2004 Pontiac GTO – Io e la mia Pontiac

Questa capra moderna riceve cura, rispetto e molte modifiche dal suo proprietario

Vedi tutte le 1 fotoRoss KaplanwriterJul 1, 2011

Non volevo nemmeno un’altra macchina, figuriamoci una GTO. In quel piovoso sabato di marzo 2008, stavo facendo visita a Desantis Chevrolet a Brockton, Massachusetts, per farmi fare la manutenzione della mia Cadillac Eldorado del ’97. Quando sono entrato in concessionaria, però, ho visto una GTO rossa Torrid Red ’04 esposta in modo prominente nel parcheggio delle auto usate, incastrata tra una Trans Am del ’99 del trentesimo anniversario e un gruppo di Chevrolet Malibus utilitarie.

Ho chiesto al mio amico, Steve Lofgren, un venditore della concessionaria, “Cosa succede con la GTO? Lui rispose: “Ross, quella è la tua macchina!” Non importa quante volte gli ho detto di no, sapeva che intendevo dire sì. Non volendo arrendersi, si è messo dietro di me, facendo penzolare le chiavi della GTO. Ho visto il suo riflesso nel finestrino del lato passeggero. Non è difficile indovinare cosa sia successo dopo. “Andiamo a metterci un po’ di carburante di prima qualità e a fare un giro di prova”, ha detto.

Ricordo esattamente come si è sentita la GTO quel pomeriggio. Sono rimasto impressionato dal suo sterzo reattivo e dalle sue sospensioni strette e agili. Poi ho proceduto a testare l’accelerazione della LS1. La mia Cadillac era veloce, ma la GTO automatica a quattro velocità era super-veloce.

Articolo molto interessante
1965 Mustang Fastback - Nouveau Shelby

Il 4L60-E si è spostato dalla prima marcia a 4.000 giri al minuto, ma la coppia mi ha piantato saldamente nella sede. La seconda marcia ha messo la parte posteriore dell’auto in una manovra a coda di pesce. Ricordo persino di aver blaterato una gioiosa imprecazione mentre riportavo il mostro a trazione posteriore sotto controllo.

Quando il test drive è stato detto e fatto, ho scambiato il mio Eldorado e mi sono considerato il nuovo orgoglioso proprietario della fantastica musclecar Pontiac del 21° secolo. Non so perché sia stata barattata con 33.495 miglia, ma da allora ne sono stato felice!

La mia GTO è stata messa a punto da Slowhawk Performance a East Bridgewater, Massachusetts. Il risultato è di 362 rwhp e 370 rwtq, e il miglior passaggio di 12,62 al New England Dragway. Più recentemente, ho aggiunto un set di ruote 17×8 TSW Jarama alla GTO, che ora sono avvolte in pneumatici 245/45ZR17 Toyo Proxes T1-R.

La mia Pontiac è uno sballo da guidare e fa girare la testa ovunque io vada con essa. La inserisco nei saloni d’auto locali e nelle serate di crociera, e ha ottenuto un secondo e terzo posto nella sua classe. L’ho anche portata al GTO Gathering/Newport Summer Jam a Newport, Rhode Island, nel 2009 e nel 2010. Entrambe le volte è stato l’unico esempio del ’04-’06 con un tettuccio apribile (installato dal concessionario).

Articolo molto interessante
1952 Chevy Truck - La grande Five-0

Penso che non avrò mai finito di modificare la mia GTO, perché gli aggiornamenti le permettono di continuare a distinguersi dal resto del branco. Spero di godermi la mia Pontiac per molto, molto tempo. Grazie per avermi permesso di condividere la mia storia.

Il mio lettore di Pontiac ed Io mette in luce l’esperienza di Pontiac con le proprie Pontiac con parole proprie. Per essere presi in considerazione per la pubblicazione, inviate diverse foto a colori di alta qualità (se digitali, ogni foto deve essere più grande di 1 megabyte in formato JPG, nessun altro formato, per favore), la vostra storia Pontiac (dattilografata, circa 500 parole), il vostro nome, indirizzo e numero di telefono a:

Rivista ad alte prestazioni Pontiac Magazine

La mia Pontiac e me

c/o Christopher Phillip

9036 Brittany Way

Tampa, FL 33619

oppure christopher.phillip@sorc.com

Attenzione: HPP paga $50 se la tua storia viene stampata. Sarà necessario un liberatorio e un W-9 con il tuo numero di previdenza sociale.

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP

Lascia un commento