1970 Plymouth AAR Barracuda – La strana coppia

Due di un tipo: da diverse angolazioni

Vedi tutte le 1 fotoRandy BoligwriterFeb 1, 2005

La AAR ‘Cuda e la sua controparte Dodge, il T/A Challenger, sono state costruite principalmente a scopo di omologazione, per renderle legali per gareggiare nelle competizioni Trans Am. Un volantino di un concessionario della fine del 1969 ha detto che la Chrysler andava in Trans Am, e lo sforzo è stato guidato da Dan Gurney. Dan stava progettando di costruire solo quattro auto circa, ma si poteva acquistare la propria auto da corsa All American Racer ‘Cuda per l’allora cospicua somma di 18.000 dollari, o si poteva andare al più vicino concessionario Chrysler, con una riduzione di 4.000 dollari, più il costo delle spese di destinazione, le tasse statali e locali, l’equipaggiamento opzionale, e l’equipaggiamento richiesto dalla legge statale, e possedere un AAR costruito in fabbrica.

Tom Myers, che ora risiede a Knoxville, Illinois, è stato uno dei circa 2.700 fortunati che hanno approfittato del programma AAR. Tom era a casa in congedo natalizio dall’esercito quando decise di fare un giro sulla sua Mustang del ’67 e di visitare le concessionarie locali. Quando ha colpito la Gottenborg Chrysler/Plymouth a Galesburg, Illinois, ha trovato la sua auto. Dopo aver concluso un affare, sarebbe stato necessario effettuare alla banca un totale di 18 pagamenti di 101,87 dollari ciascuno. Tom ha dovuto guidare la sua nuova auto per una settimana e poi è dovuto tornare in servizio. Tom ha dei bei ricordi di aver accompagnato la sua ragazza Deb al ballo di fine anno nel 1971 nel ‘Cuda, e di aver poi guidato la stessa Deb fino al luogo della loro luna di miele dopo il loro matrimonio nel 1972.

In un baleno fino al novembre 2000, i bambini sono cresciuti e Tom decide che è il momento di tirare fuori il ‘Cuda dal garage. Sì, Tom ha tenuto la AAR in magazzino per tutti quegli anni. Con l’aiuto di Rich Watters, l’AAR è diventata il destinatario di un parziale restauro. Diciamo “parziale” perché Tom ha avuto la macchina per tutta la vita, sapeva quanto bene fosse stata curata.

Articolo molto interessante
Il 2013 Auto Craft Street Machine Nationals

Il motore è stato consegnato a Wayne Palmer della Galesburg Machine dove sono state affilate le pareti del cilindro, sono stati posizionati nuovi anelli sui pistoni di serie e sono stati installati nuovi cuscinetti e nuovi alberi a camme. La trasmissione è stata data a Dave Whittaker, sempre a Galesburg, per il necessario “rinfresco”. Per i sei mesi successivi, Tom e Rich trascorsero innumerevoli ore nel garage di casa per smontare la macchina e documentare tutto. Per fortuna, Tom ha una moglie comprensiva, perché ogni stanza di ricambio della casa era piena di pezzi restaurati in attesa di essere rimontati. Con l’auto smontata, è stata data all’amico Larry Lynch. Larry gestisce la vernice e la carrozzeria Carr Street Custom, e ha passato i 18 mesi successivi a lavorare con Tom per assicurarsi che il restauro fosse corretto per quest’auto. Infine, nel febbraio 2003, è stata applicata l’ultima mano di vernice. Poiché tutte le parti erano state restaurate o sostituite, il montaggio poteva iniziare. Poi, alla fine dell’estate 2003, è stato finalmente terminato.

Molti dei pezzi utilizzati nel “restauro” sono proprio i pezzi che erano sulla macchina dalla fabbrica. Elementi come le gomme posteriori, (anche se un po’ sottili nel battistrada), il sistema di scarico, le cinghie e i tubi flessibili, anche la maggior parte delle lampadine sono i pezzi installati in fabbrica.

Il coronamento del successo di Tom è stato lo status di Silver O.E. che la sua auto ha ottenuto ai Mopar Nationals del 2004. Un risultato appropriato per questa raffinata porzione della nostra strana coppia.

Articolo molto interessante
1957 Chevrolet Bel Air - Tutto a fuoco

Bold AchievementDavid Freeman ha incontrato Matt Delaney della Delaney Auto Designs al Mopar Nats nel 2000. All’epoca, Matt stava suscitando molto interesse con la sua Charger del ’68 alimentata a Viper. Nel corso dell’anno successivo, i due uomini divennero buoni amici, e cominciarono a progettare un’auto che avrebbe seguito la Charger. Durante quell’anno, John Mihalopoulos ebbe l’idea di costruire una AAR ‘Cuda in stile new-age. John accennò all’aggiunta di alcune modifiche al concetto; una sospensione posteriore indipendente e una sospensione anteriore a molle elicoidali erano due buone idee. Per alimentare la pseudo-AAR, niente di meno che una Hemi. Prima che ci dicessimo tutti “le AAR non sono mai arrivate con una Hemi”, dicevamo che stavano costruendo un’auto di tipo new-age, e tutto era possibile.

Con l’idea di base delineata, era giunto il momento di individuare le parti giuste per realizzare questo audace risultato. Si è deciso che una sospensione posteriore indipendente Superide di Heidt si sarebbe adattata bene. l’assemblaggio più stretto che Heidts fa si inserisce tra i framerails di serie ‘Cuda framerails con qualche piccola staffa fabbricata. Con la sospensione posteriore deciso, era il momento di concentrarsi sull’anteriore. Un Alter-K-tion anteriore K-member è stato utilizzato a causa del suo buon design, e la sua incorporazione dei necessari ammortizzatori coil-over necessari come parte del kit. Questo ha eliminato la sospensione anteriore a barra di torsione di serie, e ha aperto un sacco di spazio per oggetti vari, come le testate per la Hemi. Ha anche convertito lo sterzo in uno stile a pignone e cremagliera, che avrebbe potuto eseguire qualsiasi sistema di tipo stock. Per assicurarsi che i ‘Cuda potessero fermarsi con abbastanza forza da far uscire gli occhi dalle loro prese, sono state installate delle pinze Wilwood a sei pistoni sulla parte anteriore e delle unità a quattro pistoni sulla parte posteriore. Per facilitare la funzione di frenatura è stato installato un pezzo ordinato chiamato Hydroboost. Questi sistemi idraulici di retrofit per l’assistenza alla frenata sono progettati per essere una sostituzione diretta del booster del freno a vuoto di fabbrica, o utilizzati per aggiornare il sistema frenante manuale di fabbrica per l’assistenza alla frenata. Dal momento che la costruzione di una macchina che si muove come se fosse su rotaie è un punto controverso senza una buona gomma, i pneumatici Nitto da 17 e 18 pollici a Z mantengono l’asfalto per tutta la vita.

Articolo molto interessante
1947 Camion Kaiser - Uno dei Kaiser

Abbiamo accennato in precedenza che era necessario un header clearance per una Hemi, e John Arruzza ha ottenuto il cenno di costruire 540 ci di esso. Il blocco di Keith Black è pieno di chicche di compagnie come Stage V, Callies, Eagle, Ross, Edelbrock, MSD, Indy e Comp Cams. Il seguito della Hemi è un kit Viper a sei velocità della Keisler Automotive Engineering.

L’aggiunta di alcuni accessori al “Cuda” sarebbe necessaria in linea con il tema moderno. I misuratori sono stati rinnovati e aggiornati, e il tachimetro è stato convertito in un’unità elettronica per funzionare con la trasmissione Viper. L’aria d’epoca è stata installata per raffreddare i passeggeri, e i sedili personalizzati sono stati rivestiti in pelle nera e grigia. Le melodie hi-tech sono un must, quindi una radio XM Radio con Fosgate e componenti infinity permettono alle melodie di scuotere l’auto.

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:\www.hotrod.com\uploads\sites\2005\02\mopp-0502-03-ps-1970-plymouth-aar-barracuda-driver-side-front-fender-view.jpg

Lascia un commento