2009 Pontiac G8 GT – Nelle mie parole

Con l’ispirazione di papà, questa Stryker Blue G8 GT Stryker è un’opera d’arte moderatamente modificata

Vedi tutti i 5 fotoswpengineWordsJan 17, 2014

Mi chiamo Shaun DeLoche e sono dipendente dalle auto. È iniziato il giorno in cui sono nato. Vedete, mio padre, Guy DeLoche, è un tecnico automobilistico, e nella nostra casa, le auto governano. Se ci chiedesse qual è la nostra squadra preferita, la risposta dovrebbe essere General Motors. Ho imparato in tenera età ad apprezzare le automobili e a vederle come un’opera d’arte piuttosto che come un semplice mezzo di trasporto.

Il mio progetto attuale è una Pontiac G8 GT Stryker Blue ’09 1 di 1.111 Stryker Blue ’09. Probabilmente ora starai ridendo all’idea che io mi riferisca a un veicolo di quattro anni come a un progetto, ma quando sei un appassionato di auto come me, niente è mai finito¿ è sempre un “progetto”.

Vedi tutte e 5 le foto

Ho acquistato la Pontiac nell’estate del 2009 in sostituzione della mia Chevrolet Blazer ZR2 del 2003 che è stata distrutta da uno sfortunato incidente. Quando ho deciso di acquistare un veicolo sostitutivo, avevo alcuni criteri. Doveva essere una berlina V-8 a trazione posteriore e doveva essere un modello GM. Inutile dire che questo restrinse notevolmente la mia ricerca. Ho visto l’acquisto di quest’auto nuova come un modo per sostenere GM nel suo periodo di crisi, oltre a possedere un pezzo di storia dell’automobile, l’ultima grande Pontiac.

Articolo molto interessante
1929 Ford modello A Pickup - Qualcosa da fare

La mia G8 GT è partita come un pilota giornaliero, da qui le 15.980 miglia che ha attualmente percorso. Tuttavia, come potete vedere, chiaramente non è più così. La mia ossessione ha portato alle attuali modifiche di aspetto. La più ovvia sarebbe il cofano nero lucido in stile Firehawk e le ruote sportive da 19 pollici di serie verniciate a polvere di colore nero lucido. Dietro queste ruote ci sono delle pinze di serie verniciate a polvere di colore giallo lucido. Sul retro c’è un diffusore GXP nero lucido e uno spoiler Firehawk SLP nero lucido.

Sotto il cofano c’è un set di copri bobina Roto-Fab e coperchio del radiatore, entrambi verniciati a polvere di colore blu caramella. Ho un set di coperchi per puntoni e un coperchio per portafusibili personalizzato verniciato Stryker Blue. All’interno, ho fatto realizzare una copertura personalizzata in pelle blu e nera per il bracciolo centrale, e ho aggiunto un set di accessori GM floormats, davanzali G8, e un badge GM Performance Division. Altre varie modifiche estetiche includono chiari indicatori laterali per gli indicatori di direzione anteriori e un badge “Last of the Brand” degli Studios del terzo turno sul coperchio del bagagliaio.

Per le prestazioni, ho un set di bracci di traino BMR per ridurre l’officina, rotori scanalati della serie DBA 4000 con pastiglie in ceramica Hawk, una presa d’aria fredda Roto-Fab, un sistema di scarico Solo after-cat e un sintonizzatore Superchips Cortex per mettere tutto a punto. Inutile dire che quest’auto è stata veloce all’inizio, essendo equipaggiata con la L76 6.0L V-8 che eroga 361 CV e 385 lb-ft di coppia e una 6L80E a sei velocità automatica trans. Aggiungete le modifiche alle prestazioni di cui sopra e il divertimento non si ferma mai.

Articolo molto interessante
1970 Plymouth GTX 440 - L'auto per la fuga

Vedi tutte e 5 le foto

Ho costruito quest’auto fino ad oggi con le modifiche che mi sento di integrare bene non solo il veicolo in sé, ma anche l’uno con l’altro. Ho ricevuto innumerevoli complimenti ovunque io guidi e ho portato a casa numerosi premi da vari saloni dell’auto. Tuttavia, niente di tutto questo sarebbe possibile se non fosse per l’aiuto e il sostegno di mio padre. Lui ha acceso la mia passione per le auto e mi ha aiutato in ogni passo a creare il veicolo che vi è stato illustrato. È stato il mio mentore, il mio insegnante e soprattutto la mia ispirazione. Grazie, papà.

Vedi tutte e 5 le foto

Il lettore che mette in luce le esperienze dei propri Pontiac con le proprie parole. Per essere presi in considerazione per la pubblicazione, inviate diverse foto a colori di alta qualità (se digitali, ogni foto deve essere più grande di 1 megabyte in formato JPG), la vostra storia Pontiac (dattilografata, circa 500 parole), e il vostro nome, indirizzo e numero di telefono a:

Pontiac ad alte prestazioni

c/o Christopher Phillip

9036 Brittany Way

Tampa, FL 33619

oppure christopher.phillip@sorc.com

Nota bene: se il tuo racconto viene stampato, HPP ti invierà una t-shirt Pontiac High Performance in edizione limitata.

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

Articolo molto interessante
1957 Chevy - Aste per lettori

SEGNARE UP

Lascia un commento