1970 Chevrolet C10 – Colpo di stato

Il Roadster Shop Runabout

Vedi tutte le 8 fotoRobert McGaffinphotographerRyan MansonwriterAug 5, 2013

Dev’essere difficile gestire un negozio senza pensare costantemente a una prospettiva che giustifichi la costruzione di un camion come “impresa commerciale”. Ammiro Phil e Jeremy Gerber. Hanno capito come fare proprio questo e sono comunque riusciti a fare un colpo di stato professionale.

“L’idea iniziale di costruire questo autocarro è stata quella di aggiungere il modello C10 alla nostra linea di telai Fast Track performance ed espandersi nel mercato degli autocarri”, spiega Phil. “Quando progettiamo un nuovo telaio, iniziamo con un veicolo solido e originale per poter prendere tutti i modelli e le misure. Abbiamo acquistato il camion in Arizona per circa 1200 dollari. Era un autocarro solido come una roccia, per lo più a pianale lungo originale”.

Ovviamente, i ragazzi non erano interessati a costruire un telaio a letto lungo, quindi si sono messi subito al lavoro per mappare i punti strategici del telaio di scorta e usare questi dati per tradurli in un telaio corto nuovo di zecca.

“Questo era un altro vantaggio nascosto del nostro nuovo telaio. Chiunque potrebbe comprare un letto lungo economico e indesiderabile per meno di 2.000 dollari, poi comprare un letto corto completo da LMC Trucks e il nostro telaio, e avere un incredibile inizio di progetto per circa lo stesso prezzo di un letto corto in stock, o qualsiasi Camaro, Chevelle, o Mustang conchiglia là fuori”. Jeremy aggiunge: “E ora puoi battere qualsiasi di quelle auto su un camion in un autocross o su un percorso stradale!

Vedi tutte le 8 foto

A partire da un set di guide personalizzate con calibro 10 tagliate a CNC, vengono poi aggiunte traverse saldate a TIG e personalizzate per ogni veicolo. Invece dell’antiquata tecnologia Mustang II, il Roadster Shop ha adottato le ultime offerte GM a forma di mandrino C6 Corvette, appeso a bracci di controllo personalizzati e sovradimensionati, 1 1/4 di pollice superiore e 158 pollici inferiore. Questo diametro maggiore è progettato per gestire il peso di un autocarro pesante e per far fronte alle sollecitazioni della guida ad alte prestazioni. Gli ammortizzatori a doppia regolazione del coilover in billetta Afco da 500 libbre assorbono gli urti aiutati da una barra d’oscillazione scanalata.

Un sistema di sterzo a pignone e cremagliera di Woodward fa oscillare l’enorme Wilwood a sei pistoni da 14 pollici, con freni a sei pistoni, avanti e indietro attraverso gli angoli. Sul retro, un set leggermente più leggero di ammortizzatori Afco da 350 libbre si accoppia con lo Speedway Engineering Mod-Lite Floater e va ad aggiungersi al telaio, utilizzando freni Wilwood a sei pistoni simili su un rotore da 13 pollici leggermente più piccolo. Una barra d’oscillazione scanalata mantiene le gomme sul marciapiede e il rotolamento della carrozzeria al minimo. Il rotolamento si presenta sotto forma di ruote RB3C Forgeline RB3C 19×12 e 20×12 avvolte in gomma Michelin Pilot Sport. Questi pneumatici enormi davanti sono 345/35R19 e aiutano la curva C10 come fa.

Articolo molto interessante
63° Grand National Roadster Show

Phil continua: “Non è mai stato inteso come un veicolo da autocross o da corsa, ma ha gestito estremamente bene, nonostante le ruote/pneumatici relativamente piccoli. Alla fine ci siamo divertiti molto con il camion, ma abbiamo deciso che doveva essere completato correttamente. Così, nell’autunno del 2011, è tornato sotto i ferri per essere rifinito e rifinito correttamente. Abbiamo scelto una vernice arancione miscelata su misura e abbiamo scelto di rimanere con il pacchetto bicolore e di stampaggio in stock per rendere il camion relazionabile a tutti. Si tratta di camion di grande aspetto della fabbrica, che ci è sembrato un look difficile da portare a termine”.

Jose Marscal e la sua troupe di New Vision Collision hanno ottenuto il cenno del capo per il bellissimo schema bicolore arancione e bianco del paramotore miscelato su misura, oltre a battere ogni centimetro quadrato dello specchio del camion liscio. Nel letto è stata fabbricata una minipiscina per pulire le gomme massicce e risistemare i paraurti, e i paraurti sono stati rimboccati un po’ più stretti alla carrozzeria per pulire le linee generali del camion, ma a parte questo, Phil e i ragazzi hanno deciso di lasciare la C10 più o meno indisturbati, esteticamente.

“Avevamo in cantiere una Camaro del ’70 che sarebbe stata la nostra auto da pista per il 2012. Purtroppo, con il carico di lavoro delle auto dei clienti, quell’auto non era affatto pronta quando la primavera del 2012 è arrivata. Così, abbiamo deciso di fare alcune modifiche e di trasformare il camion nel nostro “camion da pista”. Abbiamo iniziato con l’originale LS6 da 400 CV e TKO a cinque marce che erano nel camion dell’anno precedente. Era una combinazione decente, ma non avevamo la grinta per fare il lavoro sui grandi percorsi stradali come Road America. Abbiamo quindi tirato il motore e l’abbiamo sostituito con un LS2 da 550 CV che era in un altro progetto di officina. Quel motore è durato solo un evento prima che decidessimo di andare all-inclusive e di scendere nel blocco LSX da 730 CV RHS che avevamo costruito per la Camaro”.

Articolo molto interessante
1972 Chevy Shortbed - Il Sequel è ancora meglio

A sostegno del motore chiavi in mano LSX è una trasmissione Bowler Performance Transmission T-56 Magnum trans accoppiata tramite una frizione a doppio disco Zoom. Una presa d’aria LS7 alimenta il grande motore 510ci, mentre i gas di scarico vengono spesi attraverso una serie di testate Roadster Shop Fast Track accoppiate ad una coppia di marmitte Borla XR-1.

All’interno, la cabina mantiene la stessa morbida atmosfera dell’esterno, tranne che per le imbracature da corsa Sparco che circondano i sedili Chevelle del ’70, modificati da Custom Interiors by Voss. Un set di misuratori Auto Meter tiene d’occhio gli appuntamenti sotto il cofano tramite un’imbracatura Autowire americana, mentre le funzioni di sterzo sono gestite da una colonna ididit sormontata da un volante a tre razze Grant. Un cambio Bowler in billetta e un estintore centrale sono gli unici altri sottili indizi di ciò che ci aspetta per chi sale in cabina.

Phil ci chiude con un paio di racconti sulla pista: “La C10 è stata uno spasso sia in pista che in giro. Il momento più memorabile dovrebbe essere quest’anno in uno dei giorni di test a cui abbiamo partecipato al Blackhawk Raceway a South Beloit, Illinois. Si tratta di un percorso su strada di 1,95 miglia che prevede sessioni settimanali di test e messa a punto e giornate in pista con i locali club BMW, Porsche, Ferrari, Vette e Viper. Il giorno in cui ci siamo presentati è stato anche il giorno della Porsche/BMW club. Ho fatto rotolare la C10 nella linea tecnica e ho ricevuto un sacco di risate, punti e sguardi tranquilli dai ragazzi della Porsche e della Bimmer.

“L’ispettore tecnico mi ha chiesto se ero nel posto giusto con questo camion. L’ha seguito con qualcosa del tipo: “Ho avuto migliaia di auto tecnologiche ai miei tempi, ma questo deve essere il mio primo camion, per non parlare di un pickup degli anni ’70”, seguito da una risata sarcastica. Mi ha anche informato di essere un capo istruttore di guida per il suo club e se avessi bisogno di un consiglio, potrebbe cercare di aiutarmi. Ho risposto con “Penso che uscirò e vedrò se riesco a far girare qualche angolo, ma vi farò sapere se ho bisogno di aiuto”.

Articolo molto interessante
1956 Ford F-100 - Ruota reinventata

Vedi tutte le 8 foto

“Venti minuti dopo sono stato messo in scena per correre nel gruppo avanzato con sei-otto Porsche e BMW. Ancora una volta, più risate, più punti e commenti su quello che avrebbero fatto dal punto di vista delle sospensioni se avessero voluto fare una maniglia di un camion. Nella prima sessione, ho superato tutte le vetture in pista, tranne una, e mi sono avvicinato a lui fino a quando la bandiera a scacchi non è stata sventolata. Ho anche fatto il lazo a uno o due tizi là fuori. Il camion si è sciamato quando sono rientrato ai box con tutti i piloti e gli spettatori che mi guardavano mentre mi picchiavano sulle supercar tedesche.

“Un altro grande momento è stato al concorso Popular Hot Rodding Magazine Muscle Car of the Year. Dovevamo iscrivere una Camaro che abbiamo costruito per un cliente. All’ultimo minuto, il cliente si è tirato indietro, non volendo battere la sua Camaro nuova di zecca. Abbiamo supplicato i ragazzi di PHR di farci correre la nostra C10 al suo posto, ma non volevano un camion che correva nella gara Muscle Car. Ho provato a dire che era una El Camino, ma non ha funzionato. Alla fine mi hanno fatto correre nella classe della fiera. Il camion ha dato un calcio in culo a qualche muscle car in tutte e tre le aree dell’evento finendo Terzo nella gara di velocità, Secondo nella gara di accelerazione di un quarto di miglio e Primo nell’autocross. “Se fosse stata una muscle car, avrebbe conquistato il primo posto. In un camion. Non scherzo. Considera le nostre menti sbalordite” – PHR

Il che fa sorgere la domanda: questa dovrebbe essere la Muscle Car dell’anno? Noi pensiamo di sì

Vedi tutte le 8 foto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites201381970-chevrolet-c10-front-right-view1.jpg

Lascia un commento