1972 Plymouth Road Runner GTX – Optioned-Out Oddity

La crociata di un uomo per inseguire la genealogia di un’auto di trentatre anni

Vedi tutte e 6 le fotoJerry HeasleyphotographerKevin ShawwriterMar 6, 2006

Lo stile della Plymouth B-Bodies del ’71 è cambiato radicalmente rispetto ai precedenti. Il nuovo design è stato realizzato nello studio di Dick Macadam da John Herlitz. La B-Body a due porte del ’71 è stata l’occasione per sviluppare una filosofia diversa verso la modellatura del metallo.

“Il Road Runner/GTX del ’71 è stato un approccio basato sul foglio di carta pulito per formare contro le linee”, ha dichiarato Herlitz. “La griglia era un’evoluzione della versione del ’70, tranne che l’intero paraurti e la griglia sono stati utilizzati per presentare un’immagine visiva. L’effetto è stato ispirato dal McDonnell Douglas F-4 Phantom. Una volta derivata la forma di base, i segnali di parcheggio/giro e la presa d’aria hanno assunto le loro posizioni logiche. Mentre l’occhio si sposta dal cofano alla vista laterale, si noti il passaggio quasi senza soluzione di continuità dalla superficie orizzontale a quella verticale. La carrozzeria dell’auto è sagomata in modo da sottolineare la bellezza delle ruote. Questo è stato realizzato facendo scorrere la forma del parafango da una semplice vista dall’alto verso il basso e dalla vista laterale fino ai tagli delle ruote. I razzi delle ruote risultanti sono stati legati alla linea ossea (area del davanzale inferiore) dell’auto ed enfatizzati dalla singola linea di carattere inferiore”.

Con il nuovo stile della carrozzeria del ’71, la GTX ne ha goduto un ultimo anno come modello a parte, ma le vendite sono crollate, quasi da un giorno all’altro. Al debutto del modello Plymouth del ’72, la GTX era stata apparentemente messa a riposo, ma non del tutto. Piuttosto che lasciare che la GTX si riducesse del tutto, la GTX divenne un pacchetto opzionale sulla Road Runner. Questo significa che tutti i modelli dal ’72 al ’74 sono tecnicamente Road Runner GTX, indossando sia Road Runner che GTX. Solo 672 esemplari sono stati venduti. Di questo numero, quasi tutti avevano il 440 a quattro cilindri a 280 cavalli per il 1972, con alcuni esemplari costruiti con il 440+6 prima che l’opzione venisse abbandonata. Delle 672 auto vendute, 453 erano automatiche, e 219 erano a quattro velocità.

Vedi tutte e 6 le foto

Alla fine del 1971, questo particolare Road Runner fu consegnato alla Northland Chrysler Plymouth a Oak park, Michigan, apparentemente, come auto promozionale. Sembra che un certo giocatore di hockey professionista avrebbe guidato l’auto come veicolo promozionale per la Chrysler. Dopo di che, naturalmente, sarebbe stata venduta alla prima persona con la cassa attraverso la concessionaria. Era la fine del 1971, ma andiamo avanti di diversi anni con un giovane di nome David Bardeen di Powell, Ohio.

Siamo nel 1995, e David ha appena stabilito un contatto con un tizio di Spokane, Washington, che ha detto di avere una Road Runner GTX del ’72 con un problema: qualcuno aveva messo un tettuccio apribile nell’auto. Il proprietario era abbastanza sicuro che fosse un tettuccio apribile installato dal concessionario. La condizione è stata descritta come una vecchia riverniciatura, ma si trattava di un’auto da corsa e da guida. David non era troppo entusiasta, ma le opzioni dell’auto lo invogliavano a indagare ulteriormente. Il ’72 era un’auto a quattro velocità, equipaggiata con Dana 60, che si supponeva corrispondesse ai numeri. David contattò Galen Govier con le informazioni che gli erano state date e presto ricevette una telefonata.

Articolo molto interessante
1966 Ford F-100 - Kansas Cruiser

Vedi tutte e 6 le foto

David non è nuovo ai rari Mopar, e sapeva che un’auto con tettuccio apribile in fabbrica dovrebbe avere il codice M51 sulla targhetta del parafango, che era il codice d’ordine per un tettuccio apribile e un top in vinile. La Road Runner GTX di Spokane non aveva questo codice sulla sua targhetta originale del parafango, il che portava a supporre che il tettuccio apribile fosse stato aggiunto a un certo punto. Tuttavia, un fatto spesso dimenticato del ’72 era che le auto con tettuccio apribile non avevano il codice M51 indicato sulla targhetta del parafango. L’unico segno che indica che un’auto ha lasciato la fabbrica con il tettuccio apribile è una G nel numero d’ordine del veicolo. Sicuramente il numero d’ordine della GTX era G99073. Galen ha detto a David dove cercare sotto i passaruota i tubi di scarico per la pioggia utilizzati nelle auto con tettuccio apribile. David stava andando a Spokane, e dopo una rapida ispezione, ha infilato la testa sotto i passaruota posteriori, e, di sicuro, i tubi di scarico erano lì. David aveva l’auto sul suo autotrasportatore ed era diretto ad est prima che il proprietario si rendesse conto che si trattava di una delle 34 auto con tettuccio apribile con un passato molto speciale.

La storia di questo raro uccello è stata scoperta grazie alla determinazione della cesoia, al duro lavoro e alla fortuna. David si è imbattuto per caso in un precedente proprietario mentre lavorava per Caterpillar. Quella pista lo ha indirizzato verso un club Mopar in Texas, che lo ha portato al suo più forte protagonista: un agente della State Farm che aveva posseduto l’auto in precedenza. Bryan Tilbrook ad Abilene, Texas, disse a David che una volta possedeva una Plymouth arancione brillante con tettuccio apribile e quattro marce. Quante Plymouth arancioni con tettuccio apribile potrebbero esserci in una città di 100.000 persone?

Bryan aveva acquistato l’auto dal suo compagno di stanza del college, Jerry Tucker, nel 1980. Jerry aveva acquistato l’auto da un uomo del Michigan. Bryan disse a David che l’auto era stata designata come una Chrysler PR (pubbliche relazioni) e che presumibilmente era stata guidata da un giocatore di hockey canadese. Questo è il motivo per cui l’auto era così altamente opzionata. Bryan ha detto che quando ha ricevuto la macchina c’era un disco da hockey del giocatore nel vano portaoggetti. Il disco si era incastrato con la macchina per ricordare a tutti la sua origine. David ha detto: “Ok, io mordo, chi era il giocatore di hockey?”. Bryan non riusciva a ricordare, ma pensava che potesse essere Bobby Hull. Bryan mandò David dall’uomo a cui vendette l’auto, Mike Farmer, che prese in giro David con alcune ricevute di riparazione, un manuale d’uso e persino le istruzioni per l’uso del tettuccio apribile ASC. David aveva solo una domanda: “Non è che per caso hai il foglio di costruzione?”. Mike ha detto, sì, l’ha fatto.

Articolo molto interessante
Belvedere '66 - Equazione quadrata

Vedi tutte e 6 le foto

Bene, ora che David possedeva l’auto, cosa ne sarebbe stato della carrozzeria? la carrozzeria è stata data alla Huffman Auto body a Hadley, in Pennsylvania, dove sono state effettuate le necessarie riparazioni della carrozzeria, ed è stato applicato un nuovo guscio di vernice Tor-Red. All’interno, i telai dei sedili sono stati rivestiti con nuovo materiale proveniente dal leggendario Auto Interiors. Gli accessori interni comprendono: alzacristalli elettrici, freni e sterzo, una consolle spostata a quattro velocità, vetri colorati, ruota in tufo, stereo AM/FM completo di microfono e il già citato tettuccio apribile.

Sotto il cofano della Road Runner X di David, c’è il 440 completamente ricostruito, riempito con pezzi di Crane, Keith Black, Hughes e la stessa Ma Mopar. Le teste di colata 346 sono dotate di alcune valvole di scarico e di valvole sovradimensionate per dare alla RB un po’ più di flusso d’aria. Fleming Engine Service ha fatto un cenno con la testa per assicurarsi che il 440 fosse all’altezza della sua storia, e secondo Dave, i ragazzi lo hanno fatto con orgoglio. Dietro l’RB c’è un cambio manuale che è stato trattato per una ricostruzione per gentile concessione della Brewer’s Performance di Troy, Ohio. A completare il tutto c’è l’originale Dana 60 con 3.54 marce e una Sure Grip.

Vedi tutte e 6 le foto

Incuriositi da questa storia, noi di Mopar Muscle speriamo che i nostri lettori possano aiutare a identificare il giocatore di hockey che ha guidato questa ultra rara auto del ’72. È più la storia che i numeri a rendere una vettura una leggenda, e questa potrebbe essere una leggendaria GTX del ’72.

Fast FactsOwner: David Bardeen, Powell, Ohio Auto: ’72 Plymouth Road Runner GTX, restaurata dalla Huffman Auto Body, Hadley, Pennsylvania Motore: Blocco 440 RB, aste Six-Pack, albero a camme Hughes HE 1423, .538 di sollevamento, teste leggermente portate con valvole Manley sovradimensionate, Holley 750 a doppio pompante. Ricostruito da Fleming Engine Service, Utica, Ohio Trasmissione: A-833 manuale a quattro marce, cambio Hurst Pistol Grip ricostruito da Brewer’s Performance a Troy, Ohio Rearend: Dana 60, 3.54 Sure Grip posteriore, assi di serie. Ricostruito da Allen Driveline Service, Butler, Pennsylvania Ruote/gomme: Anteriore e posteriore: Ralley 15×7, Goodyear Polyglas GT G60x15 Quarto di miglio: N/A

Vedi tutte e 6 le foto

Mike ha informato David della storia della GTX del ’72 in una lettera:

Caro David, il nome del giocatore di hockey che originariamente guidava la GTX nel 1972 è sconosciuto, ma crediamo che fosse un Red Wing e che fosse amico di Gordie Howe. Gordie ha guidato la sua auto e si suppone che volesse comprarla. La storia è che il giorno in cui la GTX è apparsa sul trasporto presso il concessionario di consegna, Duane E. Hildreth di Melvindale, Michigan, (il proprietario originale) voleva comprarla. All’epoca era in una 340 Swinger. Il personale del concessionario gli disse che avrebbe dovuto aspettare sei mesi prima che il giocatore di hockey che lo usava per gli annunci e le promozioni lo restituisse. Al termine dei sei mesi, il concessionario disse al signor Hildreth che era dispiaciuto, ma che Gordie Howe voleva acquistarla. Gordie scoprì che il signor Hildreth aveva aspettato sei mesi e disse che doveva avere il diritto di acquistarlo. Duane Hildreth registrò il veicolo il 24 ottobre 1972.

Articolo molto interessante
1969 Plymouth Road Runner Hemi - Senza conservanti, senza additivi

La macchina è arrivata in Texas quando il datore di lavoro di Duane Hildreth lo ha trasferito a San Angelo, Texas. Il successivo proprietario, Jerry Tucker, frequentava la Angelo State University a San Angelo, Texas. Jerry vide la moglie del signor Hildreth alla guida della GTX, la inseguì e chiese a Duane Hildreth di vendere il veicolo. Era l’autunno del 1978 o la primavera del 1979. Il signor Hildreth non lo obbligò all’epoca. Durante l’estate del 1979, Jerry tornò a casa ad Abilene, Texas. Il signor Hildreth pubblicò un annuncio e cercò di vendere la GTX senza fortuna. Jerry raccolse una vecchia copia del giornale quando tornò a scuola nell’autunno del 1979 e chiamò il signor Hildreth nella remota possibilità che non venisse venduta. Non aveva venduto la macchina e Jerry comprò la GTX.

Jerry Tucker vendette il veicolo a Bryan Tilbrook di Abilene nel 1980. Bryan non ha mai immatricolato l’auto. Ho venduto una Corvette del ’79 e ho acquistato la GTX nel marzo 1981 da Bryan. La mia ricevuta di immatricolazione del 3/11/81 mostra un trasferimento da Jerry Tucker a me. Ho venduto il veicolo nel 1982 a un aviatore di stanza alla base aeronautica di Dyess per poter pagare l’acconto per la mia prima casa. Gli feci promettere che mi avrebbe dato la prima opzione di acquisto nel caso in cui fosse stato trasferito e volesse vendere il Road Runner. Fu così che venni in possesso dei libri contabili e del foglio di trasmissione del proprietario. L’ho tenuto perché avevo tutte le intenzioni di riacquistarlo. Inutile dire che la telefonata dell’aviatore non è mai arrivata, e la GTX era sparita per sempre, o almeno così sembrava. Cordiali saluti, Michael Farmer

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP

Lascia un commento