Airbnb e hotel: qual è il più economico?

Quando si organizzano le vacanze, le spese possono aumentare se non si sta attenti. Il vostro obiettivo è quello di ottenere le migliori offerte sulle nozioni di base come l’alloggio e il trasporto, in modo da poter ottenere di più dalle esperienze che fanno davvero riaffiorare i ricordi: attività divertenti, pasti speciali e anche qualche souvenir. Sapsbus copre tutto ciò che riguarda l’acquisto di biglietti d’autobus in tutto il mondo, quindi questa volta abbiamo voluto approfondire il prezzo degli alloggi. Per fare questo, abbiamo analizzato 220.000 annunci di Airbnb in tutto il mondo, e abbiamo controllato il prezzo medio degli hotel attraverso uno dei più grandi siti web di ricerca di hotel, Hotels.com, per scoprire quale è più redditizio nella maggior parte delle città: Airbnb o un hotel.

I viaggiatori hanno diverse opzioni per trovare un alloggio. Oltre alla tradizionale opzione di prenotazione delle camere d’albergo, molte persone scelgono Airbnb: una community online (nota anche come sito di ricerca di case) dove è possibile scegliere e prenotare diversi tipi di alloggio per un breve periodo di tempo in qualsiasi parte del mondo. Abbiamo deciso di confrontare il prezzo medio di hotel e Airbnb in 22 città. Continuate a leggere per vedere cosa abbiamo scoperto.

Confrontiamo i prezzi di Airbnb e degli hotel nelle più importanti città d’Europa e Australia. L’Europa è un feudo delle proprietà Aibnb. La maggior parte dei suoi alloggi si trova nel vecchio continente. In otto delle nove città che abbiamo esaminato, il prezzo medio di Airbnb è inferiore a quello degli hotel.

In molte città, tra cui Berlino, Madrid, Parigi e Vienna, il prezzo medio di un hotel è quasi il doppio del costo di un alloggio Airbnb. E a Sydney, l’unica città australiana che abbiamo studiato, il prezzo medio di un hotel è circa il 28% più alto di un alloggio Airbnb.

Articolo molto interessante
Viaggiare in Messico in autobus: dalla tranquillità di Tulum al caos di Città del Messico

Tuttavia, è diverso nella città di Barcellona, considerata la città più cosmopolita della Spagna: il prezzo medio di Airbnb è superiore dell’81% rispetto agli hotel. Barcellona è una destinazione molto popolare per i turisti, ed è possibile che la forte domanda generi un aumento dei prezzi. Inoltre, la città richiede un permesso speciale per pubblicizzare gli appartamenti.

Per quanto riguarda gli Stati Uniti (e anche a Toronto, la più grande città del Canada), il confronto tra i prezzi di hotel e Airbnb offre risultati interessanti. I prezzi dell’Airbnb sono più competitivi in sette delle dodici città che abbiamo studiato. Airbnb vince la battaglia nel Nord-Est e nel Nord-Ovest del Pacifico, mentre gli hotel hanno tariffe migliori nel Sud.
In alcune città, la differenza di prezzo è drammatica. Ad esempio, a Toronto, una camera d’albergo costa in media il 50% in più che su Airbnb. Tuttavia, ad Austin, il prezzo medio di Airbnb è superiore del 57% rispetto a quello di una camera d’albergo. È interessante notare che Austin è la patria di HomeAway – uno dei principali concorrenti di Airbnb.

La tabella seguente mostra la differenza di prezzo tra i soggiorni in hotel e gli alloggi Airbnb in diverse città. Gli hotel sono più economici in sei delle 22 città che abbiamo analizzato, e gli alloggi Airbnb sono più economici in 16 città. La differenza di prezzo varia da un paio di euro a più di cento euro. A Barcellona e Austin, il soggiorno in albergo costa in media circa cento euro in meno rispetto a un alloggio Airbnb. Ma a Londra e Parigi, i prezzi sono circa un centinaio di dollari in meno rispetto a un soggiorno in hotel. E a New Orleans, San Francisco e Los Angeles, c’è meno di dieci euro di differenza tra i due.

Articolo molto interessante
Sapsbus lancia la nuova Bus Booking Mobile App per Android

Gli annunci Airbnb offrono vari tipi di alloggi da affittare a notte. Affittare una stanza privata significa avere la propria camera da letto, ma condividere altre aree della casa, come la cucina, con i proprietari. Il prezzo medio è di 70 euro, ma si possono trovare camere a meno di 50 euro a Madrid, Berlino e Toronto.

Se siete disposti a condividere l’alloggio (compresa la camera da letto) con un’altra persona, il prezzo medio è di 60 euro -circa dieci euro in meno rispetto a una camera privata-. Le migliori offerte di camere condivise sono a Berlino, Sydney e Vienna.
Se viaggiate in gruppo, affittare una casa o un appartamento completo può essere la vostra migliore opzione. Il prezzo medio è di 165 euro a notte, ma a Berlino, Vienna o Madrid si possono trovare case a meno di 100 euro. Qualunque sia il tipo di alloggio che state cercando, quando prenotate una casa condivisa è importante che scegliate con attenzione, fate al proprietario tutte le domande che avete e mettete sempre la vostra sicurezza al primo posto.

LA VACANZA NEL VOSTRO MODO

Sia che stiate pianificando una vacanza unica o una visita annuale agli amici in un’altra città, è sempre una buona idea cercare le migliori offerte in termini di alloggio. Come rivela il nostro studio, a seconda della destinazione scelta, è più probabile che troviate un’offerta in un alloggio Airbnb.
.
Tuttavia, Airbnb non è sempre perfetto. La vostra esperienza può variare a seconda dell’ospitalità del proprietario, e non in un team più grande, come in un hotel. In ogni caso, ricordatevi di controllare Sapsbus per i biglietti dell’autobus a buon mercato, in modo da poter trascorrere la vostra vacanza facendo esattamente quello che stavate cercando: vedere il mondo.

Articolo molto interessante
Cosa fare a Chiang Mai? L'ultima lista di secchielli

METODOLOGIA

Abbiamo utilizzato il listino prezzi di Hotels.com e i dati raccolti da Inside Airbnb.
.
218.980 annunci Airbnb sono stati analizzati da Inside Airbnb. I prezzi degli hotel sono la media dei prezzi di tutti gli hotel elencati su Hotels.com durante la prima metà del 2015.

Tutte le tariffe lorde di Inside Airbnb sono state indicate in valuta locale e sono state convertite in dollari canadesi con il convertitore di valuta di Yahoo il 18 gennaio 2016.

FONTI

http://hpi.hotels.com/usa-h12015/

http://insideairbnb.com/get-the-data.html

http://blog.airbnb.com/airbnb-growth-europe/

http://www.citylab.com/housing/2015/12/barcelona-airbnb-tourism/421788/

https://www.airbnb.com/help/article/5/what-does-the-room-type-of-a-listing-mean

http://www.cntraveler.com/stories/2014-01-14/six-tips-for-first-time-airbnb-renters

USO DEL CONTENUTO

Le immagini di questa pagina possono essere utilizzate liberamente. Se lo fate, vi preghiamo di collegarvi al contenuto di questa pagina, in modo che i lettori possano saperne di più su questo progetto e sugli studi correlati.

Lascia un commento