1974 Pontiac Trans Am – Cos’è la corsa?

Il sogno di Ron Rushing è finalmente realizzato dopo 17 anni di costruzione

Vedi tutte le 7 fotoKevin DiOssiwriterJan 28, 2010

Come dice il cliché, “Le cose buone arrivano a chi aspetta”. Negli anni ’90, Ron Rushing stava aspettando di comprare una Firebird del secondo genio. Dopo aver incontrato l’amore della sua vita, Beth, laureatasi alla Georgia Tech con un master in ingegneria informatica, sposandosi e ottenendo un ottimo lavoro, Ron viveva al settimo cielo. L’anno era il 1992 e il posto era Augusta, Georgia. “Ho discusso con mia moglie del mio desiderio di possedere una Trans Am della metà degli anni Settanta e lei mi ha sostenuto al 100%”, ricorda.

La sua ricerca è iniziata attraverso gli annunci locali. “Ho individuato una T/A del ’74 455 T/A in vendita e il prezzo richiesto era di soli 800 dollari”. La Pontiac ha costruito solo 4.648 250 CV L75 455 D-Port T/As per il ’74, e tutti sono stati accoppiati con il Turbo 400 trans.

Ron e Beth hanno fatto un breve viaggio attraverso la città per dare un’occhiata; entrambi sono rimasti sorpresi. Era in pessima forma e Ron doveva assolutamente averla. Beth non era molto entusiasta dell’idea e pensava che fosse un disastro. “Aveva ragione, ma non potevo andarmene senza la macchina”, lamenta. “Ho offerto al venditore 750 dollari e poi ho guidato il T/A fino a casa, mentre soffiava olio dallo scarico e aveva a malapena abbastanza freni per fermarsi”.

Pianificazione del restauro

Una volta che il corpo F dell’era Nixon era a casa, Ron cominciò a escogitare un piano per ripristinarlo. “Mi sono reso conto che c’erano alcune parti della macchina che non potevo fare e che avrei avuto bisogno di un aiuto professionale”, dice. “Tutto il resto l’avrei fatto da solo”. Il suo primo compito fu quello di spogliare l’auto fino al metallo nudo e vedere quanta carrozzeria era necessaria. Utilizzando lamette da barba, spogliarelliste, levigatrici e varie altre attrezzature, ha finito il lavoro. Imparò che le portiere, i parafanghi, il coperchio del bagagliaio e le parti posteriori erano pieni di Bondo e il tetto era arrugginito.

Con una lista di obiettivi stabiliti per il T/A, Ron ordinò la documentazione ai Pontiac Historic Services e i cataloghi per aiutarlo a trovare le parti di cui aveva bisogno. Si è scoperto che la sua nuova Trans Am era stata ordinata da Foster Pontiac a Memphis, Tennessee, e indossava un codice E, la vernice blu dell’Ammiragliato con codice 901, con interni rossi personalizzati. Sì, blu con interni rossi – non un abbinamento comune a tutti i mezzi – sicuramente un fenomeno da baraccone.

Vedi tutte le 7 foto

Entusiasta di riportarlo a questa rara combinazione, Ron determinò quali parti gli sarebbero servite. Le cattive condizioni del suo T/A tornarono a morderlo, mentre ne calcolava il costo. “Ero scoraggiato dal fatto che il costo si stesse rivelando così elevato”, dice. “Così decisi di limitarmi ad acquistare qualche pezzo al mese per aiutare a controllare il costo del progetto”. A questo punto non poteva affrettare il progetto se voleva.

Ha ordinato pezzi di ricambio da Ames, YearOne, Classic Industries, Performance Years e eBay. La cosa andò avanti per anni, e i pezzi iniziavano ad accumularsi. Ron trasferì il Bird sventrato di rosso e la sua famiglia a Windermere, in Florida, e trovò un negozio per completare la carrozzeria.

Una grande spinta di motivazione è arrivata quando Ron stava perlustrando un deposito di recupero di auto a Clermont, in Florida. “Mi sono imbattuto in un’altra Firebird del ’74 che era piuttosto malconcia,” dice. Si era trovata in un intenso incidente che aveva distrutto la parte anteriore, ma aveva lasciato il tetto e i quartieri posteriori in perfette condizioni. Ron ha fatto tagliare l’auto ai pali dei finestrini e l’ha riportata a casa.

Ron Digs In

Fred Nicholas di Harper’s Paint and Body a Orlando, è stato scelto per mettere insieme il mostro di Frankenstein. Il pannello del tetto e i quarti di pannello del relitto della Firebird sono stati tagliati e saldati in posizione in corrispondenza delle cuciture del T/A, come se fosse stato fatto in catena di montaggio. Un nuovo coperchio del bagagliaio, i parafanghi anteriori, la portiera del passeggero e la pelle della portiera lato guidatore sono stati installati, e Fred ha iniziato a carrozzare il resto della carrozzeria.

Due strati di primer DP50 PPG sono stati stesi e levigati a blocchi fino a quando il corpo non era dritto. E ‘stato sigillato con sigillante Sikkens, e tre mani di PPG Deltron Uretano Deltron in Admiralty Blue sono stati applicati. Una progressione di 1.500 e 2.000 grana di carta è stata usata per bagnare la finitura prima che fosse finalmente lucidata con il composto Farecla G3 e la lucidatura G10. Ron ha ordinato le decalcomanie per il restauro da Stencils and Stripes Unlimited nelle tonalità originali blu e blu scuro. Tutte le rifiniture esterne in metallo sono originali.

Una volta che l’esterno è stato curato, Fred ha rivolto la sua attenzione verso l’interno. Tutto doveva andare, tranne il cruscotto, la console e le cinture di sicurezza. Just Dashes ha riportato la console e il cruscotto nelle stesse condizioni, e Ssnake-Oyl ha ripristinato le cinture di sicurezza. Poi i rivestimenti dei sedili, la schiuma dei sedili anteriori, la moquette, l’headliner, le finiture, i pannelli delle portiere e alcuni indicatori sono stati ordinati da Classic Industries. Con le parti nuove installate, l’interno era rosso da urlo!

Sotto, i bracci di controllo e le barre di oscillazione sono di serie, e le molle, gli ammortizzatori e tutti gli elementi di usura sono stati sostituiti con parti di riproduzione. Con il debutto della Radial Tuned Suspension per il ’74, le molle, le valvole d’urto e la fermezza delle boccole sono state inserite per funzionare con le gomme radiali.

Un altro cambiamento è stato il diametro della barra di ondeggiamento posteriore. Mentre l’anteriore è rimasto a 1,25 pollici, il posteriore è stato ridotto da 0,875 per il ’73 a 0,812 pollici. Le ruote originali 15×7 del Rally II ora montano pneumatici 225/70R15 Firestone Firehawk Indy 500. Dietro le ruote si trovano i freni a disco anteriori a disco da 11 pollici e i tamburi posteriori da 9,5 pollici.

Con il resto della vettura completata, il motore 455 è stato inviato alla Fleet Star e alla Central Florida Machine and Speed in Winter Garden. Lì, il motore, tutto originale, è stato smontato per una ricostruzione. Il blocco è stato annoiato da 0,030 a 4,180 pollici e riempito con pistoni forgiati TRW/Speed Pro forgiati flat-top. Il mulino da 140.000 miglia ha ricevuto nuovi cuscinetti, una pompa dell’olio ad alto volume, bielle fuse originali da 6.625 pollici rinnovate e un albero a gomito in ferro nodulare da 4.210 pollici. La camma è una sostituzione “067” con 273/289 gradi di durata e 0,410/0,414 di sollevamento che urta 2,11/1,66 valvole in teste 4X tramite aste di spinta e bilancieri 1,50:1. Il Q-jet originale #7044262 Q-jet è stato ricostruito a magazzino e imbullonato alla presa in ghisa #495106, e l’accensione è stata aggiornata a HEI. I collettori dei tronchi di fabbrica si scaricano in un sistema di scarico da 2,5 pollici con marmitte gemelle di ricambio GM.

Sia la trasmissione rearend che il codice PZ Turbo-400 sono originali per l’auto. Il posteriore Safe-T-Track era dotato di 3,08 marce (codice GYG) poiché il T/A ha A/C, ma ora ha un set di 3,73 marce, e la trasmissione è stata ricostruita con un kit di cambio.

Vedi tutte le 7 foto

Completamento

In questo caso, una cosa molto buona è arrivata a Ron dopo che ha aspettato e lavorato 17 anni per ottenerla. Il suo T/A è stato completato a metà del 2009. “Devo ringraziare mia moglie perché è stata il mio sistema di supporto per tutto il progetto”, dice Ron, ora 47 anni. Ricostruire un’auto da uno stato così povero può essere molto frustrante, ma non potrebbe essere più felice per come è venuta fuori. Gli piace guidarla agli appuntamenti con la moglie e in chiesa. L’ha anche portata fuori con suo figlio sedicenne e sua figlia tredicenne.

Ron ha salvato questo T/A dalla distruzione, e l’ha lentamente e metodicamente costruito in una Pontiac da far saltare gli occhi, ma facilmente guidabile. Il T/A del ’74 455 di Ron, con la sua combinazione di colori funky, ora ha una nuova vita: ci è voluto un po’ di tempo.

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP

Lascia un commento