2014 NSRA Southeast Street Rod Nationals Miglior Ford in una Ford

La Ford Business Coupé del 1951 di R.W. “Mac” McMullen

Vedi tutte le 7 fotoJoe GreeveswriterDec 4, 2014

C’è un dibattito in corso tra gli appassionati sui meriti dell’acquisto o della costruzione del vostro prossimo veicolo. Quando lo si costruisce da soli, si ha familiarità con ogni dado e bullone e si è i migliori per ripararlo, nel caso qualcosa andasse storto. D’altra parte, se la vostra collezione di attrezzi si trova nel cassetto centrale della cucina e il vostro negozio è sul marciapiede vicino alla cassetta della posta, l’acquisto di un’auto completa potrebbe essere un approccio migliore. Invece di aspettare un anno o due e sperare che venga fuori come previsto, saprete in pochi istanti se l’auto è quella giusta per voi. Potete controllare l’accelerazione, la maneggevolezza, il comfort e lo stile, e poi partire quel pomeriggio dopo aver firmato un assegno.

Robert “Mac” McMullen conosce entrambi gli aspetti del dibattito. Di Englewood, Florida, Mac possiede Mac’s Classic Junk, il colorato nome del suo negozio dove nel corso degli anni ha acquistato o costruito più di 120 veicoli. Sempre aperto a qualcosa di nuovo, cercava di sostituire la sua scatola di scarpe Ford recentemente venduta. L’auto che ha attirato la sua attenzione apparteneva al suo vicino, Jim Preston, che da oltre 20 anni lavorava alla sua Ford Business Coupé del 1951, priva di ruggine. Mentre Preston migliorava ogni pezzo, le vecchie parti finivano nel locale incontro di scambio, creando il seme per le successive aggiunte. Mac lo descrive come un perfezionista, citando il fatto che il lavoro di verniciatura era di 20 mani di vernice lavata a mano, lacca Wintermint Green, un lavoro che ha richiesto a Preston quasi 90 giorni. Anche con le auto più grandi, però, alla fine salta fuori il desiderio di qualcosa di nuovo. Preston consegnò la sua Ford di lunga data a un museo, sperando di venderla. Quando non ha avuto acquirenti, ne ha parlato in una conversazione casuale con Mac. Fu allora che tutto cambiò. Appena Mac ha scoperto il prezzo, ha comprato l’auto il giorno dopo.

Articolo molto interessante
1946 Chevy Truck - Voglio che

Sotto il cofano dell’ultima acquisizione di Mac c’è una 302 V-8 del 1979, annoiata a 0,30 e dotata di un carburatore Carter 600-cfm, camma Crane e testate personalizzate. La trasmissione C4 è controllata da un cambio a pavimento Lokar e alimenta una Ford posteriore da 8 pollici con 3,0 marce. L’auto mantiene tutte le basi della sua sospensione originale, aggiornata con ammortizzatori coilover e modernizzata con lo sterzo a cremagliera. A dare all’auto la sua posizione di appoggio a terra è una serie di blocchi di abbassamento nella parte posteriore insieme a mandrini a caduta da 2 pollici nella parte anteriore. È lo stile, tuttavia, che cattura l’attenzione di tutti. Oltre al profilo ribassato, le modanature della carrozzeria includono maniglie delle portiere rasate, cromature laterali accorciate e una staffa sagomata per la targa sul baule, insieme a fari e fanali posteriori fresati. I copriruota Lancer vestono i cerchioni da 15 pollici e le pareti bianche della serie 75. Tra i comfort delle creature all’interno vi sono una radio montata sul baule che utilizza un telecomando, una colonna inclinabile con una ruota Ford splendidamente rinnovata, l’aria condizionata a freddo, essenziale in Florida, e un caratteristico lavoro di tappezzeria “tuck ‘n’ roll”. Una combinazione di indicatori originali e Haneline trasmette informazioni vitali sul motore. Mac dice: “Ci sono cose nuove e cose vecchie sull’auto, ma quando le metti tutte insieme, si maneggia bene, va giù per la strada senza problemi, ed è davvero veloce! Mac si è goduto l’auto regolarmente, portandola a spettacoli e crociere. Di conseguenza, questa potrebbe rimanere nella collezione per un po’.

Articolo molto interessante
Ratto Fink Chopper - Harley-Davidson dedica a Ed Roth

Vedi tutte le 7 foto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP

Lascia un commento