1966 Chevy Suburban – “Burb Is The Word” – “Burb Is The Word

Dave Carter’s ’66 Suburban

Vedi tutte e 4 le fotoGrant PetersonwriterFeb 1, 2010

Andare ai grandi saloni dell’auto per vivere può essere una cosa interessante. Noi (tipi da riviste) vediamo tutti i tipi di persone e veicoli provenienti da tutto il paese, e può essere facile farsi avvolgere dal meglio del meglio e dall’ultimo e più grande, ma da qualche parte (il nostro cervello) ha bisogno di essere resettato. Speriamo che siate riusciti a capire che noi di CLASSIC TRUCKS cerchiamo di portarvi camion di ogni tipo di provenienza, budget e stato di completamento, il tutto naturalmente con buon gusto. Mentre all’ultimo Goodguy’s show a Columbus, Ohio, circondato da oltre 6.000 iscritti (alcuni vicini al milione di dollari), ho trovato Dave Carter e i suoi figli che si rilassavano nella/dai loro Suburban e ho pensato che si trattasse di questo, di divertirsi, e nel caso di Dave, con la sua famiglia. Non solo, ma il ‘Burb era abbastanza figo che chiunque potesse essere orgoglioso di guidarlo. Ecco la storia di Dave.

“La storia di Suburban è iniziata quando ho iniziato a cercare un veicolo di progetto nella primavera del ’07. Come la maggior parte delle persone, il matrimonio e due figli mi avevano rubato la maggior parte del mio tempo libero e dei fondi. Ma quando la vita familiare si era sistemata, avevo finalmente i soldi per un nuovo progetto. Non fraintendetemi, ho avuto dei camion fantastici e i miei autisti giornalieri hanno spaziato dalle S-10 cadute ai camion a letti corti, ma niente di simile ai classici.

“Così sono al Cars and Parts spring swap meet in Springfield, Ohio, che è noto per avere un sacco di veicoli in ogni stato di condizione e vintage. Essendo il meeting di primavera dovrebbe avere un numero ancora maggiore di auto, dato che molti progetti invernali sono sempre in vendita. Dopo aver camminato per ore ho guardato due volte quello che deve essere ogni auto e ho trovato solo due veicoli che mi hanno veramente interessato. Il primo è un carro Impala del ’66 con 327 e una quattro marce non meno, il secondo era un Suburban del ’66. Mi è piaciuta appena l’ho vista, ma era troppo alta. Era un brutto anatroccolo, e all’inizio pensavo che fosse una quattro ruote motrici. Quando ho saputo che era una 2×4, le ruote hanno cominciato a girare.

Articolo molto interessante
Power Tour 2015: Uccidere Bambi e Wrenchin' On the Road

“Mia moglie voleva un carro, e ci serviva qualcosa per trasportare due ragazzi e tutta l’attrezzatura che li accompagnava. D’accordo, mi piacciono i carri, ma per quanto siano belli, tutti ne hanno uno di questi tempi. Ma in periferia, ora questo era diverso. Quante volte li vedete – per non parlare di uno martellato a terra – intorno all’Ohio? Mai. Per farla breve, dopo una foto di un cellulare sgranato l’ho convinta (come se avesse avuto scelta) che questo poteva essere molto più figo di un carro.

“Il camion non ha avuto bisogno di modifiche all’ingrosso – eccetto che per l’altezza di marcia – ma di tanti piccoli cambiamenti qua e là. Il camion aveva la vernice che si vede e la maggior parte dei pezzi interni quando l’abbiamo acquistato, ma meccanicamente lasciava molto a desiderare. Per migliorare la guidabilità, ho sostituito il carburatore, l’aspirazione, lo scarico e soprattutto la trasmissione. Ho fatto la sostituzione della 700-R4 e consiglio vivamente di farlo a chiunque la consideri. Ho dovuto inseguire i soliti gremlins elettrici che vengono con un camion vecchio di 40 anni. Sono passato a un alternatore a un filo per aiutare la situazione elettrica. Le ruote d’acciaio erano sul camion quando l’ho comprato, ma l’assetto dei pneumatici era orribile. Ho cambiato le gomme nella giusta combinazione grande/piccola e ho sostituito i tappi con quelli del camion. Un amico ed io abbiamo tagliato le bobine per farle scendere ad un aspetto temporaneamente rispettabile, ma non è durato a lungo. Il pezzo finale e più grande del puzzle è stato naturalmente l’allestimento dell’airbag. Kevin Erisman di Hacker’s Paradise a Germantown, Ohio, si mise al lavoro installando ‘borse anteriori e posteriori, e facendo un passo avanti con i bracci di controllo del magazzino per far cadere ancora di più la parte anteriore. Nella parte posteriore ha inciso il telaio a C, ha aggiunto gli ammortizzatori KYB e ha installato una nuova barra Panhard. Ora il ‘Burb si siede davvero ‘a destra’.

Articolo molto interessante
Chad Folkema 1930 Ford coupé Ford - Street Rodder Top 100 Siracusa Nationals

“Da quando abbiamo finito il camion sono stato bombardato di consigli per aggiungere ruote da 20 pollici, tingere i finestrini, cambiare la vernice, ecc. Anche se non ho nulla contro tutte queste cose, penso che quelle persone non capiscano il nostro camion. L’aspetto pulito originale che ha è quello che lo rende. Ma devo ammettere che ho giocato con l’idea di una conversione a cinque spine e un set di T-70 americani del centro cast. Immagino che alla fine sia stato un compromesso. Mia moglie ha avuto il suo carro e io ho avuto il mio camion, e tutti noi abbiamo avuto un killer cruiser di famiglia. La cosa migliore è che non dubita più di me”.

Vedi tutte e 4 le foto Dave Carter Cable, Ohio 1966 Chevrolet Carryall CHASSIS FRAME: stock MODIFICHE: C-notch, di Kevin Erisman, Hacker’s Paradise REAREND / RATIO: 12-bolt / 3. 73:1 SOSPENSIONE POSTERIORE: airbag, blocchi di abbassamento da 2 pollici, barra Panhard FRENI POSTERIORI: tamburo di riserva SOSPENSIONE ANTERIORE: bracci di controllo a gradini personalizzati di Hacker’s Paradise FRENI FRONTALI: tamburo di riserva STEERING BOX: stock RUOTE: acciaio, 15×8 RUOTE FRONTALI: MasterCraft, 215/75R15 pneumatici posteriori: MasterCraft, 235/75R15 GAS TANK: stock DRIVETRAIN DRIVETRAIN MOTORE: stock ’66 283ci TESTE: stock ferro COPERTE DI VALVOLE: GM MANIFOLD / INDUZIONE: Edelbrock Performer combo IGNITION: Accel EXHAUST / MUFFLERS: 21/2″ dual di Tuffy, Springfield, Ohio / Dynomax TRANSMISSION: ’91 700-R4 BODY STYLE: Carryall FENDERS FRONT / REAR: stock HOOD: stock stock GRILLE: stock, verniciato BED: nessuno CORPO E PITTURA DA: precedente proprietario TIPO DI PITTURA / COLORE: PPG / Boogie Beige a tamburo SEDIA / TAILLIGHTS: stock BUMPERS: stock, rasato INTERNO GAUGHE: stock DASH: stock ARIA CONDIZIONATA: nessuno RUOTA DI GUIDA: CONTRIBUTO COLONNA DI GUIDA: stock SEDE: stock UPHOLSTERY BY: who knows MATERIALE / COLORE: panno, vinile / verde scuro CARPET: verde scuro Mostra tutto

Articolo molto interessante
Jeff Lutz esce dalla Settimana del Trascinamento 2015

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites201021002clt-02-z-1966-chevy-suburban-front-grill.jpg

Lascia un commento