1972 Chevy Cheyenne – Creampuff al limone

Robert Parrish’72 Cheyenne Super

Vedi tutte le 10 fotoRob FortierwriterFeb 21, 2007

A volte è difficile battere la sensazione di comprare un nuovo camion. Quante volte abbiamo guidato o addirittura trascinato un nuovo autotrasportatore a casa solo per ritrovarci subito dopo essere stati nel vialetto o nel garage a crogiolarci nella gloria di un nuovo acquisto? Ma niente può uccidere quella gioia più velocemente di scoprire di aver appena comprato un limone… o, per lo meno, qualcosa che non è esattamente quello che il venditore ha fatto sembrare. Sì, è quando tutte le vostre visioni future del camion vengono cancellate dalla vostra mente e sostituite con immagini che potreste rimpiangere una volta che la rabbia svanisce.

Mentre i giorni delle furbe truffe sui lotti di auto usate sono, per la maggior parte, un ricordo del passato, grazie non poco a Internet e a siti come CARFAX.com, è ancora l’acquirente a fare attenzione, non importa cosa quando si tratta di vendite di privati. Fortunatamente, la maggior parte degli appassionati sono persone oneste, e quando comprano o vendono tra di loro, i problemi di fondo vengono alla luce. Ma ci sono ancora un sacco di camion classici che non sono effettivamente circolati nelle mani degli appassionati, specialmente i modelli di fine anni ’60 e inizio anni ’70. Quando Robert Parrish ha acquistato il suo Cheyenne Super del ’72 solo un paio d’anni fa, pensava di aver ottenuto un ottimo risultato, o almeno questo è quello che gli è stato fatto credere, anche dopo un giro di prova veloce.

Articolo molto interessante
1966 Pick-up Dodge A100 - Forward Control

Dall’esterno, il camion era, ed è ancora, un bellissimo classico. Il suo bicolore rosso vermiglio e oro assorbe il calore del sole pomeridiano come nessun’altra combinazione di colori, e la sua luminosità lo accentua ancora di più. Anche l’interno, con il suo mix di componenti di rimodulazione, tiene il passo con la qualità dell’esterno. Quindi è facile capire come il fascino del marciapiede abbia fatto un buon lavoro nell’attirare Robert.

Ma un paio di giorni dopo l’acquisto iniziale del camion, Robert cominciò a percepire qualcosa di aspro. Sotto il camion, notò una perdita di refrigerante sul pavimento del suo garage, quindi indagò per rintracciarne la fonte. Venne fuori che una delle spine del congelatore perdeva, cosa che all’inizio non sembrava un grosso problema, ma dopo averla sondata ulteriormente, notò una spina “quick fix” dall’altro lato del blocco. Per farla breve, il motore che si diceva ricostruito cominciava ad assomigliare ad un vecchio motore medio usato, così è venuto fuori. Sotto il camion, Robert si accorse che le sospensioni erano state abbassate in un modo che non gli piaceva particolarmente, così anche questo fu aggiunto alla sua lista di lavori inaspettati.

Vedi tutte le 10 foto

Fortunatamente, nessuno dei difetti nascosti era davvero così grave. Anche se abbiamo dipinto la storia per far sembrare che la carrozzeria fosse stata fatta con la cartapesta, Robert forse non si è fatto fregare, ma di sicuro non ha ottenuto quello per cui pensava di pagare. Anche se non era previsto, un po’ di lavoro extra e qualche dollaro in più hanno impedito al Cheyenne di tornare all’asta. La morale della storia è che, non importa di chi ci si fidi, se non si è sicuri al 100% di un potenziale progetto di autocarro – sia esso un cimelio preistorico o un guidatore più recente – una seconda opinione istruita è la migliore assicurazione che si possa ottenere.

Articolo molto interessante
1966 Chevy C10 - Destino

Vedi tutte le 10 fotoRobert ParrishIrving, TX1972 Chevy Cheyenne CHASSIS Cornice: stockRearend / Ratio: GM 12 bulloni / 3,50:1 Sospensioni posteriori: freni posteriori: tamburo di serie Sospensioni anteriori: Mandrini a caduta Early Classic, ammortizzatori KYBFront freni: stock discSteering box: Ruote Saginaw powerFront: Billet Specialties Vintec, 17x8Ruote posteriori: Billet Specialties Vintec, pneumatici 20x9Front: Falken, P275/50R17Gomme posteriori: Falken, P295/45R20Cisterna a gas: cella sottoletto personalizzata DRIVETRAIN Motore: ’72 Chevy 4 bulloni 350Machining / Montaggio: Buddy Sissom, Irving, TXHeads: stockCoperchi per valvole: GM, crinkle-finishManifold / Induzione: Edelbrock / Holley 600Ignition: HEIExhaust / Silenziatori: corna di montone, tubi alluminati / FlowmasterTransmission: ’72 GM Turbo 350Shifter: Specialità Billet su colonna BODY Style: C-10 Cheyenne SuperModifiche: specchio rasato, fori per l’antenna e rifornimento carburante di scortaParabordi: di scortaCappello: di scortaGrille: di scortaLetto: di scorta, rifornimento carburante riposizionato dietro il marcatore luceTipo di vernice / Colore: PPG / Vermillion e pergamena chiara con oro metallizzatoFari posteriori: stockSpecchietti esterni: peep-styleParaurti: stock INTERNO Cruscotto: stockGauges: stockAir conditioning: factory HarrisonStereo: sistema Pioneer remoto di Expert Audio, Grand Prairie, TXSteering wheel: Specialita’ Billet Specialties half-wrapColonna di sterzo: stockSedile: stockBancone: stockTessuto: tweed nero e pelleCarpet: lana neraMostra tutto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP

Lascia un commento