2001 Hot Rod Virtual Power Tour – Quarto giorno, 6 maggio

Aggiornamenti giornalieri esclusivi dalla strada. Effingham, IL a Springfield, MO: Guidare la Chevy Train, una chiacchierata con la polizia stradale e pescare con lo zio Buck

Vedi tutte le 17 fotoSteve TemplewriterMay 1, 2001

ELENCO DI TUTTI I GIORNI

Anche se la maggior parte delle auto del Power Tour sono costruite dal proprietario, questo non significa che i produttori non amino giocare anche loro. Quest’anno la Chevrolet ha portato con sé una serie di veicoli di produzione modificati che siamo stati invitati a vedere in questa tappa del viaggio. Jeff Koch della rivista Hot Rod, insieme al vostro editore e produttore di video online, è salito a bordo di questa avvincente collezione di veicoli, e si è alternato con ciascuno di essi. Mentre le due Corvette erano chiaramente le giostre preferite del giorno (specialmente la Mallett soffiata), abbiamo scoperto che le altre avevano ognuna un certo fascino distintivo. Una Blazer nera cattiva con una Corvette LS-1 sotto il cofano era una vera e propria Q-ship, ad eccezione delle grasse carni posteriori (315/35ZR17), che riempiono perfettamente i passaruota. C’era anche una Cavalier sovralimentata (con prestazioni piuttosto salutari per una quattro-banger), una S10 Xtreme da 260 CV e una Monte Carlo Pace Car. (Ne sentirete parlare ancora di più durante il viaggio, e quando Jeff riprenderà fiato dal viaggio, date un’occhiata anche ai suoi prossimi servizi sulla rivista Hot Rod).

Articolo molto interessante
L'asta Scottsdale Barrett-Jackson

Anche se abbiamo incontrato il primo grave temporale del Tour, non ha rallentato neanche un po’ il convoglio della Chevy. Ci siamo però chiesti come se la cavasse il contingente di T-bucket quel giorno. Nonostante l’acquazzone, abbiamo continuato a incontrare gli spettatori lungo la strada – ci stupisce quante persone anticipino il nostro arrivo, anche quando siamo appena passati. A proposito di ronzio, uno dei nostri più importanti partecipanti al Power Tour ha avuto un incontro con la pattuglia autostradale a causa di una targa sospettamente assente. Non c’è da preoccuparsi, ma qualche poliziotto dello stato è ora l’orgoglioso proprietario di una camicia Hot Rod ben ricamata. (Non abbiamo mai provato questa tattica prima d’ora, ma tenetela bene a mente per il futuro)

Il sole ha finalmente fatto breccia quando siamo arrivati a Springfield, nel Missouri, presso i Bass Pro Shops. Anche se il parcheggio di questo mega centro commerciale non era così panoramico come le nostre precedenti fermate (ci siamo un po’ rovinati), di sicuro era pieno di spettatori. Ciò è dovuto in parte al fatto che i Bass Pro Shops sono la principale attrazione turistica dello stato. Con una superficie sufficiente sotto lo stesso tetto per coprire sette campi da calcio, questa è una Mecca per gli amanti della vita all’aria aperta, fornita di tutto ciò che serve per la pesca e il campeggio. Inoltre, all’interno di questa struttura di mammut si possono trovare cascate, stagni per anatre, pesci sommozzatori in acquari, ristoranti e persino un negozio di barbiere. L’unica cosa che manca è l’aria aperta.

Articolo molto interessante
Il redattore Rob Kinnan's Past Valuable Cars - Holeshot

Edelbrock ha fornito un gustoso barbecue quella sera, e tutti noi siamo riusciti a nasconderci dentro prima che i Thunderheads rotolassero di nuovo. Ma abbiamo in programma di fare una specie di tuono per la prossima tappa verso Tulsa. Oklahoma, arriviamo!

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:\www.hotrod.com\uploads\sites\2001\05\p70007-image-large.jpg

Lascia un commento