1968-1969 Dodge Charger

A swoopy second-generation Dodge Charger debuted in 1968. See more classic car pictures. Una Dodge Charger di seconda generazione ha debuttato nel 1968. Vedi altro immagini di auto d’epoca . ©2007 Publications International, Ltd.

Dopo un impressionante avvio nel 1966, le vendite della drammatica Charger fastback Charger sono scivolate nella sua seconda stagione. Cosa fare? Scatena un’edizione rinnovata – i modelli Dodge Charger del 1968-1969 – con un assetto ancora più robusto e una muscolatura in più.

Galleria di immagini di auto d’epoca

Molti consideravano i modelli Dodge Charger del 1968-1969 rivisti come alcune delle più belle auto di medie dimensioni in circolazione, anche se la linea del tetto originale fastback è stata sostituita da un profilo semi-fastback con pannelli a vela “flying buttress”.

Per soddisfare la folla di muscle-car, Dodge ha rilasciato un caricabatterie R/T (per Road/Track) come parte del suo “Scat Pack”, che comprendeva anche il Coronet R/T e il Dart GTS. Ognuna di esse portava strisce di calabrone intorno alla coda e portava un motore adatto al suo titolo.

Annunci per “The Clean Machine” (Charger R/T) ha osservato che “non è stato costruito per la folla comune di auto”. Per molti, questo è tutto ciò che è bastato per indurre una voglia insaziabile di un V-8 440-Magnum e colpirli con le sospensioni rigide.

Anche se mirato a “un tipo di individuo robusto”, tuttavia, Charger annunci ulteriormente notato che il probabile acquirente era una persona “a cui piace morbido all’interno”. Quindi quale era, ruffiano o morbido?

Articolo molto interessante
1940 Cadillac Custom Convertibile

In realtà, il caricabatterie ha beneficiato di una doppia personalità e qualificato su entrambi i fronti. I sedili a secchiello rivestiti in vinile e gli accessori eleganti attirano gli amanti del comfort, con un cuscino disponibile per posizionare un passeggero in più tra i secchielli.

Un esterno aggressivo con una potenza da eguagliare è stato sufficiente a far entrare i ragazzi della performance – specialmente se affiancati da un paio di tubi che esplodono sul retro, e la gomma rossa del muro che colpisce il marciapiede.

I motori Hemi e Magnum erano solo una parte della storia, dopo tutto. La dotazione standard del caricabatterie comprendeva un mite 318-cid V-8 con un adeguato, seppur poco stimolante, 230 cavalli di potenza. Il passo successivo: La Chrysler 383, con 290 o 330 cavalli. Solo ordinando un R/T o controllando il Magnum da 375 bhp o 425 bhp Hemi ha trasformato il Charger da micia in macchina media.

I copywriter per le pubblicità di muscle-car hanno evidentemente avuto una brutta vena, spingendo le potenziali tendenze antisociali dei loro prodotti con un netto abbandono. La sospensione di una Charger, hanno riferito, “tratta un attraversamento di grado angolato sotto la pioggia con studiata insolenza”, mentre questo “Beautiful Screamer” con un “impertinente capovolgimento dello spoiler sul ponte posteriore” conteneva “440 cubi di media”.

Continua a leggere per saperne di più sull’auto “antisociale” scelta dagli appassionati di guida.

Articolo molto interessante
Motori americani AMX

Per ulteriori informazioni sulle auto, vedere:

  • Auto d’epoca
  • Muscle Cars
  • Auto sportive
  • Guida per il consumatore Ricerca auto nuove
  • Guida del consumatore Ricerca auto usate

Lascia un commento