1967, 1968, 1969 Dodge Dart Dart GT GTS

The sporty GTS that debuted in 1968 came with a 275-bhp 340, and could be ordered with a 300-bhp 383. See more classic car pictures. La GTS sportiva che ha debuttato nel 1968 era dotata di una 275-bhp 340, e poteva essere ordinata con una 300-bhp 383. Vedi più immagini di auto d’epoca . ©2007 Publications International, Ltd.

La serie Dodge Dart GT GTS Dodge Dart del 1967-1969 è passata da auto sicure, orientate alla famiglia, a velocisti a tutto tondo. Dal 1965, Dodge ha pubblicato un’edizione GT della sua Dart compatta.

Galleria di immagini di auto d’epoca

A parte il nome, queste coupé hardtop e convertibili aggiornate non si qualificano come macchine da Grand Touring a pieno titolo o ad alte prestazioni – non con un 273-cid V-8 come motore di punta, e un’immagine difficile da combattere come macchine per il trasloco familiare a basso costo e poco ispirate.

Quando Darts ha goduto di un importante restyling per il 1967, la GT è arrivata per un’altra prova, chiudendo l’anno con un modesto ma gradito guadagno di vendite. Più grandi dentro e fuori, più arrotondate lungo le fiancate, le Freccette rielaborate mantenevano lo stesso passo di 111 pollici degli originali, ma consegnate, secondo le parole della brochure di vendita, “… più spazio. Nuova potenza. Più elegante”.

Beh, questa era l’affermazione. In realtà, non era cambiato molto, a parte una silhouette più pulita in stile fastback e una griglia a tutta larghezza, e una fresca selezione di interni in vinile e tessuto/vinile. Un po’ di quell’aumento di dimensioni era illusorio, infatti, dato che la lunghezza complessiva si era in realtà ridotta di una frazione di pollice.

Chiaramente, per trasformare una semplice Jane Dart in un’onesta GT sono stati necessari più dei sedili a secchiello e una targhetta identificativa. L’ordinazione del pacchetto opzionale di sospensioni Rallye ha aiutato, soprattutto se combinato con freni a disco anteriori e pneumatici D70 × 14 Red Streak.

Così come la più potente variante a quattro barili del 273-cid V-8, disponibile con TorqueFlite o a quattro velocità, e un contagiri opzionale. Tuttavia, questi utili scarabocchi sono stati attaccati ad una compatta americana altrimenti senza fronzoli che ha avuto un periodo difficile che ha suscitato emozioni.

Mancava qualcosa. Un front end più ampio aveva dato alle Freccette del 1967 una posizione più ampia e una sala macchine aggiuntiva – ma niente di nuovo per riempire quello spazio in più. Questa lacuna fu corretta per il 1968 con l’arrivo della GTSport (GTS, in breve GTS) come membro in regola della nuova Dodge “Scat Pack”, che comprendeva anche le edizioni Charger e Coronet R/T.

Sotto il cofano del Dart rinfrescato si è seduto un nuovo vivace 340-cid V-8 con carburatore a quattro barili e albero a camme ad alto sollevamento, desideroso di mandare a terra i suoi 275 cavalli di potenza attraverso una sospensione Rallye e pneumatici E70 × 14 a largo battistrada.

Le lamelle del cofano in stile scoop, i doppi tubi di scarico a punta quadrata e le strisce “bumblebee” sul retro hanno detto al mondo che questa era una nuova razza di Dart, pronta ad affrontare alcuni (se non tutti) i nuovi arrivati. Chi non si curava di quelle strisce posteriori appariscenti, poteva azzerarle.

Continua a leggere per saperne di più sulla graduale trasformazione della Dodge Dart in una macchina da corsa.

Per ulteriori informazioni sulle auto, vedere:

  • Auto d’epoca
  • Muscle Cars
  • Auto sportive
  • Guida per il consumatore Ricerca auto nuove
  • Guida del consumatore Ricerca auto usate

Lascia un commento