1965 Mustang Fastback – Nouveau Shelby

Il motore per casse Coyote da 700 CV di Edelbrock si combina con le moderne sospensioni per creare prestazioni da supercar con un’atmosfera vintage.

Vedi tutte le 8 fotoChristopher CampbellwriterJorge NunezphotographerMay 21, 2014

Tanta arte quanta ce n’è nell’esecuzione dell’aggiornamento di una classica muscle car, in tanti casi la vera arte sta più nel contenimento. Abbiamo visto tutti auto che ci piacciono, ma sembra che il costruttore si sia spinto un po’ troppo oltre e abbia infangato il prodotto finale. In un costume completo, c’è una soglia molto più alta, ma quando si vuole rendere omaggio a un’icona vintage mentre la si modernizza, c’è un limite a quanto ci si può allontanare. Le parti possono essere impressionanti, la lavorazione di alto livello, e può essere abbastanza funzionale, ma a volte la “sensazione” può andare persa. Sapere quando fermarsi per mantenere la visione pura è la sfida più grande.

Un esempio è questo splendido fastback della Mustang del ’65. Con l’assoluta cornucopia di prodotti innovativi che escono continuamente per i classici macchinari muscolari, il cielo è il limite dell’aggiornamento, ma se si vuole catturare l’essenza di un’auto iconica mentre si entra nel mondo del Pro Touring, questa è una linea molto sottile per ballare il tip tap quando si tratta di una Mustang fastback.

Il proprietario George Russo era cresciuto come un ragazzo Ford e possiede ancora la Mustang coupé del ’65 che guidava da adolescente, anche se ora è costruita a immagine di una delle 16 coupé Shelby del ’65 costruite dalla Shelby per la classe Trans-Am A/Sedan (le Mustang fastback erano classificate come biposto, il che le rendeva inammissibili). Nel suo cuore, però, George ha sempre voluto un fastback, in particolare una Shelby GT350. Il problema era che i fastback erano sempre stati molto più costosi delle coupé, il che rendeva facile deviare dalla coupé del ’65 che aveva in mano. L’esplosione della popolarità delle muscle car e dei prezzi era servita solo a peggiorare le cose. “Nei giorni precedenti alle riproduzioni della Dynacorn, una volta ho visto solo la linea del tetto per un fastback in vendita a 10.000 dollari”, ci ha detto George. Per quanto riguarda le auto intere, solo le più brutte del rough si trovavano nella fascia di prezzo che stava cercando. Poi, sorprendentemente, ne è spuntata una con un vero potenziale in Texas. Dopo aver parlato con il proprietario, George e suo figlio hanno deciso di correre il rischio e di volare giù per vederla di persona.

Articolo molto interessante
1955 Ford F100 - Miele senza soldi

Ottenere un fastback Mustang a basso costo, ovviamente, significava accettare il fatto che sarebbe stato necessario un sacco di lavoro. George e suo figlio sapevano che volevano solo essere sicuri che non avrebbero avuto problemi. L’auto era stata colpita, ma era guidabile e riparabile, i pavimenti erano morbidi, e c’era un bel po’ di ruggine e di riempitivo, ma il prezzo sembrava ancora giusto. George e suo figlio hanno fatto un accordo, e hanno deciso di scommettere su un’avventura guidando il fastback verso casa.

Purtroppo i Russo non hanno fatto molta strada prima che una delle vecchie e fragili condutture del carburante si spezzasse. Sono riusciti a portarla in un negozio di ricambi auto e a sostituire la linea nel parcheggio. Questo li ha fatti tornare sulla strada, brevemente. Poco dopo, il nucleo del riscaldatore è scoppiato, mettendoli di nuovo sul lato della strada. È stato un facile bypass, ma a questo punto i Russo hanno deciso che forse stavano guardando la punta dell’iceberg ed era il momento di affittare un camion e un rimorchio.

George ha fatto catturare il suo fastback, ma a causa di altri obblighi, il lavoro non è iniziato per un po’. La Mustang rimase seduta per quattro anni, finché non si mise a spogliarla e a dare un’occhiata seria. Divenne subito evidente che il mediablasting era per arrivare alla vera verità. Quella verità era piuttosto brutta, con un pollice di stucco su una corda di pollo, toppe scadenti e rivetti nei quarti. I pavimenti si disintegravano, e il tronco, il firewall e i frammenti di muro avevano bisogno di essere rattoppati. Piuttosto che scoraggiarsi, George decise di scavare e di fare il lavoro.

Il fastback è andato inizialmente a Mustangs Etc. a Van Nuys, in California, dove ha passato la maggior parte dell’anno a fare la riparazione dei metalli e a montare i pannelli della carrozzeria. Da lì le cose hanno cominciato ad accelerare. George voleva un clone in stile GT350 Shelby, ma gli piaceva anche l’idea di aggiornare alcuni spunti stilistici e migliorare la maneggevolezza e le prestazioni. In quel periodo, Ford introdusse il Coyote 5.0 nella nuova Mustang e George meditò utilizzando uno di questi motori. Naturalmente questo avrebbe richiesto la sostituzione delle sospensioni anteriori e la cancellazione della torre dell’ammortizzatore, ma aveva letto un articolo sull’installazione di una clip per le sospensioni anteriori personalizzata che avrebbe fatto posto alla grande quad-cam. George si era imbattuto nel nome di Bodie Stroud mentre ammirava lo Starliner del ’61 che il suo negozio aveva costruito, così chiamò il negozio e chiese informazioni sullo swap. Stroud era in realtà nel bel mezzo della progettazione del suo sistema di sospensione per le Mustang d’epoca, così suggerì che l’auto di George fosse la prima candidata. E così i due anni sono passati da un pilota capace a una perfetta Pro Touring Shelby.

Articolo molto interessante
GTM di Factory Five

Vedi tutte le 8 foto

Mentre pianificava il progetto con Stroud, la cosa più importante a cui George doveva stare attento era il brivido della missione. Voleva la performance, ma voleva anche rimanere fedele alla visione e mantenerla pura. La Mustang doveva avere l’aspetto e la sensazione di una GT350 fino in fondo, come qualcosa che l’etica stessa di Carroll si sarebbe rivelata nel 1965 se avesse avuto accesso a un motore Coyote e a sospensioni personalizzate. La carrozzeria doveva essere di serie e tutta d’acciaio. L’unica concessione che alla fine è nata è il cofano motore. “Il Coyote aveva 412 CV, e poi il Boss ne uscì con 444 CV”, spiegò George. “Pensavo che sarebbe stato un bene, ma poi mi sono reso conto che il mio pilota giornaliero Audi aveva 450 CV, e non potevo costruire un hot rod che avesse meno potenza!”. Fortunatamente Edelbrock stava lanciando il suo motore Coyote da 700 cv sovralimentato all’epoca, così George si è impigliato nel pezzo di produzione n. 1. Il soffiatore E-Force era un po’ alto, così l’equipaggio della BS Industries ha dovuto realizzare una versione leggermente esagerata del cofano della GT350 per eliminarlo.

Nei due anni successivi, George e suo figlio hanno tenuto conferenze telefoniche e riunioni ogni pochi giorni per discutere il piano e decidere fino a che punto gli aggiornamenti potessero essere spinti senza superare il limite e senza perdere quell’estetica da GT350. Stroud e il suo equipaggio erano estremamente attenti all’obiettivo e ogni modifica apportata al telaio, al vano motore e agli interni è stata attentamente considerata per farla sembrare molto 1965. Ad esempio, le torri d’urto sono state rimpicciolite piuttosto che eliminate, e i bracci di comando anteriori tubolari regolabili personalizzati sono stati verniciati a polvere in argento bicolore e nero per imitare le parti originali. È l’attenzione per i dettagli che contraddistingue questa vettura.

Articolo molto interessante
1932 Ford Hot Rods - Roddin' Around

Inoltre, il Mustang doveva essere pratico e di facile manutenzione. George la voleva pulita, ma sicuramente non una show car con parti nascoste, visto che ha intenzione di guidarla spesso. La pazienza darà presto i suoi frutti, visto che Stroud era in fase di test finale con la Mustang al momento del nostro servizio fotografico, e il grande debutto era previsto per lo spettacolo Fabulous Fords Forever 2014 alla Knott’s Berry Farm. Dopo di che, George potrà finalmente uscire nel suo garage e vedere il fastback che ha sempre desiderato: un clone Shelby moderno e perfezionato che pensiamo Carroll stesso sarebbe orgoglioso di rivendicare.

Per i numeri
1965 Mustang Fastback
George Russo, Santa Clarita, CA

Motore
Tipo: 700hp Edelbrock sovralimentato da 5.0L Coyote motore a cassa di coyote da 700hp
Blocco: Ford
Gruppo rotante: 9.5:1 pistoni Mahle forgiati, albero motore forgiato e bilanciato, aste delle travi ad H Manley forgiate
Teste di cilindro: stock con Boss 302 valveprings
Alberi a camme: stock
Valvetrain: stock
Induzione: Sistema di sovralimentazione Edelbrock E-Force Eaton TVS 2.300cc, induzione ad aria fredda personalizzata BSI
Oliatura: stock con adattatore per filtro olio remoto Ford Racing
Scarico: collettori corti rivestiti in ceramica, scarico MagnaFlow
Sistema di alimentazione: Iniettori di carburante da 50lb/hr
Accensione: stock
Raffreddamento:
Uscita: 700 hp a 7.000 giri/min, 606 libbre di coppia a 4.500 giri/min
Costruito da: Edelbrock

Drivetrain
Trasmissione:
Albero motore: albero motore in alluminio Inland Empire personalizzato
Riavviare: Strano 9 pollici con ingranaggi da 3,89 e assi a 31 scanalature

Telaio
Sospensione anteriore: BS Industries clip anteriore con bracci di controllo regolabili Easy Line, coilovers QA1, sterzo a cremagliera, Speedway Engineering splined sway bar
Sospensione posteriore: BS Industries custom quattro-link con Currie da 9 pollici, Speedway Engineering splined sway bar
Sterzo: Colonna Flaming River con cremagliera AGR
Freni: Dischi Wilwood da 13 pollici con pinze a sei pistoncini (anteriori), dischi Wilwood da 13 pollici e pinze a quattro pistoncini (posteriori), freni elettrici ABS Freni elettrici
Telaio: framerails frontali personalizzati, connettori per sottotelaio, rollbar a quattro punti GT350


Ruote: 17×9 Vintage Wheel Works V45
Pneumatici:

Vedi tutte le 8 foto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP

Lascia un commento