1972 Chevy Nova – Il fattore X

Con un po’ di grinta, determinazione e creatività, bastano 20.000 dollari per costruire una splendida Nova d’epoca in stile Trans-Amido

Vedi tutte le 7 fotoRobert McGaffinphotographerStephen Kimwriter16 luglio 2013

Non c’è niente di meglio di una bella chiacchierata trash per iniziare bene la mattinata. Dopo aver puntato l’obiettivo su quella che sembrava una pila a combustibile per le corse su strada, Robert McGaffin non è riuscito a trattenersi. “Ha strisciato sotto la mia auto, ha guardato il serbatoio della benzina e ha detto: ‘Oh cavolo, è finta’. Gli ho detto di portare la sua Cutlass giù all’autocross dei Goodguys a Columbus per poterlo affumicare con la mia Nova e il suo finto serbatoio della benzina”, scherza il proprietario dell’auto, Mike Cosculluela. Ovviamente, ogni auto che funziona deve avere un vero serbatoio di benzina e la Nova lo fa, ma Mike ha perfezionato l’arte di abbellire l’hardware ordinario in forme più sofisticate. Far scivolare un coperchio rosso sul serbatoio del gas di scorta è solo un esempio. Incorporando abilmente e creativamente questo trucco visivo in ogni centimetro dell’auto, Mike ha costruito una Nova economica in stile Trans-Am d’epoca per 20.000 dollari. Quindi dimenticate quello che vi è stato detto sul fatto di aver bisogno di grandi pile di soldi per divertirsi un po’. Quando il soggetto in questione è la Nova di Mike, si scopre che non si deve pagare per giocare.

Questa macchina da corsa su strada segna il quarto X-body che Mike possiede, e dal 1975 non ha mai visto una Nova di terza generazione che non gli piacesse. “Mentre consegnavo i giornali sulla mia moto quando avevo 11 anni, una Nova nera è arrivata urlando dietro l’angolo. L’auto è stata sollevata su Cragars e mi ha spaventato a morte, ma non avevo mai visto niente di più fico in vita mia”, ricorda. Quell’immagine è rimasta impressa nella memoria di Mike per decenni, e non è mai riuscito a scuotere la sua Nova. “Il mio liceo era proprio dall’altra parte della strada rispetto a un parcheggio di auto usate, e passavo davanti a una Nova del ’70 ogni giorno del mio terzo anno. Dopo la scuola mi sedevo sul lato destro dell’autobus per poterla vedere dal finestrino. Ho tenuto d’occhio l’auto per settimane e ne ho parlato con mio padre. Lui finì per comprare l’auto a mia madre, a cui non piaceva perché era troppo veloce, così me la regalò”.

Dopo aver ereditato l’auto dei suoi sogni, Mike ha cercato di emulare la Nova che ha incontrato durante i suoi giorni da ragazzo dei giornali. “Ho comprato delle Cragars che non mi andavano bene, così ho fatto quello che fanno tutti, sollevando il retro della macchina. Dopo averci fatto cadere dentro un motore nuovo, ho verniciato l’auto nel mio garage e l’ho guidata per tutto il liceo”, dice. Ancora oggi, Mike possiede la sua prima auto e nel corso degli anni ha diversificato il suo portafoglio aggiungendo le Novas del ’69 e del ’71 alla sua collezione. Anche se si è accontentato delle auto nella sua scuderia, che sono improvvisamente cambiate dopo aver letto una storia in PHR che ha catturato la sua immaginazione. “Ho visto nella rivista un rendering che Chris Gray ha fatto per una Nova Trans-Amstyle, e ho dovuto costruirla. Essendo stato un fanatico delle Nova per così tanti anni, sapevo esattamente dove cercare un’auto a progetto. Ho trovato una Nova del ’72 senza ruggine come telaio mobile sulla costa occidentale per 1.500 dollari. Era così pulita che mi sentivo quasi in colpa per averla fatta a pezzi, ma andava fatta”.

Articolo molto interessante
1969 Ford Ranchero - Up Front

Con l’ennesima Nova nel suo garage, Mike si è diretto verso la sua carrozzeria alla Custom Gallery per discutere il suo ambizioso piano. “La cosa che più spiccava nel rendering erano i razzi parafango, e sapevo che avrebbero fatto o rotto la macchina. Ho mostrato il rendering al mio body guy, Darrel Uzzel, e gli ho detto: “Costruiamola”, ricorda. “Darrel mi ha informato che non è così facile trasformare un rendering bidimensionale in lamiera tridimensionale, pur mantenendo le giuste proporzioni. Ho detto che non mi interessa cosa devi fare, basta che l’auto abbia l’aspetto che ha nel rendering. La parte difficile è stata ottenere il contorno dei razzi giusto, perché l’apertura della ruota segue il raggio del pneumatico nel rendering, ma l’arco è diverso in una Nova di serie. Dopo molte ore di duro lavoro, Darrel l’ha resa perfetta”.

Poiché l’offset della ruota e il rastrello del corpo sono serviti come importanti elementi visivi per tirare fuori l’atmosfera Trans-Am, Mike ha perfezionato il pacchetto ruota e pneumatico della Nova e la posizione prima di inviarla per i razzi di segnalazione personalizzati. Ciò significava che il materiale rotabile si adattava perfettamente ai pannelli della carrozzeria personalizzata non appena la Nova tornava nel garage di Mike. “Sono sceso dal retro dell’auto con i blocchi di abbassamento, e ho installato una sospensione pneumatica RideTech nella parte anteriore. Dopo aver regolato il rastrello dell’auto, i razzi del parafango sono stati costruiti attorno alle ruote e alle gomme”, spiega Mike. Con uno strato fresco di vernice nera piatta appena essiccata, e un set di ruote da 15 pollici a cerchio avvolte in grassi Hoosiers appena contenuti sotto la lamiera, la Nova aveva già un aspetto piuttosto caldo. Tuttavia, farla sembrare la parte di un pilota d’epoca su strada con un budget limitato richiedeva alcune soluzioni creative. “Ho tolto lo spoiler al mento di una Camaro di seconda generazione, l’ho messa in posizione, e poi l’ho attaccata al paraurti con un supporto di sostegno per completare il look. Lo spoiler posteriore è un pezzo Camaro di prima generazione che ho ribaltato a testa in giù per ottenere una maggiore angolazione, poi modificato per adattarsi al coperchio del bagagliaio della Nova. Ho poi rivettato due pezzi di alluminio ricavato dal pieno sulla parte superiore, e li ho attaccati insieme con una cerniera del pianoforte per far sembrare che il passo sia regolabile”.

Articolo molto interessante
Una normale Ford Coupé del 1932 con una Hemi

Anche se le luci di guida personalizzate non erano nel rendering originale, Mike ha ritenuto che avrebbero completato perfettamente il motivo della Trans-Am. “Ho sempre amato le luci di guida delle Mach 1 Mustang, e ho pensato che sarebbero state perfette per la Nova. Se le luci sono troppo distanti o troppo vicine tra loro, possono rovinare l’aspetto dell’auto, quindi ho passato molto tempo a prendere in giro tutto”, dice. Dopo aver completato la posizione dei fari, ha tagliato le aperture nella griglia e nel pannello di riempimento del paraurti, ha costruito delle staffe di supporto personalizzate, poi ha installato gli anelli. Il punto successivo all’ordine del giorno è stato quello di far sembrare il parabrezza autenticamente grintoso. “Installare il vetro a filo o optare per il Lexan era troppo costoso. Invece, ho oscurato le modanature del parabrezza di serie in modo che non si vedano, poi ho installato delle linguette di supporto personalizzate intorno al vetro. Non sono funzionali, ma dato che sto ancora utilizzando il parabrezza di serie, non devono per forza essere funzionali”.

Nel tentativo di ottimizzare la guidabilità e di mantenere bassi i costi, Mike ha adottato un approccio semplicistico al propulsore. Sotto il cofano del cofano vive una Chevy 350ci a blocco piccolo che ha iniziato come cassa Chevrolet Performance a blocco corto. Ad essa, Mike ha imbullonato un set di teste Vortec in ferro, un collettore di aspirazione a doppio piano Jegs e un carburatore Holley 750-cfm. Una leggera camma piatta 218/224-at-.050 COMP a scatto piatto urta le valvole aperte, e dà alla Nova abbastanza lope per abbinare la sua estetica intimidatoria. Anche se il motore non è mai stato sottoposto ad un rodaggio al banco, la stima di Mike di 425 CV sembra del tutto ragionevole. Il blando blocco piccolo guida come un bambino, e rimanda la sua coppia ad un automatico GM TH350 a tre velocità e ad un rearend da 8,5 pollici e 10 bulloni. “Tutti vogliono un motore LS, lo capisco, ma non è la soluzione giusta per questo tipo di auto. Mantenendo il motore e il trans semplice, la guidabilità è ottima”, riferisce.

Nonostante il delizioso sapore di auto da corsa d’epoca della Nova, Mike sa che non conquisterà tutti. “Questa è un’auto che farà incazzare un sacco di gente perché è diversa. La gente dirà che è falsa o la chiamerà poser, ma non mi interessa quello che dicono tutti”, ammette. “L’ho costruita come ho fatto io perché era l’unico modo per potermi permettere di realizzare la mia visione di quest’auto con un budget limitato. Non servono molti soldi per costruire una bella macchina. Tutto ciò di cui hai bisogno è un po’ di tempo, di talento e di aiuto da parte dei tuoi amici. Non devi nemmeno fare il saldatore o il costruttore. Basta che vi divertiate con quello che fate e spendete saggiamente i vostri soldi. Io taglio l’erba per vivere, quindi se posso farlo io, può farlo chiunque”.

Articolo molto interessante
1969 Pontiac GTO Convertibile - "È una cosa a terra".

Che vi piaccia o meno la Nova, sputa in faccia ai piagnucoloni che sostengono che i ragazzi ricchi stanno rovinando l’hobby. Essendo uno che taglia l’erba per vivere, Mike sa che non c’è bisogno di essere un ricco che vive in una villa professionale per divertirsi. La sua Nova è la prova lampante che il ragazzo che fa il paesaggista in quella villa può anche divertirsi.

Vedi tutte le 7 foto

1972 Chevy Nova

Mike Cosculluela, 49 Englewood, OH

Motore

Tipo: Chevy 350ci small-block

Blocco: foro di fabbrica da 4.000 pollici, ferro

Oliatura: pompa a stock e pentola

Gruppo rotante: GM in ghisa da 3.480 pollici albero motore, bielle e pistoni 9.5:1

Teste di cilindro: Chevrolet Performance Vortec fusioni in ghisa con camere da 64cc

Albero a camme: COMP Camme 218/224-at-.050 con attacco piatto idraulico; .462/.469 pollici di sollevamento; 110 gradi LSA
.
Valvetrain: COMP Sollevatori a camme, aste di spinta, set di temporizzazione, valvole e fermi

Induzione: Collettore di aspirazione a doppio piano Jegs, Holley 750-cfm carb

Accensione: distributore a magazzino, bobina e fili della spina

Scarico: Dynomax 1.75-inch testate a tubo lungo, tubi laterali personalizzati

Drivetrain

Trasmissione: GM TH350 trans e 1.500-stall converter

Asse posteriore: GM 10-bolt rearend con ingranaggi 3.90:1 e differenziale a slittamento limitato

Telaio

Sospensione anteriore: Bracci di controllo RideTech StrongArm, ammortizzatori regolabili e molle ad aria; barra di oscillazione Global West
.
Sospensione posteriore: molle a balestra di serie, ammortizzatori KYB, barra di oscillazione Global West

Freni: Freni a disco Wilwood Dynalite, anteriori e posteriori

Ruote: Aero Race Serie 58; 15×8 (anteriore), 15×10 (posteriore)

Le gomme: Hoosier 275/50R15 (anteriore), 325/50R15 (posteriore)

table.tableizer-table {

confine: 1px solido #CCC; font-famiglia: ;

dimensione del carattere: 11px;

}

.tableizer-tabella td {

imbottitura: 4px;

margine: 3px;

confine: 1px solido #ccc;

}

.tableizer-table th {

colore di sfondo: #85898C;

colore: #FFF;

peso del carattere: grassetto;

}

Dove i soldi sono andati1972 Chevy Nova$1.500$9.000Blocco corto di cassa:$1.300Teste dei cilindri:$600Collettore di aspirazione:$120Cam/ascensori:$250Rockers:$199Carb:$299Distributore:$150Fili della spina:$80Radiatore:$299Teste dei cilindri:$50 (usato)Silenziatore/scarico: $50 (usato)Trasmissione:$650Cambio:$199Cambio:$199Convertitore di coppia:$150Ritorno:$500Roll bar:$180Freni di legno$500Sospensioni anteriori:$1.400Custom rollbar:$800Sistema di alimentazione:$175Sedili:$200$1.300Gauges:$200 (usato)Bocchette di scarico:$700Totale$20,851Mostra tutto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP

Lascia un commento