1988 Peugeot Oxia Concept Car

Galleria immagini: Concept Cars La concept car Peugeot Oxia del 1988 sembrava un rifugiato di un futuristico percorso di gara. Il suo nome deriva dalla regione di Oxia Palus del pianeta Marte. Vedi altre immagini di concept car.© 2007 Publications International, Ltd.

Nessuno ha dovuto guardare due volte per capire come doveva essere la concept car Peugeot Oxia del 1988: Una coupé da turismo ad alte prestazioni. Sotto i riflettori del Salone dell’auto di Parigi, la concept car Peugeot Oxia del 1988 sembrava appena arrivata da una pista da corsa — e una pista da corsa del futuro, a questo proposito.

Image Gallery: Concept Cars The 1988 Peugeot Oxia concept car looked like a refugee from a futuristic race course. Its name comes from the Oxia Palus region of the planet Mars. See more concept car pictures.

Avrebbe potuto farlo anche perché, a differenza di molti prototipi e concept car, la splendida concept car Peugeot Oxia del 1988 era pienamente operativa. E per operativa, stiamo parlando di un V-6 biturbo V-6 che sforna 670 cavalli a 8200 giri al minuto. Anche con tutta quella superpotenza, l’Oxia non era una macchina da corsa che spaccava le ossa, ma un’auto confortevole e ben educata.

“Drammatica” inizia a malapena a definire il profilo spigoloso della concept car Peugeot Oxia del 1988. Le ruote sono state spinte fino agli angoli della carrozzeria, riducendo al minimo lo sbalzo anteriore e posteriore. La corta linea del cofano, guidata da prese d’aria a lamelle, si fondeva serenamente con l’ampio parabrezza, con la sua generosa e spigolosa distesa di vetro.

Articolo molto interessante
1946 Beechcraft Plainsman Concept Car

La curva liscia della linea del tetto continuava verso il retro per fondersi in un’elegante tangente con la coda. Nella parte posteriore, un alettone variabile sembrava pronto a trasportare l’Oxia da terra – forse nello spazio esterno, o forse per mandarlo a scavare nel terreno.

Non meno unica è stata la vista dell’auto dall’alto, che ha mostrato una carrozzeria che si è allargata nella parte posteriore piuttosto che rimanere di larghezza simile per tutta la sua lunghezza. L’abitacolo si restringeva bruscamente verso il tetto.

Finestre della porta splendidamente curvate e bordate in minuscoli riquadri triangolari. Gli spoiler a spigoli sottili non hanno praticamente spazzato via il terreno, e i fianchi della carrozzeria sono stati messi in evidenza da profondi ritagli nelle regioni inferiori.

Ci è voluto un po’ di strabismo ma, come ha sottolineato lo stilista degli interni Paul Bracq, c’era una precisa somiglianza familiare tra la concept car Peugeot Oxia e le Peugeot del mondo reale – e non solo le insegne aziendali al centro della griglia a doghe.

La concept car Peugeot Oxia del 1988 sembrava appartenere allo spazio, ed è da lì che deriva il suo nome. Oxia Palus è il nome di una regione del pianeta Marte che si trova a latitudine zero e longitudine zero: il punto di partenza per le misurazioni geografiche. L’Oxia della Peugeot, descritta come “il suo debutto terrestre” a Parigi, è stata vista da alcuni come punto di partenza per i veicoli a prestazioni future.

Articolo molto interessante
1957 Cadillac Eldorado Biarritz Convertibile

Per conoscere il design della concept car Peugeot Oxia del 1988, continuate a leggere.

Per saperne di più sulle concept car e sui modelli di produzione previsti, date un’occhiata:

  • Concept Cars
  • Auto del futuro
  • Report di autoshow della Guida per i consumatori
  • Auto d’epoca

Lascia un commento