1975 Dodge Dart – Dall’inizio

Vedi tutte le 1 fotoRandy Boligwriter1 luglio 2006

“Non riesco mai a trovare un’auto economica da riparare” è un’affermazione che sentiamo spesso. Ma gli accordi sono ancora in giro. Bisogna solo cercarli… oppure no. E’ così che ci siamo imbattuti in questo – lo chiameremo un gioiello sotto una pensilina vicino a casa. Sapevamo della macchina, ma non abbiamo mai avuto soldi da offrire, quindi non abbiamo mai chiesto se era in vendita. Beh, conoscete il vecchio detto: “stai attento a quello che desideri”. Un giorno l’anziano signore che possedeva l’auto ha deciso che era il momento di sbarazzarsene, e ci è capitato di essere nel posto giusto al momento giusto. L’affare è stato concluso, e per 300 dollari siamo riusciti a portare a casa questo bambino.

Certo, non è un demone con 340 poteri, ma chi se ne frega. A parte il front end, un facile scambio, ha lo stesso aspetto di base. Quindi, per quello che abbiamo pagato, siamo stati più che felici. L’unico problema era che non sapevamo se funzionava, o se poteva essere trasformato in un cruiser relativamente fresco per quasi niente. Ma questo non ci ha scoraggiato, visto che l’abbiamo portata a casa per vedere se finalmente abbiamo avuto un colpo di fortuna. Per quanto Paul, il signore che la possedeva, se ne accorgeva, correva, ma poteva aver bisogno di una frizione. Diceva che era rimasta ferma per circa 15 anni, e per lo spessore del rivestimento dell’auto, intendiamo la polvere, non dubitavamo di lui.

Il primo ordine del giorno è stato quello di prendere diversi dollari in quarti di dollaro e di andare all’autolavaggio locale. Ci sono voluti 5 dollari per togliere tutto lo sporco, ma la vernice sbiadita mostrava ancora la sua età. Una cosa che sapevamo per certo era che Paul era il proprietario originale, e l’auto non era mai stata riverniciata, il che significa che non c’è nessun bondo che copre la ruggine nascosta. Quello che si vede è quello che si ottiene. Ora era il momento di andare in officina per vedere se la vernice poteva essere salvata.

Avevamo paura di fare una qualsiasi levigatura a umido sulla vernice perché non sapevamo quanto avrebbe retto. Ma ci siamo presi il nostro tempo, colpendola con una glassa di microfinitura 3M e un tampone che gira a circa 2.800 giri al minuto. Siamo rimasti stupiti da quanto bene la vernice si sia ripulita. Poi gli abbiamo dato uno strato di cera. vedremo per quanto tempo rimarrà lucida.

Articolo molto interessante
I piloti della NHRA Full Throttle Series prendono il palco centrale al Free Auto Club Q&A Held presso il Wally Parks NHRA Motorsports Museum venerdì 9 novembre.

Ora era il momento di vedere se riuscivamo a farla funzionare. Prima di accendere il motore, sapevamo che c’erano alcune cose da fare. Tanto per cominciare, dovevamo individuare alcune parti. Ora ci sono più di un paio di case di rifornimento per il restauro che trasportano tutto ciò di cui avremmo avuto bisogno, ma per la semplice messa a punto e gli articoli correlati, il negozio di ricambi locale è un’opzione più semplice e veloce. Alla fine ci siamo rivolti al nostro negozio locale Carquest a Lakeland, in Florida, che aveva tutto ciò di cui avevamo bisogno entro il giorno successivo. Alcuni dei ricambi erano disponibili immediatamente, ma non ci si può aspettare che abbiano in magazzino cose come un carburatore a un barile, così abbiamo aspettato tutta la notte. Abbiamo ordinato un kit di messa a punto, aria, carburante e filtro dell’olio, olio e una nuova batteria. Ora era giunto il momento di strappare la chiave e sperare per il meglio.

Una delle prime cose che abbiamo pensato di fare è stata la ricostruzione del carburatore. Appena l’abbiamo afferrato e ci siamo preparati a rimuoverlo, abbiamo trovato tutte le viti che tenevano il corpo alla base erano allentate. Abbiamo rimosso il carburatore per trovare non solo che erano allentate, ma anche le viti della ciotola. E non solo la base e le viti della ciotola erano allentate, ma quasi tutti i fori delle viti sono stati rimossi. avremmo potuto trovare un kit elio-bobina, fissare i fori e ricostruire il carburatore, ma dato che siamo un po’ pigri da queste parti abbiamo optato per un carburatore rimandato. Problema risolto. Abbiamo installato il nuovo carburatore e poi ci siamo concentrati sulla messa a punto. Subito dopo aver rimosso la candela numero uno, abbiamo trovato un problema. La cinghia di messa a terra e l’elettrodo erano completamente distrutti, prova evidente di un problema. Abbiamo fatto un’ulteriore diagnosi e abbiamo trovato una soluzione. Non solo siamo pigri, ma siamo anche economici. In un certo senso abbiamo risolto il problema, ma dovrete continuare a leggere per vedere come.

Articolo molto interessante
Aste dei lettori - luglio 2013

Dopo la messa a punto, il cambio dell’olio e l’adescamento, abbiamo deciso di aggiungere il carburante per vedere se i sei “indistruttibili” avrebbero sparato. Abbiamo scaricato un po’ di carburante nel carburatore, abbiamo premuto il tasto, e abbiamo sperato per il meglio. Quando l’unico rumore che abbiamo sentito è stato il sonaglio del treno a valvole Slant Six, abbiamo capito che eravamo fuori pericolo. Una cosa a cui non pensammo fu di controllare i freni, e subito dopo aver fatto retromarcia fuori dal garage, fu evidente che erano inesistenti.

Quando abbiamo rimosso il coperchio del cilindro maestro, abbiamo scoperto perché non avevamo freni, ma ora dovevamo scoprire perché il cilindro maestro era vuoto. Siamo partiti dalla parte anteriore dell’auto e abbiamo scoperto che le ganasce dei freni incollate su entrambi i lati erano spesse circa 005 pollici, un po’ meno di una specifica di fabbrica. Scarpe sostituite, cilindri delle ruote ricostruiti, ora sul retro dell’auto. Le ganasce posteriori erano un po’ meglio. Erano spesse 0,010 pollici, ma i cilindri delle ruote perdevano. Quindi, torniamo a Carquest per le scarpe e i kit di cilindri delle ruote. Fortunatamente per noi, Carquest ha negozi dappertutto, così da quando stavamo lavorando alla Dart a Tampa, ne abbiamo trovata una nelle vicinanze.

Volevamo lanciare su un set di ruote da Rallye che avevamo in giro, ma il Dart ha le alette con il disegno di un piccolo bullone, e i nostri Rallyes sono di dimensioni grandi. Questo limita le nostre scelte di ruote. Chi avrebbe mai pensato che una Dodge del ’75 avrebbe avuto una Dodge con ruote a bulloni piccoli? Comunque, per un totale di ben meno di 900 dollari, siamo in viaggio con la nostra cruiser “economica”.

Riparazione dell’albero dell’ombra Abbiamo parlato della riparazione delle candele di accensione, ma non abbiamo mai parlato di quello che abbiamo fatto per ripararla. Prima di poterla riparare, però, avevamo bisogno di sapere cosa la stava causando. A parte la rottura del motore, come potevamo sapere se qualcosa si stava rompendo nel cilindro? Quello che abbiamo fatto per prima cosa è stato sostituire la candela e girare il motore senza accenderlo. Volevamo vedere quanto duramente la candela veniva colpita. Una volta rimossa, abbiamo scoperto che la cinghia di terra era stata toccata quanto bastava per chiudere la fessura nella candela. Abbiamo provato a indicizzarla, ma non è servito a niente.

Articolo molto interessante
Programma delle mostre anticipate del Museo dell'Automobile della California 2011

La prossima cosa che abbiamo fatto è stata quella di posizionare il pistone a circa tre quarti del percorso verso il punto morto superiore. Non importa se si trattava di scarico o di corsa di aspirazione. Poi abbiamo messo un piccolo cacciavite attraverso il foro della candela e lo abbiamo appoggiato sulla parte superiore del pistone. Poi abbiamo chiesto a un amico di spostare l’albero motore avanti e indietro una quantità minima. Quello che abbiamo notato è che il movimento del pistone era direttamente proporzionale al movimento dell’albero a gomiti. Teoricamente, questo significava che il cuscinetto dello stelo, i bulloni e la superficie dell’albero a gomiti sono fondamentalmente in forma corretta. Quindi cosa sta colpendo la candela d’accensione? Come abbiamo detto, non abbiamo mai veramente fatto a pezzi il motore, ma supponiamo che altri problemi abbiano permesso che un grande deposito di carbonio si accumulasse sul pistone. Ma qual è la soluzione?

Stiamo per dirvi qual è la soluzione, e probabilmente ci chiamerete pazzi, ma in questo caso, per ora sta funzionando…. Avremmo potuto mettere una o due rondelle sulla spina, reinstallarla, e probabilmente è stato fatto. Oppure avremmo potuto comprare quello che si chiama un antiesplosione, che in pratica colloca la candela all’esterno del cilindro, ma siamo a buon mercato. Quello che abbiamo fatto, è stato prendere la candela e tagliare la cinghia di terra nel punto in cui gira verso l’elettrodo. Battere la cinghia verso l’elettrodo – fino a quando non si ottiene la giusta distanza – e installarla. Ta-da, una candela d’accensione istantaneamente pulita che si accende ancora. Siamo degli hacker, ma disposti a provare qualsiasi cosa.

COSTSCar $300Radiator $195Oil $8Tune-up kit $44Filtri (olio, aria, carburante) $12Batteria $83Scarpe freno $28Ruota kit di cilindri, linee di gomma $140TOTAL$810Mostra tutto…

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:\www.hotrod.com\uploads\sites\2006\07\0607-mopp-01-ps-cheap-fixup-under-the-hood.jpg

Lascia un commento