1970 Plymouth Road Runner Superbird – Grazie per i ricordi

La trionfante resurrezione di un Superbird del ’70

Vedi tutte le 13 fotoRandy BoligphotographerKevin ShawwriterFeb 8, 2006

Joe Medwick, della Columbia, Pennsylvania, ha ricevuto una telefonata nel febbraio 1987 da un caro amico della famiglia Green di Harleysville, Pennsylvania. Il loro patriarca, Harry Green, era morto due anni prima e la famiglia aveva deciso che era giunto il momento di separarsi dalla sua grande auto blu. Dopotutto, nello stesso spazio del garage ci sarebbero state due macchinine più nuove. L’amico di famiglia stava semplicemente cercando di determinare il valore della Plymouth. Chi chiamava non era in grado di fornire i dettagli più importanti, che avrebbero determinato il valore, così Joe accettò di fare il viaggio per vedere l’auto. Ma prima di andare oltre, dobbiamo tornare all’inizio della storia.

Nel 1970, Harry Green stava valutando la possibilità di acquistare il suo attuale pilota: una Ford Galaxie XL del ’64 convertibile con un 427 a doppia alimentazione a quattro marce. Il suo amico gli raccontò di due auto molto insolite sedute alla vicina Lansdale Chrysler-Plymouth. Erano Superbirds: una Tor-Red e l’altra Petty Blue. Harry andò a dare un’occhiata e stava per acquistare quella arancione, finché il suo amico gli disse che assomigliava troppo a una zucca, così scelse quella blu. Entrambe queste particolari “Uccelli” erano auto a 440 cavalli. La storia racconta che Harry e il suo amico andarono direttamente dalla concessionaria del Superbird all’ospedale locale per andare a trovare la moglie e la figlia neonata di Harry.

Per la maggior parte dei quattordici anni successivi, il Superbird è stato usato come autista giornaliero di Harry (e Harry non era noto per essere la persona più facile su una macchina). È stato anche visto occasionalmente trainare un rimorchio di utilità fatto da un letto di raccolta. È sopravvissuto per 14 anni alle strade cariche di sale del sud-est della Pennsylvania.

Ora andiamo avanti veloce fino al 1987. Dopo aver esaminato il Superbird, Joe riuscì a trovare un accordo con la vedova di Harry; le assicurò che la sua intenzione era quella di restaurare il ‘Bird piuttosto che tagliarlo a pezzi. il ‘Bird era il mezzo di trasporto di Harry per gli affari (era un avvocato), quindi tutte le ricevute erano state conservate a fini fiscali. Di conseguenza, l’intera storia dell’auto è documentata.

Per i prossimi dodici anni, il ‘Bird si è seduto. Joe smontò parzialmente l’auto per determinare di cosa avrebbe avuto bisogno. la lista divenne così lunga che le parti furono acquisite come opportunità e i fondi consentiti. Fortunatamente, la maggior parte delle parti speciali Superbird potevano essere riutilizzate.

Articolo molto interessante
Anni '50 Dodge Half Ton Pickup - The End?

Vedi tutte e 13 le foto

Nell’autunno del 1999, Joe ha incontrato Dennis Kohr di Kohr’s Kustoms a Meyerstown, Pennsylvania. Dopo qualche discussione e un esame del ‘Bird by Dennis, si decise che sarebbe stato messo in lista d’attesa a Kohr’s Kustoms in attesa del suo turno al restauro. Nel frattempo, la raccolta delle parti e l’organizzazione dei servizi è continuata. Alla fine di aprile 2001 è entrato ufficialmente nel negozio di Kohr’s.

Un breve viaggio a Robesonia per parlare con il costruttore di motori Ray Barton ha determinato che un 440 allungato a 488 pollici sarebbe stato appropriato per il ‘Bird. Ray e la sua officina costruirono un mostro a basso numero di giri e coppia elevata per una facile navigazione con il gas della pompa premium. Joe fornì un blocco del ’78 e nuove teste di stadio IV, insieme a un nuovo coperchio per la fasatura, una coppa dell’olio e coperture per le valvole. Ray ha inventato tutto il resto. L’originale AVS Carter alimenta questo 488 e fornisce un ragionevole chilometraggio di carburante.

L’originale Hemi a 18 linee a quattro velocità è stato accuratamente accantonato a favore di una diversa combinazione. Un caro amico e collega fanatico di Mopar, Dennis Garber da New Holland, Pennsylvania, ha messo gli interni di un overdrive a quattro velocità della fine degli anni ’70 in un caso della fine degli anni ’60, un 23-spline a quattro velocità. Alcuni interni dovevano essere sostituiti, così Denny ha ordinato a Passon Performance l’aiuto necessario. I risultati significano che le crociere in autostrada vengono effettuate nella zona a bassa-media velocità a 2.000 giri/min. Al grande 488 non dispiace il calo di giri relativamente grande tra le marce. I Kohr hanno legato i due insieme con una campana di riserva, che racchiude un doppio gruppo frizione Centerforce a frizione a doppio attrito.

L’originale asse posteriore Dana 60 da 3.54 con riduttore Dana 60 era in buona forma ed è stato dato all’amico di Joe, Steve Kruger, per un semplice rinfresco. Steve ha riferito che Joe avrebbe potuto cambiare l’olio del cambio e rimetterlo in macchina. Tuttavia, tutti i cuscinetti e le guarnizioni sono stati sostituiti solo per una buona misura. Steve ha anche contribuito all’acquisto di molti altri nuovi pezzi per la ‘Bird attraverso l’azienda di famiglia, Lancaster County Auto Parts. La combinazione dell’overdrive a quattro velocità e del cambio 3,54 permette di ottenere un rapporto di trasmissione finale di circa 2,50 a 1.

Vedi tutte e 13 le foto

Joe ha anche pensato attentamente alla sospensione di ‘Bird’s suspension. È tutto nuovo da entrambe le parti. L’anteriore è stato migliorato con barre di torsione più grandi, una barra antisway anteriore più grande e ammortizzatori Mopar Performance abbinati. Le boccole in poliuretano sono state utilizzate solo nei supporti delle barre di oscillazione e nei collegamenti; tutti gli altri erano elementi standard di ricambio in moog. Il rearend ha ricevuto nuove molle posteriori XHD, ammortizzatori corrispondenti e una barra d’oscillazione posteriore di Mopar Performance. La combinazione si guida bene e maneggevole per un’auto di grandi dimensioni.

Articolo molto interessante
Deuce of the Future - 1932 Ford Roadster

Vedi tutte e 13 le foto

Lo sterzo è stato potenziato con una scatola del servosterzo della polizia modificata e con i bracci di Pitman a rapporto rapido e i bracci folli della Firm Feel. Joe ci dice che lo sterzo della Bird’s feel ‘Bird’s steering assomiglia molto a quello di un’auto dalle prestazioni di un ultimo modello. I freni a disco/tamburo di fabbrica sono stati rifatti con tutte le parti nuove.

La resurrezione (questo è stato molto più di un restauro) dell'”Uccello” ha richiesto tutte le capacità di lavoro del corpo del Kohr. Alan Kohr ha trascorso molte lunghe ore a tagliare, fabbricare, saldare e montare. Ci sono voluti circa sei mesi di lavoro prima che l’ ‘Uccello potesse essere messo su una rosticceria per ulteriori lavori. Ad eccezione del cappuccio, del tetto e dell’ala, quasi tutto il resto necessitava di grandi quantità di massaggio e/o sostituzione. Anche i sottotelai avevano bisogno di un lavoro estensivo. I pezzi posteriori sono pezzi riparati dall’aftermarket, mentre il sottotelaio anteriore e i pannelli interni del parafango sono stati presi da una station wagon Satellite del ’69 che Joe aveva salvato. Il supporto del radiatore originale è stato riparato.

Il Kohr’s ha ristrutturato gli interni utilizzando le forniture di Legendary Auto Interiors e Year One. L’interno originale era nero con le tubature argentate, ma dato che a Joe è sempre piaciuto un interno in bianco e nero, il cambiamento è stato fatto. I sedili attuali non sono gli originali.

Vedi tutte e 13 le foto

Togliendo l’originale top in vinile nero si sono rivelate alcune pitture di Petty Blue sui pilastri a C e sopra le finestre che non avevano mai visto la luce del giorno. Dennis Kohr è stato in grado di usare questo per abbinare la vernice. Anche i primer sono stati tinti di blu per abbinarli. Dopo che la carrozzeria era finalmente in forma per la finitura, Dennis l’ha rivestita con molti strati di Petty Blue. Questa macchina è dipinta in luoghi che la fabbrica non si è mai preoccupata di rivestire. Joe ha deciso per un top in vinile bianco, perché sentiva che avrebbe contrastato bene con il Petty Blue. Decise quindi che avrebbe continuato il tema del bianco fino al naso per far combaciare il tutto. Se Joe avesse voluto, qualche pezzo, un po’ di vernice nera e un breve periodo di tempo in negozio è tutto ciò che sarebbe bastato per far apparire il Bird come quello della Lansdale Chrysler Plymouth nel 1970. L’idea era che se un ‘Bird avesse potuto essere ordinato in questo modo, questo è l’aspetto che avrebbe avuto. No, non è corretto, ma Joe ci dice che molte persone gli hanno detto che pensano che sia più bello. Almeno è un altro Superbird che è tornato sulla strada.

Articolo molto interessante
ChevyTruck 1939 - La fin ?

La resurrezione ha richiesto i tre anni di Kohr. Di solito, in un anno e mezzo circa, si trasforma in un’auto vincitrice di un campionato. Ecco quanto era davvero brutta quest’auto.

Vedi tutte e 13 le foto

La ‘Bird ha pagato la sua quota come autista giornaliero per 135.000 miglia. Ora si gode la vita di una cruiser viziata e di un’auto da esposizione. Joe ha percorso circa 2.000 miglia all’anno da quando l’ ‘Bird è uscito dal negozio di Kohr’s all’inizio di maggio 2004. Ci dice che l’auto è una grande cruiser e sta educando molti a ciò che è un Superbird.

Il 18 giugno 2005, Joe ha riportato l'”Uccello” a Lansdale per l’annuale salone dell’auto “Under The Lights”. Voleva vedere se qualcuno poteva riconoscerlo dai suoi giorni per le strade di Lansdale. C’erano alcune persone che lo hanno fatto, e hanno raccontato a Joe diverse storie interessanti della sua storia. Harry’s ‘Bird era tornato e migliore che mai.

Fast Facts Proprietario: Joe Medwick, Columbia, PA Auto: ’70 Plymouth Superbird Colore: Blu piccolo, top in vinile bianco, accenti bianchi Motore: 440RB accarezzato a 488 ci, manovella MP 4.15 stroker, pistoni JE 9.5:1, testate Mopar Performance Stage IV, carburatore originale AVS, testate TTI Trasmissione: A-833 cambio manuale a quattro marce con interno del cambio a quattro marce di fine anni ’70 Rearend: Dana 60, 3,54 Sure Grip Ruote/gomme: Anteriore/posteriore: Ralley 15×7, BFGoodrich 235/60/15

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP

Lascia un commento