AI può rivoluzionare i viaggi in autobus interurbani?

L’intelligenza artificiale sta rivoluzionando ogni settore della vita moderna, compresi i trasporti e i viaggi in autobus interurbani. I sistemi di trasporto di massa vengono modificati per utilizzare la tecnologia e le applicazioni dell’intelligenza artificiale per contribuire a ridurre il numero di veicoli monopasseggeri sulle strade e a ridurre le emissioni e il consumo di carburante.

Cos’è l’IA?

L’intelligenza artificiale si riferisce a computer e tecnologie in grado di apprendere e pensare come un essere umano senza la componente emotiva. L’obiettivo dell’intelligenza artificiale è quello di prendere grandi dati e ridurli a oggetti utilizzabili e informazioni utilizzabili. Gli sviluppatori vogliono che i sistemi siano in grado di imparare e di adattarsi man mano che vengono introdotte nuove informazioni e di prevedere il futuro sulla base di dati storici. L’intelligenza artificiale è a volte chiamata apprendimento automatico.

Applicazione attuale dell’IA nei trasporti

Il passaggio all’IA nei trasporti urbani è più diffuso di quanto la maggior parte di essi si renda conto. Inizia con la raccolta di un’enorme quantità di dati grezzi dalle attuali opzioni di trasporto di massa, raccogliendo informazioni sul numero di viaggiatori, sul numero di fermate, sulle destinazioni e sul costo. Le applicazioni di IA passano poi al setaccio e analizzano questi dati in modo più rapido ed efficiente di quanto possa fare qualsiasi essere umano, per trovare modelli e creare ipotesi affidabili che possano essere utilizzate per i veicoli di IA. I risultati di tutto questo scricchiolio di dati vengono utilizzati da tecnici e ingegneri per sviluppare sistemi automatizzati per i viaggi in autobus in tutte le città degli Stati Uniti

L’attuale applicazione dell’IA per il transito di massa è in fase di progettazione. I dati sono stati raccolti e ora l’IA sta vagliando i dati e fornendo soluzioni valide e piani per la fase successiva. Alcuni dei primi risultati che sono emersi da questo processo sono orari degli autobus più efficienti che corrispondono alle esigenze dei clienti.

Articolo molto interessante
Germi della stazione di servizio: Guzzling Grime by the Gallon?

I veicoli autonomi possono essere d’aiuto per un trasporto efficiente e per la riduzione delle emissioni.

Viaggi in autobus autonomi rispetto ai viaggi in autobus tradizionali

Anche se l’idea di autobus autonomi sembra lontana, non lo è. Le principali città di tutti gli Stati Uniti stanno già testando modelli beta. L’Asia impiega autobus autonomi dall’agosto del 2015. Questi autobus utilizzano telecamere speciali, radar laser e un computer master controller per tenere traccia delle condizioni della strada, del traffico e dei pedoni. Questi primi modelli di autobus hanno attualmente i conducenti come backup nel caso in cui qualcosa vada storto, ma sono essenzialmente veicoli a guida autonoma.

La preoccupazione dell’opinione pubblica per la sicurezza dei veicoli a guida autonoma rispetto ai tradizionali autobus interurbani dovrebbe essere rassicurata. Le statistiche dimostrano che l’errore umano si verifica molto più spesso dei guasti del sistema. I veicoli autonomi sono molto più sicuri dei veicoli tradizionali guidati dall’uomo. L’intelligenza artificiale contenuta nei veicoli a guida autonoma controlla continuamente la distanza spaziale tra il veicolo e le altre auto, le persone e gli oggetti.

Impatti e potenziali benefici degli autobus autonomi

Il vantaggio più significativo degli autobus senza conducente è la sicurezza del conducente. Secondo la NHTSA, più di 37.000 persone muoiono ogni anno in incidenti automobilistici e quasi il 95% è dovuto ad errori umani. La guida distratta, l’abuso di droga e alcol e altri problemi possono rendere le strade non sicure. I veicoli autonomi, compresi gli autobus, aiutano a ridurre la congestione del traffico, a migliorare drasticamente la sicurezza e a ridurre le emissioni e l’uso di gas.

Trasporto efficiente

Con l’IA al volante, calcolando rapidamente percorsi alternativi a causa di incidenti e congestione del traffico, i veicoli autonomi saranno molto più efficienti. Il lavoro che si sta facendo ora per raccogliere i dati sugli orari, le routine e la domanda dei clienti contribuirà a dettare il numero di autobus, i percorsi più efficienti da percorrere e le soluzioni economicamente vantaggiose per il transito di massa.

Riduzione delle emissioni

Anche se le case automobilistiche stanno facendo un lavoro migliore per controllare le emissioni dei nuovi veicoli, le città hanno un problema reale. Riducendo il numero di veicoli monovia e consolidando i viaggiatori in veicoli autonomi, la quantità di emissioni si riduce drasticamente, migliorando la qualità dell’aria e salvando il nostro pianeta come bonus.

Articolo molto interessante
I migliori luoghi da visitare nel novembre 2019 nel mondo

Riduzione del consumo di carburante

Il carburante non è una risorsa illimitata e, senza alcune modifiche, alla fine si esaurirà. Passando rapidamente a sistemi di autobus autonomi e a trasporti di massa più efficienti nelle città, il consumo di carburante si ridurrà drasticamente con meno auto in circolazione e il gas durerà più a lungo nel futuro.

L’intelligenza artificiale può prevenire il raggruppamento in autobus?

Gli orari degli autobus sono scaglionati, quindi i passeggeri hanno la possibilità di scegliere gli orari di prelievo. Tuttavia, a causa di ritardi, a volte, gli autobus arrivano alla stessa fermata alla stessa ora. Questa situazione è chiamata “bus bunching”. Uno dei compiti di AI sarà quello di monitorare costantemente la presenza alle fermate, gli orari degli autobus, i ritardi, i percorsi alternativi e altri fattori che possono portare al raggruppamento degli autobus. Il modello efficiente che gli ingegneri degli autobus stanno sviluppando dovrebbe eliminare questo fenomeno. Gli esseri umani non possono raccogliere e analizzare tutti questi dati in una sola volta, ma i computer e l’IA saranno in grado di farlo facilmente in millisecondi apportando piccole modifiche per far sì che tutto funzioni senza problemi e in tempo.

Adattare la città

L’adattamento dell’IA negli autobus urbani pubblici e interurbani sarà lento. I test sono già in corso in alcune grandi città con il lancio di flotte di autobus autonomi previsti entro i prossimi 5-7 anni. In primo luogo, però, occorrerà mettere a punto un gran numero di hardware e software per assistere i veicoli alla guida autonoma. Cose come telecamere, radar e software sono già in funzione durante questa sessione di pianificazione della fase II.

Operazioni di gestione del traffico

Le operazioni di gestione del traffico interurbano sono uno sforzo combinato di autisti e spedizionieri che li aiutano a evitare la congestione, gli incidenti e altri problemi legati al traffico che potrebbero ritardare gli orari degli autobus. Sia gli autisti che gli spedizionieri lavorano su ciò che possono vedere e sentire, e questo a volte si traduce in errori umani e inefficienze. Con l’accesso a centinaia di telecamere e radar che restituiscono dati in tempo reale insieme all’analisi predittiva, AI ha il vantaggio di essere molto più efficiente, di guidare in orario e di evitare errori umani. Non solo l’IA può “vedere” ciò che accade a chilometri di distanza, ma può anche prevedere il probabile futuro sulla base dei dati storici e attuali.

Articolo molto interessante
5 motivi per cui è più intelligente viaggiare in autobus questo Ringraziamento

Attualmente, le città utilizzano telecamere del traffico che eseguono una ricerca VIN istantanea per monitorare il traffico ed emettere biglietti quando necessario. Questi sistemi saranno aggiornati con modelli più sofisticati che possono comunicare avanti e indietro con autobus autonomi per una migliore gestione del traffico e il monitoraggio dell’intero sistema.

Applicazioni AI

Gli esperti prevedono che il trasporto di massa sarà collegato a un’unica applicazione mobile dove i clienti pagheranno una tariffa forfettaria per il trasporto su uno dei tanti tipi di veicoli autonomi come autobus, treni, auto e navette. La singola app collegata all’IA permetterà ai viaggiatori di prenotare il passaggio, pagare i biglietti e rivedere gli orari in continuo cambiamento per arrivare dove stanno andando in modo rapido ed efficiente.

Poiché tutti i dati saranno centralizzati, i clienti avranno la possibilità di scegliere la migliore soluzione di ride-share che si adatta alle loro esigenze. Possiamo solo ipotizzare quanto presto e fino a che punto questa tecnologia si spingerà.

Conclusione – L’impatto dell’IA sui viaggi in autobus interurbani

L’impatto complessivo della tecnologia AI sui viaggi in autobus interurbani dovrebbe essere estremamente positivo, con molti vantaggi. Prima, durante e dopo l’implementazione, gli statistici raccoglieranno dati per certificare i risultati. Più le persone si sentiranno sicure ed efficienti, più utilizzeranno questo nuovo rivoluzionario tipo di viaggio.

Informazioni sull’autore:

Ben è lo scrittore tecnico esperto di InfoTracer, dove è autore di guide sulla postura di sicurezza, sia fisica che informatica. Oltre alla sicurezza, Ben è appassionato del mondo dell’automobile e testa regolarmente nuovi veicoli su autostrade e strade secondarie. Gli piace condividere le migliori pratiche e lo fa nel modo giusto!

Lascia un commento