata.

L’edizione standard dello Sport 300s consisteva in un cambio manuale a tre velocità a tre marce con cambio manuale a colonna e posti a sedere su panca. Tuttavia, gli articoli di serie sulla versione Letter sono stati elencati come opzioni sul modello Sport.

La 300-L qui mostrata è di proprietà di Don Rook di Mena, Arkansas. Rook, collezionista di auto Chrysler, l’ha acquistata nel 1981, attraverso la proprietà del proprietario originario. Quest’auto è una delle sole 108 (96 hardtops e 12 cabriolet) 300-L costruite con il cambio manuale a quattro velocità.

Con solo 31.000 miglia effettive, la 300-L non ha richiesto un restauro completo. Rook ha concentrato i suoi sforzi su una riverniciatura nel colore originale di Regal Gold, l’installazione di modanature N.O.S., la replica dei paraurti e la sostituzione dei cilindri delle ruote e dei tubi dei freni. La sua tappezzeria originale nera e il piano in vinile sono rimasti in ottime condizioni, e sono stati mantenuti. Il motore è stato sottoposto ad un esame approfondito e si è dimostrato in ottima salute.

Oltre alle quattro velocità e al top in vinile, altre opzioni della vettura di Rook includono alzacristalli elettrici, un’antenna elettrica montata sul retro e un riverberatore (che posiziona un ritardo tra gli altoparlanti anteriori e posteriori per simulare il suono stereo).

Articolo molto interessante
Pat Morrison 1932 Ford roadster - Street Rodder Top 100 Syracuse Nationals

Don ha una sua opinione sulla validità di questa macchina per indossare il distintivo della lettera. Come prova, egli cita la 413 a 360 CV di serie, l’opzione a quattro velocità, i sedili a secchio e la console. Egli osserva che la 413 è lo stesso motore (senza doppio carburatore) che apparve per la prima volta nel ’59. Un ulteriore supporto al fatto che la serie 300 era stata progettata per rimanere un bruto si trova nel modello 300-M annullato previsto per il 1966. Secondo quanto riferito, 500 dei 300-M dovevano essere equipaggiati con la 426 Hemi. Ci sarebbero voluti 35 anni prima che la Chrysler facesse rivivere l’immagine.

La questione se la 300-L fosse all’altezza dei suoi fratelli può essere discussa all’infinito dagli appassionati, ma possiamo dire che la “L” si distingueva dalle altre Chrysler del 1965. Ne furono costruite solo 2.845 (2.405 hardtop e 440 cabriolet) e, secondo alcuni, questo è abbastanza esclusivo da giustificare l’attenzione.

SPECIFICATIONSEngine413ci V84.1875 in x 3.750 inCarburretorSingle four-barrelTransmissionTorqueFlite a 3 velocità standard. La vettura caratteristica è equipaggiata con l’optional A-833 a 4 velocità. Rapporto di asse standard (:1) 3,23Capacità (lordo)360 @ 4.800 rpmTorque470 lb-ft @ 3.200 rpmCompression ratio10.1:1Wheelbase124.0 inBase price$3.500Production2.845 (include 108 auto a 4 velocità)Show All.

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites200110110-MOPP-01-ps-300L.jpg

Lascia un commento