1998 Ducati ST2

Il valvolame desmodromico Ducati ha aiutato la Ducati ST2 a mantenere un livello di potenza e velocità inusuale in una moto da turismo. Vedere di più immagini moto .

La moto Ducati ST2 del 1998 si rivolgeva proprio al pubblico sportivo, una sorta di partenza per la Ducati. Eppure, nonostante la sua posizione di guida più rilassata e i comfort da turismo, la ST2 vantava il tipo di prestazioni che ci si aspettava dal marchio.

Insieme ad un tachimetro e ad un contagiri analogico, l’ST2 includeva un display digitale per il livello del carburante, la temperatura del motore e l’ora del giorno. Gli specchietti retrovisori sono stati caricati a molla per aiutare ad assorbire gli urti, e la carenatura a copertura totale ha offerto al guidatore un maggiore livello di protezione dalle intemperie.

Pubblicità

Le bisacce integrate hanno inghiottito un casco integrale ed erano staccabili con un giro di chiave, mentre l’elegante serbatoio del carburante da 5,5 galloni permetteva un sacco di piacevoli chilometri tra una sosta e l’altra.

Ma la Ducati non ha dimenticato lo “sport” nello “sport-touring”. Insieme ai freni a disco flottanti a triplo Brembo, l’ST2 era dotato di sospensioni completamente regolabili e di un potente bicilindrico a V a iniezione di carburante da 944 cc, raffreddato ad acqua, con la famosa valvola desmodromica Ducati.

Sebbene si trattasse di una versione a due valvole del bicilindrico a V, poco dopo è apparsa una variante a quattro valvole con la denominazione ST4.

Articolo molto interessante
Leggenda: Un profilo di un elicottero

Altre immagini della Ducati ST2 appaiono nella pagina successiva.

Per altri articoli e foto di motociclette, date un’occhiata:

  • Moto d’epoca
  • Come funzionano le moto
  • Moto Ducati

Lascia un commento