1969 Chevy Camaro – Il Padrino

Mark Stielow è tornato con la macchina da turismo più selvaggia che abbia mai costruito fino ad oggi, una Camaro del ’69 con motore LS9, equipaggiata con ABS.

Vedi tutte e 4 le fotoRobert McGaffinphotographerStephen KimwriterMar 1, 2011

Mark Stielow non è un italiano ricco e spaventoso. Non disprezza nemmeno l’Olive Garden o Domino’s Pizza. Nonostante le sue inclinazioni non italiane e rispettose della legge, Mark è il Padrino – il Padrino del credo Pro Touring, per l’esattezza. Anche se non ha inventato da solo il concetto di trasformare le auto muscolose in macchine per girare gli angoli, l’influenza profonda di Mark sulla tendenza trascende quella di qualsiasi altra vipera calda prima di lui. Ha costruito 11 Camaros di prima generazione fino ad oggi, e ogni iterazione ha continuamente spinto l’involucro dell’innovazione, della creatività, della funzionalità e dell’acume in pista. Mark dice che la sua ultima creazione – una Camaro del ’69, una 760 cavalli, con motore LS9, equipaggiata con ABS, chiamata Red Devil – è la sua opera più formidabile e capace fino ad oggi. Anche se è un ordine molto alto da soddisfare, considerando che Red Devil corre 10.90s al dragstrip, fuma Porsche e Ferrari sul percorso stradale, e può compiere l’impresa 0-100-0 in 10 secondi, Mark ha inequivocabilmente alzato ancora una volta la posta in gioco della Pro Touring, e tutti gli altri sfidanti stanno lottando per tenere il passo.

Come la maggior parte delle grandi idee, Pro Touring è nata da un’idea di molti pensatori innovativi. Forse la prima e più leggendaria macchina Pro Touring documentata è Big Red, la Camaro del ’69 costruita da Dan e R.J. Gottlieb. L’anno era il 1989, quando la Gottliebs 540 big-block-powered beast ha raggiunto una media di 197,99 miglia all’ora su 94 miglia di asfalto alla Silver State Classic in Nevada, raggiungendo velocità fino a 222 miglia all’ora. Inutile dire che l’Euro esotico non aveva alcuna possibilità e il precedente del classico ferro da stiro di Detroit che batteva le auto sportive ad alto costo era ormai consolidato. Proprio nello stesso periodo, dall’altra parte del Paese, Mark era un giovane e promettente ingegnere GM incaricato di sostenere una gara di resistenza di 24 ore a Watkins Glen. Il fine settimana in cui si trovava lì è coinciso con la gara One Lap of America che si è svolta sul rinomato percorso stradale dell’Upstate New York. L’idea di guidare un’auto da strada per gareggiare sui circuiti di tutto il paese ha colpito Mark, poiché richiedeva sia stabilità che una vera e propria attitudine alla pista, e lui ha deciso di costruire un’auto per l’evento.

A differenza degli altri corridori di One Lap che hanno optato per le Corvette e le Porsche di ultimo modello più pratiche come armi preferite per affettare i vertici, Mark era determinato a mostrare i ragazzi ricchi su una muscle car. All’inizio dell’anno, Mark ha preso una Camaro del ’69 che ha trovato sul giornale locale mentre lavorava al Desert Proving Ground della GM in Arizona. Dovette riparare la 427 big-block nel parcheggio dell’hotel per far funzionare la macchina, ma ora che era tornato a casa in Michigan aveva il banco di prova perfetto per costruire la muscle car da corsa su strada definitiva. “Avevo solo 26 anni all’epoca, e non avevo alcuna intenzione di iniziare una nuova tendenza. Come roditore che costruisce una macchina con una saldatrice ad arco e un seghetto nel mio garage, ho solo apportato delle migliorie alla macchina che ritenevo necessarie per correre su un percorso stradale”, ricorda. “La Camaro aveva bisogno di sospensioni e freni migliori, così ho aggiornato le sospensioni e i freni. La vettura aveva anche bisogno di un overdrive trans e di EFI per la stabilità, così ho messo un overdrive e un EFI su di essa. Questo è tutto, ma quando l’ho portata all’evento One Lap dell’anno successivo, la gente è impazzita per la macchina, e ha avuto un sacco di esposizione sulle riviste”.

Articolo molto interessante
Da El Paso a Los Angeles: La via difficile! - Roadkill Episodio 1

Nel corso degli anni, Mark ha costruito tutto, dalle aste stradali a trazione integrale alle Malibus biturbo da 1.000 CV, oltre al suo rsum di 10 Pro Touring Camaros. Ovviamente, è un uomo che si diverte a costruire auto tanto quanto a guidarle. Mentre corre il rischio di stordirsi circondandosi continuamente di un mare di malvagie G-Machines, Mark ha trovato l’ispirazione per il suo prossimo progetto in una Camaro del ’69 con motore LS9 che ha costruito per il suo amico Charlie Lillard. “Non mi sto esattamente arricchendo con il mio lavoro diurno, quindi ogni volta che finisco un’auto, sono così indebitato che devo venderla. Speriamo che mi rimanga qualche soldo, che uso per iniziare un nuovo progetto”, dice Mark. “Dopo averlo fatto abbastanza volte, ho lentamente accumulato abbastanza capitale da poter disporre di un’auto libera e pulita. All’epoca in cui ho costruito la LS9 Camaro per Charlie, ero per così dire tra i soldi. Invece di costruire un’auto da solo e venderla, si è offerto di assumermi per costruire un’auto per lui. Stavo già costruendo la mia prossima Camaro e ho deciso di metterci una LS7, ma dopo aver guidato l’auto di Charlie dovevo avere più potenza”.

Mark ha trovato le fondamenta della Camaro numero 11 su eBay. L’auto californiana per eccellenza, la carrozzeria era praticamente priva di ruggine. Come spesso accade, i semplici piani di Mark per il progetto sono cambiati rapidamente. “La Red Devil doveva essere la mia costruzione economica che ho fatto dopo aver dovuto vendere la Camaro X. L’idea era quella di costruire la tua Camaro Pro Touring del ’69 con un telaio Detroit Speed and Engineering e un motore LS7”, dice Mark. “Sono riuscito a mettere insieme la maggior parte dei pezzi ad un costo ragionevole, ma dopo aver guidato la Camaro di Charlie Lillard all’Optima Ultimate Street Car Invitational 2009 dell’anno scorso e aver visto come la gente ha reagito, sapevo che dovevo diventare più estremo”. Dopo aver tirato la 307 small-block e il trans TH350, ha mandato Red Devil alla VanNus Paint and Body (Kalamazoo, MI) per una nuova mano di vernice VW Salsa Red. Nel frattempo, Mark e il suo costruttore di motori Brian Thompson si sono dati da fare per progettare una combinazione di soffiatori di grandi dimensioni.

La configurazione del motore è essenzialmente un LS7 427ci LS7 a blocco corto con una manovella forgiata Callies, aste in acciaio Oliver e pistoni Diamond 9.0:1, con un sovralimentatore LS9 e teste cilindri. Con soli 10 psi di spinta, il motore produce 760 cv e 810 lb-ft di coppia. Come se non fosse già abbastanza impressionante, il 427 sbuffato produce 725 libbre di potenza a soli 3.000 giri/min. Il potente mulino è supportato da un Tremec T56 a sei velocità, e da un Currie 9 pollici rearend. “Quando vado in crociera, la gente non presta molta attenzione alla macchina perché gira a 600 giri al minuto e suona come una LS7 di serie. Poi apro il cofano e la gente va fuori di testa”, dice Mark. “Anche se questo motore funziona allo stesso livello di spinta di una LS9 di serie, si muove molto più d’aria, dato che il blocco corto è molto più grande. Sicuramente ne è rimasta di più in questa combinazione di motori, ma non l’abbiamo girato completamente verso l’alto perché è un motore da corsa. L’ho fatto a pezzi sul percorso stradale e sul dragstrip, e ci vuole solo l’abuso”.

Per sfruttare tutta questa potenza, Red Devil si affida ad un sistema di sospensione DSE completo. Davanti c’è un sottotelaio DSE, bracci di controllo tubolari, coilover e barra oscillante. Nella parte posteriore, le molle a balestra di serie hanno ottenuto il dump in favore di un setup DSE a quattro collegamenti. Il bastone viene fornito per gentile concessione di 275/35R18 anteriore e 325/30R19 posteriore Goodyear Eagle F1 Supercar pneumatici Goodyear Eagle, e massicci freni Brembo portare la Camaro a una battuta d’arresto. Spingendo ancora una volta i confini dell’evoluzione della Pro Touring, non è stato sufficiente limitarsi ad avere pinze a sei pistoncini che comprimono rotori da 14 pollici. Determinato a capire come utilizzare in modo più efficiente tutta quella forza frenante, Mark ha adattato l’impianto frenante antibloccaggio di una Corvette Z06 del ’06 sulla sua Camaro. “Bisogna ingannare il sistema ABS per fargli credere di essere ancora in una Corvette”, dice Mark. “Ciò ha richiesto l’installazione di un impianto idraulico nel modulo ABS nei tubi dei freni, l’integrazione di sensori di velocità delle ruote su tutti e quattro gli angoli della vettura e la costruzione di un cablaggio personalizzato. L’ABS funziona estremamente bene, soprattutto nell’autocross”.

Articolo molto interessante
SEMA Show Cobra Replica - Visualizzazioni SRMA

Per quanto impressionante possa essere la Camaro, non ci si guadagna lo status di Padrino semplicemente imbullonando insieme un mucchio di pezzi e rifinendo il tutto con vernice lucida. Ciò che ha sempre contraddistinto le creazioni di Mark, oltre al branco, è la qualità del lavoro in strada e in pista. “Red Devil non è sicuramente l’auto più trendy, ma è di gran lunga la migliore che abbia mai costruito. Ha il miglior motore, i freni, le sospensioni, gli interni e la vernice di qualsiasi mia precedente costruzione”, dice. “Tutto funziona così bene insieme come un pacchetto in quest’auto”. Va a 10,90 all’ora a 130 miglia all’ora sulla pista con pneumatici stradali, gira al minimo a 600 giri al minuto, fa 0-87-0 in 8 secondi a tavoletta e viaggia in modo molto fluido. Non ho ancora avuto la possibilità di fare pratica, ma sono sicuro che l’auto farà 0-100-0 in 10 secondi. Finalmente ho costruito la macchina che ho sempre sognato di avere al liceo”.

Lo scorso giugno, Mark ha debuttato Red Devil al Motor State Challenge, dove si è qualificato Primo e alla fine ha battuto tutti gli sfidanti nella parte di gara su strada dell’evento. Non è per niente male per una combo che non era mai stata testata su pista. “Di tutte le cose da auto che ho fatto in vita mia, questa è una delle mie migliori conquiste. Portare in pista una vettura praticamente nuova di zecca e fare bene con nient’altro che stringere un bullone mi ha reso molto felice”, dice. Oltre alla prima uscita della Camaro, l’esercizio era solo una messa a punto per l’Optima Ultimate Street Car Invitational 2010. Dopo aver guidato la Camaro di Lillard all’evento Optima del 2009, Mark ha avuto l’occhio per vincere l’evento con la sua auto. Vincendo le parti di frenata e autocross della sparatoria, e finendo secondo classificato nella sfida del percorso stradale, Red Devil è stato incoronato top dog dell’evento 2010. “Dopo aver partecipato all’evento Optima dello scorso anno con l’auto di Charlie, sapevo che la competizione sarebbe stata dura. Il mio obiettivo da allora è stato quello di vincere tutto, e la macchina ha fatto tutto quello che speravo”.

Come sempre, quando Mark's tra la costruzione della macchina del progetto, altre macchine Pro Touring salteranno fuori a destra e a sinistra, cercando di raggiungere i benchmark di performance che lui's ha stabilito. Anche se ci riusciranno, Mark tornerà inevitabilmente a reclamare il suo territorio con la compostezza e la determinazione del vero padrino della Pro Touring. Per quanto grande possa essere il Diavolo Rosso, tutti sanno che Mark perpetuerà l’evoluzione della Pro Touring seguendola con una macchina ancora più impressionante. Fino ad allora, il suo ultimo intruglio sarà l’asso nella manica della Pro Touring che tutti cercheranno di catturare.

Articolo molto interessante
"Re dei Fuorilegge" Stagione Finale di Steve Kinser nel 2014 "Saluto al Re".

Don't Mess With The Best <br />
Alcune leggende non possono mai replicare le gesta di grandezza che hanno cementato il loro status leggendario. Come le sue macchine hanno dimostrato più volte, questo non vale certamente per Mark Stielow. Mentre la Red Pro Touring '69 Camaros con i blocchetti della serie LS soffiati sono una decina di centesimi a dozzina, nessuna di esse si comporta come Red Devil. That's perché non molte persone hanno le capacità ingegneristiche e il talento di guida necessari per comporre un telaio come Mark. Durante il suo lavoro diurno alla GM, Mark è a capo della società's High Performance Vehicle Operations. Il suo compito consiste nel far funzionare alcune delle auto più calde che il Generale abbia mai lanciato, come le Cadillac della serie V. Egli valuta ogni componente di un’auto, dalla messa a punto delle valvole d’urto, alle calibrazioni EFI, ai sistemi frenanti e alle trasmissioni, e li rende ancora migliori prima che GM rilasci le auto al pubblico. Il suo lavoro lo ha portato in tutto il mondo, e lui's ha fatto più di 400 giri sul famoso percorso stradale del Nrburgring Nordschleife in Germania&apos.

Considerando il suo background, ha perfettamente senso che la sua auto a progetto personale abbia calpestato il concorso all’Optima Ultimate Street Car Invitational 2010. L’evento ha messo le più belle macchine Pro Touring del paese l’una contro l’altra sul percorso stradale, autocross, e in una sfida di frenata, e alla fine della giornata Mark's Red Devil è stato incoronato campione. "Sulla base del calibro delle auto che hanno gareggiato l’anno scorso, sapevo di avere il mio lavoro tagliato fuori per me," Mark dice. "ho testato l’auto in pista tutta l’estate per ottenere la messa a punto del motore e la configurazione del telaio, e il duro lavoro ha dato i suoi frutti. Il sistema ABS si è guastato sul percorso stradale all’evento Optima perché ha rilevato delle interferenze, quindi ho dovuto sistemarlo. A parte questo, non ho dovuto usare una chiave inglese per tutto il tempo. È stato molto divertente. I'apos;lavorerò ancora un po’ sul sistema ABS e aggiungerò più potenza per l’evento del prossimo anno's, e vedremo chi si presenterà." -Stephen Kim

Vedi tutte e 4 le fotoDAI NUMERI1969 CHEVY CAMAROMark Stielow, 45 Beverly Hills, MIENGINEType:GM 427ci Gen IV small-block Block:produzione 4,125 pollici alesaggio LS7 Oiling:stock LS7 dry-sump system with Peterson oil tank and LS9 pan Rotating assembly:Callies 4.000-inch forged crank, Oliver steel rod, Diamond 9. 0:1 pistoniTeste dei cilindri: LS9 fusioni LS9 di serie Albero a camme: Thomson Automotive rullo idraulico personalizzato (specifiche classificate)Valvetrain:stock LS9 sollevatori, aste di spinta, bilancieri e valvoleInduzione:LS9 collettore di aspirazione e sovralimentatore potenziato a 10 psi; fabbrica LS7 corpo farfallatoSistema di alimentazione:Rick’s Hot Rod Shop serbatoio del gas, GM CTS-V pompa del carburante interna, Kinsler-modificato 62 libbre / h LS9 iniettori di carburante LS9 Accensione: stock GM bobina pacchi, spine e filiGestione del motore:Bosch/GM EFI computer Scarico:Kooks 17/8-inch testate a tubo lungo, custom 3-inch X-pipe, doppio Borla marmitteCooling:Griffin radiatore; GM pompa dell’acqua e ventola di raffreddamentoOutput:760 CV a 6.600 rpm e 810 lb-ft a 3.800 rpmBuilt byThomson AutomotiveDRIVETRAINTrasmissione:Assale posteriore:Currie 9 pollici rearend con 3. 25:1 marce, differenziale Detroit TruetracCHASSISSospensioni anteriori:Detroit Speed e Engineering gruppo sottotelaio anteriore, mandrini, bracci di controllo, coilovers, e barra d’oscillazione Sospensioni posteriori:Detroit Speed e Engineering quattro-link, coilovers, e barra d’oscillazioneFreni:Brembo 14 pollici rotori e pinze a sei pistoni, anteriori; Brembo 13. Rotori da 6 pollici e pinze a quattro pistoni, posteriore; GM ’06 Corvette Z06 ABS systemRuote:Forgeline GA3 18×10, anteriore; 19×12, posterioreGomme:Goodyear Eagle F1 Supercar 275/35R18, anteriore; 325/30R19, posterioreMostra tutto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites201131103phr-07-o-1969-chevy-camaro-front-left.jpg

Lascia un commento