1970 Oldsmobile 442 – Processo in linea di montaggio

Ottenere la precisione corretta in fabbrica per la vernice della vostra auto

Vedi tutte e 4 le fotoDrew HardinwriterApr 11, 2013

I proprietari di Inline Tube restaurano una muscle car ogni anno. Mentre ogni progetto serve come pubblicità a rotazione per la linea di parti di restauro dell’azienda, John e James Kryta usano queste auto anche per illustrare un punto: Con un po’ di duro lavoro, le giuste informazioni – e ovviamente i pezzi di ricambio corretti – chiunque può costruire un’auto premiata. Certo, il livello di lavorazione di un restauro di un Inline Tube è generalmente più alto di quello che il meccanico medio di ombreggiatura può facilmente realizzare. John e James sono orgogliosi di spingere la barra di restauro più in alto con ogni auto. Ma le lezioni che imparano possono essere applicate al progetto di chiunque.

Questa storia è un buon esempio di questo processo di pensiero. Ci siamo avvicinati ai Kryta per aiutarci con una storia sull’esecuzione di un lavoro di verniciatura di alto livello e premiato, ma John è tornato da noi con un’idea diversa. “La maggior parte di noi non farà le toppe metalliche, la carrozzeria e la levigatura necessarie per preparare l’auto per la verniciatura”, ha spiegato. “Tutto quel lavoro viene eseguito in carrozzeria, e ogni buon negozio dovrebbe essere in grado di ottenere un pannello esterno piatto e verniciato”. Dove la maggior parte delle carrozzerie fallisce è con qualsiasi cosa che vada oltre il pannello piatto”.

Articolo molto interessante
Shift Into the Dark Side - Lokar's Midnight Series Shft Kit di Lokar

Per i loro progetti, i Kryta adottano quello che chiamano “processo di assemblaggio in linea” della vernice dell’auto. Invece di verniciare l’auto in modi che sono convenienti per il restauratore di oggi, imitano le procedure che sarebbero state fatte mentre l’auto viaggiava lungo la sua linea di montaggio originale.

“La regola generale per le auto GM era di non usare più vernice del necessario”, ci dice John. “La GM non sprecava la vernice per la carrozzeria dipingendo la parte inferiore, il cofano o l’interno dell’auto. Il colore della vernice era solo un’applicazione esterna della carrozzeria”.

Fisher Body ha avuto alcuni processi diversi per preparare l’auto per la verniciatura, dice. In molti casi le carrozzerie sono state immerse in un primer liquido per ottenere il livello di protezione base. Altri sono stati spruzzati con un primer grigio o rosso. Le tracce di quel primer sono presenti in tutta l’auto quando la moquette viene tolta. “I grandi tappi della carrozzeria nel pavimento, tutti i fori e i canali nel metallo, sono lì per drenare la vernice in eccesso dopo che la carrozzeria è stata immersa”, dice John. “Ecco perché si vede la vernice pesante che scorre sul fondo delle auto GM”.

Per quanto la GM si preoccupasse di sprecare vernice, non perdeva tempo a mascherare qualsiasi parte dell’auto. John dice: “Troverete l’overspray in quasi tutte le aree dell’auto e non troverete linee di nastro adesivo. In alcuni casi speciali si poteva mettere una maschera di plastica in un’area per proteggerla dalla vernice, ma questo non era molto comune. Molte delle parti sono state dipinte proprio sulla carrozzeria”.

Articolo molto interessante
1968 Plymouth RoadRunner Plymouth RoadRunner AMD Installazione sul tetto

Per esempio, il coperchio del bagagliaio era sul corpo al momento della verniciatura, così come le porte, quindi i bulloni che li fissano dovrebbero essere verniciati per replicare il processo della catena di montaggio, dice John. L’interno e la parte inferiore avrebbero preso lo spruzzo fine rimasto dallo spruzzo della carrozzeria. John dice: “La vernice finale è stata spruzzata sull’auto a mano in modo rapido e con molti passaggi. Non c’è stata levigatura, lucidatura e lucidatura. Dopo che lo spray si è asciugato, la vernice era finita”.

Vedi tutte e 4 le foto

John sottolinea che è molto più facile per un pittore replicare questi processi durante il restauro piuttosto che tornare indietro e aggiungere dettagli corretti in fabbrica dopo che la macchina è finita. Quindi è importante che il pittore abbia familiarità con la loro entrata.

Per illustrare il processo, hanno fotografato alcuni dei dettagli chiave dipinti sul loro ultimo progetto, una Olds 4-4-2 W-30 convertibile del ’70. La 4-4-2 faceva parte della famiglia A-Body della GM, che comprendeva anche la Pontiac GTO, la Buick GS e la Chevy Chevelle. “Mentre gli stabilimenti di assemblaggio della A-Body erano sparsi in tutto il paese, i processi di verniciatura erano molto simili a tutti”, dice John.

Vedi tutte e 4 le foto

Per duplicare il processo della catena di montaggio, la carrozzeria dell’auto è stata spogliata, rattoppata, scremata, trattata con primer, levigata e poi sigillata. Una volta fatte queste operazioni, hanno verniciato l’intera carrozzeria di un colore – nero semilucido per quest’auto – “e poi abbiamo iniziato a sovrapporre gli altri dettagli alla base nera”, spiega John. L’auto deve essere mascherata diverse volte. “Poi facciamo tutto l’overspray”, dice John. “Mascheriamo l’intera auto per spolverare la vernice sul fondo”. Poi mascheriamo l’intera auto e facciamo l’interno, poi di nuovo per il firewall, poi di nuovo per il cruscotto, poi di nuovo per la vernice finale”. Sì, c’è molto da mascherare.

Articolo molto interessante
10 Trucchi per il traino

John ritiene che il modo migliore per determinare come la vostra particolare auto sia stata rifinita in fabbrica sia trovare un esempio a basso chilometraggio (sotto i 5.000) ed esaminare i dettagli. “Il problema è che ci sono pochissime di queste auto, e molte sono state ritoccate con una bomboletta spray nel corso degli anni, perdendo questi importanti dettagli”. Qui, alcuni di questi dettagli vengono riportati in vita.

Vedi tutte e 4 le foto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites201341970-oldsmobile-442-body-painting.jpg

Lascia un commento