1985 Chevy Monte Carlo – Guerriero del Nordest

Da zero: la nascita di un’auto da corsa

Vedi tutte le 1 fotoDavid MillerwriterGary TremperwriterHerb FingerwriterFingerwriterFeb 1, 2000

Nota dell’editore: Nella tradizione del Saturday Night Buildup di Circle Track, abbiamo scelto di aggiungere un’altra auto a questo stile di storia. Con questo nuovo articolo sul Northeast Warrior, iniziamo un’odissea, che segue la nascita e la competizione di una nuova auto mentre fa campagna nella Northeast Street Stock Division di DIRT Motorsports. La creazione di questa nuova serie dà a voi, il nostro lettore, l’opportunità di seguire le auto sportive a corto raggio sulla costa occidentale e orientale. Ci auguriamo che tu possa godere e beneficiare della continua copertura delle nostre storie sulla West Coast (Saturday Night Buildup) e sulla East Coast (Northeast Warrior). Ogni auto apparirà alternativamente nei prossimi numeri di Circle Track.

Il cambiamentoNel mondo degli sport motoristici, il cambiamento è costante. Indipendentemente dal tipo di auto da corsa, dalla divisione o dal livello di esperienza, i team di gara sono in costante lotta per trovare più velocità, una migliore maneggevolezza, un’aerodinamica più fluida e così via. Molti cambiamenti sono sottili e passano inosservati ad un occhio non allenato. Tuttavia, ci sono momenti in cui qualcosa di nuovo appare sulla pista locale e tutti se ne accorgono immediatamente.

È il caso del Nord-Est, in particolare della divisione Street Stock che opera sotto la sanzione della DIRT Motorsports di New York. In poco meno di due anni, il volto di questa divisione è cambiato radicalmente dalla comparsa del primo telaio “non sperimentatore” Street Stock.

I punti di forza della Street Stock negli ultimi 20 anni sono stati le carrozzerie standard di fine anni ’70, inizio anni ’80 in stile Camaro o Firebird su un telaio costruito. Ma ora, in rapida successione, molti team si stanno allontanando da questi pilastri a favore del nuovo telaio non sperimentatore, scuoiato da carrozzerie da corsa acquistate in negozio. Alcuni accolgono con favore il nuovo look, altri lo vedono come la fine della divisione così come esiste oggi.

Per i nostri scopi, un telaio non sperimentatore sarà definito come un progetto di telaio con una polarizzazione del peso sul lato sinistro integrata nel progetto, in contrapposizione al telaio di tipo stock con caratteristiche di distribuzione del peso più uniformi. I vantaggi di un bias del peso sul lato sinistro sono le migliori caratteristiche di maneggevolezza dell’auto da corsa, in particolare nella sua capacità di affrontare le curve. Molti piloti di Street Stock che utilizzano il design non sperimentatore ritengono che la loro velocità in curva sia uguale a quella delle auto sportive DIRT DIRT a ruote aperte.

Articolo molto interessante
Lonestar Rod & Kustom Round Up

Il passaggio è stato così brusco che la divisione è stata ribattezzata Pro Stock per la stagione agonistica del ’99. La divisione ha assunto un aspetto più professionale, ma si può discutere se fosse necessario complicare ulteriormente le cose con un cambio di nome. Le Street Stock, come sono conosciute da molti anni, sono anche chiamate Bombers, Thunder Cars, e ora Pro Stock. A seconda della parte del paese in cui ci si trova, un telaio di tipo non sperimentatore può assumere un altro nome.

Che ti piaccia o no, il cambiamento fa parte degli sport motoristici – lo è sempre stato e sempre lo sarà. Quello che sta succedendo in questa divisione non è davvero niente di nuovo. Mentre le Pro Stock passano al livello successivo, stanno vivendo lo stesso processo evolutivo che le auto modificate a ruote aperte hanno subito negli ultimi 50 anni. Il passaggio è stato fatto dai progetti da cortile con carrozzerie e telai di serie alle auto di oggi, costruite in modo professionale e acquistate in negozio.

GenesiNon c’è modo migliore di guardare a questa classe di auto da corsa che dall’interno del garage. Con un approccio pratico, nella stagione 2000 è stata costituita una squadra per costruire e far gareggiare una Pro Stock in un autodromo omologato DIRT. In questo modo, possiamo documentare la nascita di una nuova auto da corsa dalla fase di sviluppo fino alla competizione vera e propria. Il circuito scelto è l’Orange County Fair Speedway a Middletown, New York. Abbiamo scelto questo luogo per diversi motivi: È grande (51/48 miglia), veloce, il livello di competizione è altissimo, e molti dei telai più recenti” sono già in gara lì. Molte delle auto più recenti sono apparse per la prima volta ad Orange County, e il calibro delle auto lì è sempre stato alto.

Orange County è un ovale semi-bancato, duro, con superficie in argilla, nel sud-est di New York, che negli ultimi 20 anni ha avuto Street Stocks/Pro Stocks come parte del suo programma settimanale. Attualmente gestisce due divisioni: Rookie e Novice. Entreremo nella divisione Rookie per la stagione 2000.

Articolo molto interessante
2010 Dodge LC22R Challenger Drag Pak Challenger - Racer Retro Racer Rivelato

PilotaLa squadra assemblata per questo progetto ha una precedente esperienza di corse su questa pista. Il nostro pilota, Mitch Frank di Waldwick, New Jersey, ha iniziato nei ranghi dell’Enduro nel 1997 con una Cutlass Supreme del ’76 che ha acquistato per 250 dollari. Con regole limitate e solo modifiche di sicurezza consentite sulle vetture, è stata una divisione difficile. Mitch terminò la sua prima gara con tutti e quattro gli ammortizzatori distrutti e cinque giri in meno. L’anno successivo, la divisione Enduro divenne nota come Pure Stock, ed è qui che i membri del nostro team si riunirono.

Prima della stagione ’99 era stata acquistata una Monte Carlo dell’85 per 150 dollari. Dopo essere stati fedeli lettori del Circle Track’s Saturday Night Buildup, il nostro team ha raccolto la sfida e ha completamente smontato la macchina, irrigidito il telaio e aggiunto un nuovo motore. Mitch ha fatto un ottimo lavoro al volante, e per i nostri sforzi, siamo stati ricompensati con cinque vittorie in caratteristiche e un secondo in punti di divisione complessiva per l’anno.

La progressione logica a partire da questo punto è stata nelle classifiche Rookie Pro Stock. Qui è dove siamo diretti, e portiamo te, il lettore, a fare il giro. Il team che abbiamo riunito per questo progetto è di alto livello, tutti i membri sono stati scelti per la loro esperienza nei loro campi. Vi accompagneremo passo dopo passo attraverso il processo di costruzione del telaio e del rollcage, illustrandovi le differenze tra il nuovo design e quello precedente.

TelaioUn telaio a rotolamento completo sarà costruito da Keith Koppenal, proprietario della K Auto Tech di Fair Oaks, New York. Oltre ad essere un pilota, Keith ha costruito quasi 20 auto da corsa complete per altri che gareggiano sulle piste di New York e del New Jersey. Le sue auto hanno al loro attivo molte vittorie, tra cui la prestigiosa vittoria di Keith al ’97 Eastern States Weekend Street Stock Invitational a Orange County.

Vi guideremo attraverso il processo di selezione di alcuni materiali e vi mostreremo come progettiamo il nostro telaio e la nostra rollcage. Durante il processo di costruzione introdurremo anche vari produttori di pezzi.

MotoreUn segmento futuro si concentrerà sulla costruzione di motori. La persona scelta per questo compito è Jeff Saaf, che possiede e gestisce la Saaf Engines a Rowland, Pennsylvania. Jeff è un costruttore di motori dal 1977. È anche un vincitore di Street Stock feature, avendo gareggiato a Mocatek Speedway in Pennsylvania. Jeff ha motori che corrono su diverse speedway a New York e in Pennsylvania. Nei prossimi articoli discuteremo di componenti specifici del motore, tecniche di lavorazione, preparazione dei pezzi e consigli per l’installazione.

Articolo molto interessante
1968 Ford F-100 - Passaggio della torcia

Specifiche di baseDa quando Keith ha utilizzato un telaio non sperimentatore per alcuni anni, abbiamo scoperto che c’è una grande differenza nell’impostazione di uno di questi rispetto al telaio di serie – e Mitch ha scoperto che Orange County ha una personalità distintiva. Mentre le curve 1 e 2 possono richiedere un tocco più preciso, è possibile portare più velocità attraverso la 3 e la 4. La squadra con il setup per entrambe le estremità della pista ha il vantaggio.

Le specifiche DIRT consentono solo le autovetture nordamericane, i motori prodotti dal V-8, e tutti i motori devono mantenere le combinazioni di alesaggio e corsa di serie. Discuteremo a lungo dei componenti interni del motore e delle varie tolleranze nei prossimi scritti.

Rob Weeks of Valley Body and Fender a Westwood, New Jersey, è il nostro esperto di body and paint. Rob si occupa di corpo e struttura dal 1975 e negli ultimi cinque anni ha lavorato come capo equipaggio per un team Pro Stock a Orange County.

La nostra scelta delle carrozzerie deve ancora essere determinata, ma sono ammesse carrozzerie in alluminio aftermarket, a condizione che abbiano l’aspetto di magazzino e che corrispondano all’interasse del telaio utilizzato. Aftermarket cofano in fibra di vetro, tetto e tronco sono anche ammessi.

Abbiamo riunito un gruppo di persone dedicate e professionali per questo progetto, il cui obiettivo è quello di costruire e gestire un Pro Stock competitivo nella stagione 2000. Le nostre intenzioni sono di tenervi informati mentre procediamo nella fase di costruzione e sulla pista di velocità, rendendovi parte della squadra.

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites20002ctrp-0002-ps-1985-chevy-monte-carlo-left-side-view.jpg

Lascia un commento