1968 Ford Mustang – Razza Rara

Lonny e Jason Childress si sono messi a costruire un primo Mustang che potesse essere appeso con le migliori auto da turismo professionale del circuito.

Vedi tutte le 1 fotoRobert McGaffinphotographerCole QuinnellwriterMar 1, 2011

Per molti appassionati della Ford, la Mustang è l’auto dalle prestazioni eccezionali. Sono arrivate con la classica ricetta dei grandi motori e del peso leggero. Ma dato che l’industria si è spostata alla Pro Touring, è stato difficile per la Mustang seguirla. Quella che 40 anni fa era una sospensione OK, oggi è arcaica. E a differenza di una sospensione anteriore a doppio braccio A, la costruzione a torre dell’ammortizzatore della Mustang non è la più facile da modificare per una migliore maneggevolezza. Questa è stata tutta la motivazione di cui Lonny e Jason Childress avevano bisogno per costruire una Mustang in grado di fornire ai concorrenti su un percorso su strada.

I fratelli sono la forza trainante della Gateway Classic Mustang e della Gateway Performance Suspension. Non molto tempo fa, hanno sviluppato diversi kit di sospensioni, freni e sterzo per le prime Mustang. Poi hanno deciso di costruire un’auto per l’azienda che potesse dimostrare il potenziale di prestazioni che queste auto hanno, e di contribuire a perfezionare ulteriormente i loro prodotti. Dietro la loro officina, avevano diverse auto con parti desolate, e hanno scelto una di queste, una Mustang coupé del ’68, come punto di partenza per il loro nuovo progetto. Volevano costruire la Mustang come una moderna auto da corsa su strada, ma restando fedeli ai classici spunti di una Pony d’epoca. Volevano che la lamiera restasse di serie, senza irradiare le aperture delle ruote o svasarle per ottenere più spazio per i pneumatici. L’interno avrebbe mantenuto l’aspetto del cruscotto della fabbrica invece di un pannello di alluminio avvitato al rollcage. Dall’esterno, quest’auto avrebbe avuto l’aspetto di un’auto da strada con qualche adesivo. All’interno, sarebbe stata un vero affare, ma sarebbe stata comunque riconoscibile come una Mustang.

Era un buon piano. E per finire, hanno avuto un’offerta di uno show televisivo per presentare l’auto, se riuscivano a farlo in un lasso di tempo di quattro mesi. I fratelli hanno messo al lavoro la squadra della Gateway Classic Mustang, battendosi per rispettare la scadenza. L’Hulk arrugginito è stato liberato dal suo luogo di riposo e lasciato a Redi-Clean per un’immersione chimica. Quello che è uscito dal tuffo è stato un tetto decente, pannelli a dondolo, struttura interna, e questo è tutto. Il resto della lamiera era sparito o doveva essere sparito.

La chiamata successiva è stata quella di Dynacorn per un nuovo foglio di lamiera per l’auto, così come un cofano in fibra di vetro. L’equipaggio della Gateway Classic Mustang è andato a lavorare alla saldatura dei pavimenti e dei quarti di ricambio, e a dare forma ai nuovi parafanghi e alle porte in modo che tutto si adattasse bene. Dopo aver completato la lavorazione dei metalli, sono passati al riempimento della carrozzeria e alla levigatura dei blocchi. Questa sarebbe stata un’auto da corsa che, per caso, era legale per strada, ma come biglietto da visita per l’azienda, volevano anche che la carrozzeria avesse un bell’aspetto. Un look più aggressivo è stato ottenuto con il cofano in fibra di vetro Dynacorn che presenta un '67 GT500 stile cofano in stile GT500. I quarti di cucchiaio della Gateway Classic Mustang sono modellati nella carrozzeria proprio dietro le porte, ed è stata innestata una valenza frontale ispirata alle corse, che presenta un’ampia apertura per un maggiore flusso d’aria verso il radiatore.

Articolo molto interessante
1946 Pickup Ford - Malito's Way

A metà della costruzione, lo show televisivo è stato cancellato. Questo avrebbe permesso loro di fare marcia indietro se avessero voluto, ma la loro scadenza originaria coincideva anche con l’incontro Mid-America Shelby a Tulsa. Hanno deciso che questo sarebbe stato lo show perfetto per il debutto dell’auto, e un buon modo per dare il via alla stagione dell’evento. Hanno tenuto la squadra a pieno ritmo per portare a termine il progetto.

Lonny e Jason non volevano fare casino quando si trattava del propulsore. Hanno fatto per la loro auto quello che fanno per molti dei loro clienti: Lavoravano con Roush per trovare uno dei loro motori a casse ad alte prestazioni che sarebbero stati pronti per l’installazione. Per questo progetto è stato selezionato un blocco di 548 CV 368ci. Hanno optato per un mulino a carburatore, in modo che i loro clienti potessero relazionarsi più facilmente con l’auto. La maggior parte dei loro clienti non vuole occuparsi di iniezione di carburante, ma sono piuttosto astuti nella messa a punto dei carburatori. Per sostenere il potente piccolo blocco, hanno usato un kit di trasmissione a cinque velocità Tremec TKO a cinque velocità, un cambio, un supporto, una traversa, un cuscinetto pilota, un cablaggio vario e un albero motore. La trasmissione includeva un albero di coda modificato su misura per ridurre al minimo le modifiche necessarie per il gioco del pavimento. Un campanello Quick Time certificato SFI monta la trasmissione Tremec sul motore. L’auto è utilizzata principalmente in pista, quindi è stato utilizzato un sistema di frizione Tilton al posto di componenti più adatti alla strada. Questo ha funzionato bene anche con il gruppo pedale Tilton, rendendo tutto, dal pedale della frizione al disco, da un’unica azienda per una compatibilità ottimale. Il pezzo finale della trasmissione era un assale posteriore della fabbrica da 9 pollici. L’alloggiamento era riempito con assi a 31 scanalature, una Truetrac di Detroit e 4,30 marce.

Poi, le sospensioni, lo sterzo e i freni si sono uniti. Davanti, un sistema di puntoni Gateway Performance Suspension Street Extreme ha sostituito il braccio A superiore, la molla elicoidale e la configurazione degli ammortizzatori. Il sistema utilizza un mandrino nuovo di zecca che si monta sul giunto sferico originale sul braccio di controllo inferiore. Il sistema si attacca alla torre di shock di fabbrica. Un ammortizzatore coilover viene poi utilizzato per un controllo e una messa a punto precisi delle prestazioni della sospensione anteriore. Questo sistema fornisce anche la regolazione dell’altezza di marcia e viene fornito con rotori dei freni da 14 pollici e pinze Baer a sei pistoncini. Con una moderna sospensione anteriore a prestazioni moderne ora sulla vettura, il sistema di sterzo di fabbrica era l’anello debole. Gateway ha montato il suo kit di conversione a cremagliera, che sostituisce tutto lo sterzo originale con cremagliera ad alte prestazioni, pompa KRC, tubi flessibili e tutto il resto necessario.

Articolo molto interessante
Risultati finali della Settimana del Trascinamento 2015

La sospensione posteriore è un sistema molto particolare offerto da Gateway Performance Suspension. I mustang sono noti per i problemi di trazione. La soluzione Gateway consiste nel sostituire la sospensione a molla a balestra con il suo sistema a tre collegamenti. Il cuore di questo kit è un braccio di torsione che collega l’asse posteriore alla traversa di trasmissione. Due collegamenti collegano l’alloggiamento dell’assale ai supporti originali della molla a balestra anteriore e un terzo collegamento si installa tra l’alloggiamento e il braccio di torsione. I coilovers AFCO e le molle Eibach costituiscono il resto del sistema. L’assale è completamente controllato, mentre la configurazione del coilover fornisce un’altezza di marcia regolabile e una facile messa a punto per l’uso su pista e su strada.

Mentre l’esterno dell’auto è stato spruzzato con DuPont Ford Screaming Yellow, tutto il resto ha ricevuto una mano di grigio benigno. I fratelli hanno corso per anni sui monster truck, e hanno portato questo trucco da quel background da corsa. Il colore grigio fornisce un sacco di riflessi di luce che è utile quando si sta cercando di riparare qualcosa, e rende estremamente facile vedere perdite di olio o anche crepe nella lamiera.

L’interno è principalmente attrezzato per le corse con un minimo di riconoscimento di ciò che l’auto era una volta. Un paio di sedili da corsa Procar sono decorati con un’andatura di tappezzeria e cinture di sicurezza a cinque punti. Il cruscotto ha l’aspetto di una Mustang del ’68, grazie a un inserto Year One che ospita una serie di misuratori Auto Meter Pro Comp. Uno dei controlli più interessanti nell’abitacolo è un sistema di controllo elettronico di trazione regolabile con tecnologia Davis Technology. Rileva i picchi di giri del motore e ritarda la fasatura se pensa che le gomme si stiano sgonfiando. Il piantone dello sterzo di serie è stato sormontato da un volante da corsa a scomparsa per completare gli interni funzionali dell’auto da corsa.

L’auto era finita con poche ore a disposizione. Gli ultimi ritocchi sono stati completati alle 3 del mattino, la macchina è stata caricata nel rimorchio e la squadra si è diretta a Tulsa per l’evento. Alle 11 del mattino, la macchina stava facendo i giri di pista. Lonny e Jason hanno detto che quello che gli piace di più della macchina è divertirsi a batterla. Nel corso della stagione dell’evento, hanno messo a punto le sospensioni e la vettura in generale, portando le prestazioni in cima al gruppo. Inoltre, questa piccola e malvagia Mustang si è classificata all’11° posto assoluto all’Optima Ultimate Street Car Invitational di questo numero. L’esercizio ha permesso a Gateway di apportare ulteriori perfezionamenti che hanno potuto incorporare nei loro prodotti per le sospensioni, migliorando ulteriormente la grande maneggevolezza che hanno messo a disposizione degli altri possessori di Mustang.

Articolo molto interessante
Jeff Bennett - 1929 Ford Highboy Tudor Sedan - Street Rodder Top 100 - Sfumature del passato

Prestazioni del pony per Gateway

Come proprietari di Gateway Classic Mustang, Lonny e Jason Childress conoscevano i difetti della sospensione della fabbrica delle Mustang degli anni ’70. Queste auto hanno l’aspetto giusto, una discreta inclinazione del peso da anteriore a posteriore, e possono ospitare il giusto propulsore, ma in forma di stock, le loro capacità di girare gli angoli e di fermarsi lasciano molto a desiderare. È stato allora che i fratelli hanno deciso di creare una nuova attività, Gateway Performance Suspension (www.GatewayPerformanceSuspension.com), che si dedica allo sviluppo di sistemi di sospensioni, sterzo e freni che offrono le prestazioni che queste Pony car meritano. Ora offrono una linea completa di sistemi di sospensioni, che vanno dalle lievi prestazioni su strada a quelle su pista. Si sono concentrate sulle Mustang degli anni ’70 e precedenti, ma la maggior parte dei loro sistemi anteriori funzioneranno su qualsiasi Ford costruita con una sospensione a torre d’urto.

Il loro prossimo sforzo sarà quello di creare un kit di minitubo per il Mustang che vi permetterà di infilare un 335/40R17 sotto la lamiera. Questo dovrebbe far ribaltare ulteriormente la bilancia della Mustang a favore dell’autocrossing e delle corse su strada!

DAI NUMERI’68 FORD MUSTANGLonny e Jason ChildressBourbon, MOENGINEType:Ford 368 small-block Block:Dart iron blockOiling:RoushRotating assembly:Wiseco billet steel crank, Eagle billet steel H-beam connecting rod rod, Wiseco 11:1 coated pistonsCylinder heads:Air Flow Research 205cc CNC-ported aluminium Camshaft:COMP Cams solid roller with 254/260 degrees at . 050 e .627-/.627 pollici ascensoreValvetrain:Jessel Sportsman 1:6 rulli a bilancieri 1:6, 2.08-/1. Valvole di aspirazione/scarico da 60 pollici Induzione:Edelbrock Victor aspirazione, Holley HP 850-cfm carburatoreScarico:Ford Powertrain Testate di applicazione, doppio scarico da 2 pollici con marmitte Spintech Aggiuntore di potenza:nessunoSistema di alimentazione:Roush pompa del carburante meccanica Accensione:MSD 6AL-2, distributore MSD Pro BilletCooling: Be Cool radiatore in alluminio avvitato diretto con doppio ventilatore elettricoUscita:548 CV a 6.900 rpm e 461 lb-ft a 5.600 rpmCostruito da:Roush Competition Crate EnginesDRIVETRAINTrasmissione:Tremec TKO-600 a cinque velocità manuale Assale posteriore:Alloggiamento dalla fabbrica da 9 pollici con 4. 30:1 marce, differenziale Detroit Truetrac e alberi ad assi a 31 scanalatureCHASSISSospensioni anteriori:Gateway Performance Suspension Street Kit di puntoni Extreme, molle Eibach, ammortizzatori Koni con doppia regolazione Koni Sospensioni posteriori:Gateway Performance Suspension kit di tre collegamenti, molle Eibach, ammortizzatori AFCO Freni:Rotore Baer a sei pistoni da 13 pollici anteriore; rotori a sei pistoni da 13 pollici posterioreRuote posteriori:Vintage Wheel Works 17×8, anteriore; 17×9. 5, pneumatici posteriori:245/45R17 BFGoodrich KDW, anteriore; 275/40R17 BFGoodrich KDW, posterioreMostra tutto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites201131103phr-07-o-1968-ford-mustang-left-side.jpg

Lascia un commento